Noti ulteriori dettagli sull’assassinio del generale iraniano Soleimani

Ricordo che Soleimani è stato l’ufficiale iraniano che più ha avuto un ruolo nella sconfitta dell’ISIS in Siria. Al momento dell’agguato Soleimani era in Iraq in missione diplomatica, inviato dal suo paese. 

Ora sono noti ulteriori dettagli sull’esecuzione statunitense del comandante delle forze Al-Quds dell’IRGC iraniano, Shahid Qasem Soleimani, avvenuto nel gennaio 2020.

Yahoo News, citando un rapporto dell’intelligence americana, riferisce che i servizi speciali sono riusciti a “introdurre” un telefono cellulare con spyware installato nell’entourage di Suleimani, ma questo ha avuto solo un effetto temporaneo, poiché i dispositivi sono stati spesso sostituiti. 6 ore prima che l’aereo con il generale atterrasse all’aeroporto di Baghdad, Israele ha dato agli americani il numero di tre telefoni cellulari che Suleimani stava attualmente utilizzando. Sono stati presi sotto controllo dagli specialisti della CIA a Baghdad.

La parte orientale dell’aeroporto di Baghdad è stata “chiusa” con urgenza per l’addestramento, che è stato ufficialmente “portato” agli iracheni. Tre gruppi di cecchini delle forze speciali Delta stavano lavorando sul terreno, una delle squadre stava trasmettendo da una telecamera puntata sulle armi al quartier generale dell’operazione.

La portata dell’oggetto era compresa tra 600 e 900 m. La raccolta di informazioni operative prima, durante e dopo l’operazione è stata effettuata da specialisti di una delle unità più segrete del Comando per le operazioni speciali degli Stati Uniti, la Task Force Orange. Forze speciali curde alleate degli Stati Uniti, che erano travestiti da tecnici aeroportuali.

Uno dei combattenti ha “parcheggiato” direttamente l’aereo ed era il più vicino possibile a Suleimani. Tre UAV MQ-9 Reaper erano in servizio contemporaneamente nei cieli di Baghdad. Dopo aver ricevuto il comando, due missili Hellfire hanno colpito il SUV dove erano di stanza Qasem Soleimani e Abu Mahdi al-Muhandis. Il conducente della seconda vettura ha aumentato la sua velocità per allontanarsi dall’impatto, dopo pochi metri è stato investito da un cecchino Delta. Dopo essersi fermato, anche il SUV è stato distrutto da un missile.

Travestito da poliziotto iracheno, un soldato delle forze speciali curde ha scattato fotografie delle conseguenze dell’attacco e ha prelevato campioni per un test del DNA.

Dopo essersi fermato, anche il SUV è stato distrutto da un missile. Travestito da poliziotto iracheno, un soldato delle forze speciali curde ha scattato fotografie delle conseguenze dell’attacco e ha prelevato campioni per un test del DNA.

Dopo essersi fermato, anche il SUV è stato distrutto da un missile. Travestito da poliziotto iracheno, un soldato delle forze speciali curde ha scattato fotografie delle conseguenze dell’attacco e ha prelevato campioni per un test del DNA.

@vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.