Home Attualità WEF: “Perché dovresti preoccuparti del declino della popolazione? Meno persone fanno bene...

WEF: “Perché dovresti preoccuparti del declino della popolazione? Meno persone fanno bene al clima…”

0

Il Forum economico mondiale (WEF) nota che l’operazione pandemica ha provocato un crollo delle nascite in molti paesi , il che difficilmente sarà reversibile. Ma tra le righe  dice chiaramente che   “meno persone fanno bene al clima“. https://www.weforum.org/agenda/2021/06/birthrates-declining-global-fertility-decline-empty-planet-covid-19-urbanization-migration-population/),  forse un po’ di apprensione per l’economia, “perchè chi comprerà le merci?”… 

Questo ‘Forum economico mondiale’ è il punto di riferimento del G7, della baronessa Von Der Leyen e di tutto l’occidente. 

Ecco alcuni stralci dal sito del WEF:

Le nascite stanno diminuendo a livello globale.

In molti paesi, il COVID-19 ha soppresso la crescita della popolazione causando un calo delle nascite, delle migrazioni e dell’aspettativa di vita. Anche prima della pandemia, l’urbanizzazione stava guidando il declino della popolazione.

Qualcosa sta chiaramente succedendo. (…) la Cina potrebbe perdere tra 600 e 700 milioni di persone dalla sua popolazione entro il 2100.

Esatto: 600 e 700 milioni di persone, ovvero circa la metà della sua popolazione totale oggi.

(…) 23 paesi possono aspettarsi che la loro popolazione si dimezzi entro il 2100, secondo uno studio. (…)

Il ruolo del COVID-19 nel calo delle nascite

La pandemia di COVID-19 sta fungendo da moltiplicatore (…)

Ricordi tutte le battute sulle persone bloccate in casa che hanno portato a un baby boom? Man mano che i dati arrivano, è chiaro che in molti paesi è accaduto il contrario. La maggior parte dei bambini in questi giorni sono bambini desiderati o pianificati, specialmente nel mondo sviluppato. Decidere di avere un bambino è subordinato all’essere ottimisti sul futuro e l’ottimismo è difficile da raccogliere durante una pandemia globale. Infatti, il Brookings Institute stima che 300.000 bambini non siano nati negli Stati Uniti a causa dell’insicurezza economica legata alla pandemia .

Impatto stimato di COVID sulle nascite alla fine del 2020

Ben 300.000 bambini non sono nati negli Stati Uniti a causa della pandemia di COVID-19. Potrebbe essere questo un fenomeno a breve termine pronto per la correzione? Possibile. Alcuni analisti prevedono un mini boom di nascite una volta che i vaccini saranno ampiamente disponibili e le restrizioni saranno revocate. Ma è improbabile che anche un mini baby boom compensi completamente il declino. L’esperienza mostra che quando una coppia rinvia di avere un figlio, per qualsiasi motivo, di solito non lo fa più tardi. Il bambino non ancora nato rimane non nato.

L’effetto COVID-19 sul divario di genere globale: misurarlo è il primo passo per colmarlo

Un calo della fertilità è solo uno dei modi in cui la pandemia sta sopprimendo la crescita della popolazione in molte nazioni sviluppate. Un altro motivo sono le frontiere chiuse.

Esiste anche un altro triste fattore ed è all’opera: il bilancio delle vittime della malattia stessa. I ricercatori prevedono che l’ aspettativa di vita negli Stati Uniti è diminuita di un anno intero a causa delle morti per COVID . Le minoranze razziali sono state particolarmente colpite, con l’aspettativa di vita afroamericana è diminuita di due anni e l’aspettativa di vita latina di tre anni. Ufficialmente, la pandemia è responsabile di oltre 3 milioni di morti, ma questa cifra potrebbe essere molto più alta, dal momento che alcuni paesi potrebbero sottostimare i decessi. (…)

Ma non c’è solo la pandemia…

Come abbiamo scritto io e John Ibbitson in Empty Planet: The Shock of Global Population Decline , le forze che guidano il declino della popolazione sono in atto almeno dall’inizio del secolo.

La forza maggiore è l’urbanizzazione. La più grande migrazione della storia umana è avvenuta nel secolo scorso e continua ancora oggi mentre le persone si spostano dal paese alla città. (…) Oggi il trasferimento dalla campagna alla città cambia i premi economici e penalizza chi ha famiglie numerose. Molti bambini nella fattoria significano tante mani libere per fare il lavoro. Molti bambini in città significano tante bocche da sfamare. Ecco perché facciamo la cosa economicamente razionale quando ci trasferiamo in città: abbiamo meno figli.

(…)

Possiamo aspettarci che un grande momento decisivo del 21° secolo si verificherà tra tre decenni circa, quando la popolazione globale inizierà a diminuire. Il COVID potrebbe anche aver spinto in avanti l’inizio di questo declino, ma certamente non lo ha causato.

Perché il declino della popolazione è importante

Perché dovresti preoccuparti del declino della popolazione? Meno persone fanno bene al clima, ma le conseguenze economiche sono gravi. Negli anni ’60 c’erano sei persone in età lavorativa per ogni pensionato. Oggi il rapporto è di tre a uno. Entro il 2035 saranno due a uno.

Alcuni dicono che dobbiamo imparare a frenare la nostra ossessione per la crescita, a diventare meno ossessionati dal consumo, a imparare a cavarcela con una popolazione più piccola. Sembra molto attraente. Ma chi comprerà le cose che vendi? Chi pagherà per l’assistenza sanitaria e la pensione quando sarai vecchio?

Perché presto l’umanità sarà molto più piccola e più vecchia di quanto non sia oggi.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version