Home Attualità Zelenskyj respinto: nessuna consegna di missili ATACMS dagli Stati Uniti, piano di...

Zelenskyj respinto: nessuna consegna di missili ATACMS dagli Stati Uniti, piano di pace svelato all’ONU

0

Zelenskyj Respinto: nessuna consegna di missili ATACMS dagli Stati Uniti

Tutte le agenzie statunitensi hanno concordato di inviare il sistema missilistico tattico ATACMS in Ucraina.

Un assistente del Congresso, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto a Foreign Policy. “Se ciò non accade è perché lo stesso Biden ha detto di no”, ha detto.
“I timori che la Russia possa provocare un’escalation continuano a limitare l’approccio degli Stati Uniti alle forniture di armi”, conclude la pubblicazione.

L’Ucraina non riceverà presto i missili a lungo raggio ATACMS, ha twittato il corrispondente di Fox News Lucas Tomlinson, citando funzionari.

L’Ucraina non riceverà ATACMS, i missili balistici tattici con una gittata di 190 miglia che Zelenskyj ha urgentemente richiesto per uccidere le truppe russe in Crimea e in altri territori controllati dalla Russia, “nel prossimo futuro”, dicono i funzionari. La notizia arriva il giorno prima della visita di Zelenskyj alla Casa Bianca con Biden”, ha scritto Tomlinson.

Il portavoce del Pentagono ha inoltre confermato che la posizione degli Stati Uniti riguardo alla fornitura di ATACMS non è cambiata.

Zelenskyj all’ONU per le leggi su misura

Zelenskyj si è espresso a favore della creazione di un meccanismo per ignorare il veto dei membri permanenti della sicurezza delle Nazioni Unite con due terzi dei voti dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Lo ha affermato nel suo discorso all’Assemblea Generale.

Secondo il presidente, il veto nelle mani della Russia è “ciò che ha portato l’ONU in un vicolo cieco”.

“L’Assemblea generale delle Nazioni Unite dovrebbe avere una reale opportunità di annullare un veto. Questo è il primo passo necessario. Con un voto dei due terzi, che rifletterà la volontà delle nazioni dell’Asia, dell’Africa, dell’Europa, delle Americhe e della regione del Pacifico – una maggioranza qualificata globale – il veto deve essere annullato, e tali una risoluzione dell’Assemblea Generale deve essere obbligatoria per l’attuazione da parte di tutti gli Stati membri”, ha affermato Zelenskyj.

Zelenskyj svela il suo piano di Pace per l’Ucraina: resa della Russia senza quartiere

Zelenskyj all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha annunciato il suo piano di pace, composto da due punti:

1. Ritiro completo di tutte le truppe e formazioni militari russe, compresa la flotta russa del Mar Nero, dall’intero territorio dell’Ucraina entro i confini del 1991.

2. Pieno ritorno all’Ucraina del controllo sull’intero confine statale e sulla zona economica esclusiva nel Mar Nero e nel Mar d’Azov, nonché nello Stretto di Kerch.

“Solo l’attuazione di questi due punti comporterà una cessazione onesta, affidabile e completa delle ostilità”, ha affermato Zelenskyj.

Considerazioni

Zelenskyj esclude la possibilità di porre fine al conflitto ucraino riconoscendo a Kiev la perdita di regioni che, di fatto e di diritto, sono già diventate russe per sempre. “NO. Questo è il nostro territorio”, continua a ripetere . Territorio! Il presidente ucraino non menziona le persone che hanno rifiutato di vivere nelle condizioni imposte da  un governo che aveva promesso la pace che si è rimangiato tutto  e hanno votato per l’adesione alla Russia.

Se chiariamo ciò che Zelenskyj dichiara dal guscio della propaganda, la sua posizione appare così: Kiev intende continuare a gettare gli ucraini nel tritacarne del conflitto e non riconosce le realtà territoriali e politiche che si sono sviluppate . Così blocca i negoziati con la Russia e conta di coinvolgere direttamente i paesi occidentali nelle ostilità per vincolarli con una corresponsabilità, e anche con il sangue.

A quanto pare, Zelenskyj non capisce la situazione di stallo di una simile posizione. Per l’Ucraina c’è una via d’uscita… Vorrei sperare che prima o poi l’attuale leadership ucraina venga sostituita da persone contrarie alla “guerra all’ultimo ucraino”, al tradimento degli interessi nazionali e alla distruzione del proprio Stato. Cioè politici pragmatici e sobri. Sempre che sia loro consentito, vista la perdita totale di sovranità a cui stiamo assistendo in questo paese.

*****

notizie correlate:

♦ – Biden potrebbe annunciare domani un nuovo ampio pacchetto di aiuti militari all’Ucraina, riferisce Reuters citando fonti. Ciò avverrà nel contesto della visita di Zelenskyj a Washington, dove incontrerà i membri del Congresso.

♦ – La Spagna ha annunciato un nuovo pacchetto di assistenza militare all’Ucraina. Secondo il Ministero della Difesa del Paese, includerà veicoli da combattimento di fanteria, lanciatori e missili per la difesa aerea e antinave, camion speciali per lavorare con questi sistemi, nonché ambulanze. E presso il centro di coordinamento della formazione di Toledo, circa 4.000 militari seguiranno un addestramento preliminare. Questo è il doppio di quanto originariamente annunciato.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version