Venezuela – sulla centrale elettrica di “el-Ghuri” definita dai media come arretrata

Il governo venezuelano  riguardo ai blackout ed alle esplosioni avvenute in alcune centrali elettriche del paese – che ha portato al blocco totale del sistema  – ha affermato che le stesse sarebbero state colpite da attacchi informatici o comunque da sabotaggi.

In particolare, l’origine del prolungato  blackout nazionale sarebbe stato un “atto di sabotaggio” all’impianto idroelettrico Guri 10,3-GW . E’ da tenere in debita considerazione che la centrale elettrica di Guri  che è  per potenza la 4^ centrale del mondo e soprattutto che – da sola – fornisce il 73% dell’energia necessaria per fabbisogno nazionale  , quindi non serve granché a bloccare l’intero paese.

Tuttavia i media non hanno riportato questo. La maggior parte dei media hanno obiettato dicendo che questo tipo di malfunzionamenti in Venezuela ci sono sempre stati e che gli impianti sono talmente antiquati che non possono prestarsi ad attacchi informatici.

Ebbene, non è così – a prescindere se il sabotaggio sia avvenuto o mneo – la centrale el Ghori dispone di una elevata automazione ed informatizzazione ed è connessa con la rete globale.  Come vedremo più dettagliatamente in segutito, la criticità esistente è invece la riduzione endemica dell’acqua per siccità, insieme all’aumento  esponenziale dei consumi degli ultimi anni.

Ma in questo senso bisognerebbe tenere in debito conto che le centrali idroelettriche possono ripartire molto più facilmente quando necessita la procedura di ripartenza a freddo, meglio conosciuta come ‘bootstrap’ . 

Mi pare perciò che conclusioni come quelle che ha dato Forbes circa il possibile utilizzo di queste tecniche – a prescindere dal giudizio politico complessivo che comunque non ne giustifica l’utilizzo – siano molto plausibili.

La domanda se esiste o meno collegamento tra colossale blackout e le minacce degli Stati Uniti a cui fa comodo estremizzare ancora di più la situazione attuale, è quindi quando mai attuale.

Tale domanda non può rimanere che aperta, ma spero di fornire alcuni dati utili che contribuiscano ad una corretta informazione, a prescindere del giudizio politico che poi ognuno è libero di dare.

Alcuni cenni sulla centrale el Ghuri o ‘Simón Bolívar Hidroelectric power station’

La centrale idroelettrica di Guri è situata a 100 km a monte del fiume Caroni nel canyon di Necuima, nell’Orinoco. La centrale ha una capacità installata di 10.200 MW ed è la terza più grande centrale elettrica del mondo. Elettricità venezuelana CVG Elettrificazione del Caroni CA (Edelca) gestisce e manutenziona la centrale elettrica.

L’impianto fornisce circa 12.900 GW / h di energia al Paese. La costruzione della centrale elettrica è stata effettuata dopo che il governo ha adottato una politica negli anni ’60 per ridurre al minimo la quantità di energia prodotta dai combustibili fossili. L’impianto contiene tre switchyts ad alta tensione che funzionano a 800kV, 400kV e 230kV. I pozzetti sono disposti in una configurazione breaker-e-half  (power-technlogy)

La centrale di Ghuri comunque non è antiquata

Nel 2005, la centrale elettrica El-Guri ha subito un ammodernamento tecnico su larga scala, che è stato effettuato dal consorzio tecnologico internazionale ABB – Asea Brown Boveri Ltd

Si tratta di una multinazionale svedese e svizzera multinazionale specializzata in ingegneria elettrica, ingegneria energetica e tecnologia dell’informazione. La società è stata fondata nel 1988 dalla fusione della società svedese ASEA e della società svizzera Brown, Boveri & Cie. Gli uffici della società sono rappresentati in più di 100 paesi del mondo, la sede ABB è situata nella sede centrale della città svedese e svizzera – a Stoccolma e Zurigo. Gli impianti di produzione si trovano in Germania, Svizzera, Svezia, Italia, Francia, Russia, Repubblica Ceca, India, Cina, Stati Uniti, Portogallo, Brasile, Finlandia, Estonia, ecc.

Questo per capire l’azienda su quale scala è stata impegnata nella modernizzazione di Al-Ghuri .
Dal 2005 al 2007, ABB ha svolto attività di ammodernamento di Al-Ghury in base ad un accordo con il governo del Venezuela, che prevedeva che dopo la modernizzazione, la centrale avrebbe continuato a funzionare per altri 30 anni.

E quindi, cosa è stato fatto durante il periodo di lavori di modernizzazione a El-Ghuri?

Apriremo la rivista aziendale di ABB Review per marzo 2006, https://library.e.abb.com/public/f27f769220adaeaac12571d9004169c6/32-36%203M647_ENG72dpi.pdf (13 anni prima degli eventi in corso) e analizzeremo la descrizione del lavoro svolto.

https://www.vietatoparlare.it/wp-content/uploads/2019/03/Об-quotотсталойquot-электростанции-quotЭль-Гуриquot.liv

La stessa azienda dice di se stessa:
ABB è un leader mondiale nel campo dei moderni sistemi di controllo. le sue tecnologie vengono introdotte nelle moderne centrali idroelettriche per soddisfare le esigenze degli utenti in un elevato grado di automazione

Il progetto di modernizzazione è stato portato avanti da Guri Dam insieme ai suoi proprietari, C.VG Electrificacion del Caroni CA (EDELCA), e comprende attività che forniranno aggiornamenti tecnologici e funzionali in modo che questa risorsa nazionale possa funzionare per i prossimi 30 anni.
I miglioramenti includono la riparazione meccanica completa delle unità di produzione, che vengono attualmente eseguite da vari fornitori di turbine e appaltatori meccanici.

L’ammodernamento del sistema di gestione e protezione viene effettuato da ABB con un contratto separato.

Il sistema di controllo distribuito (DCS) sviluppato da ABB per l’impianto integrerà i primi tre livelli del sistema di controllo gerarchico esistente.
Il primo livello contiene dispositivi di campo (trasmettitori intelligenti e I / O remoto), stazioni che comunicano con il prossimo livello di controllo attraverso una rete Profibus.

https://www.vietatoparlare.it/wp-content/uploads/2019/03/Об-quotотсталойquot-электростанции-quotЭль-Гуриquot.liv
Nell’ illustrazione – una delle opzioni di rete Profibus

Il secondo livello contiene l’unità Sistema di controllo (UCS), che è basato sul controller ABB IndustrialIT, AC800M.

Questo livello supporta tutte le sequenze di controllo automatico per l’avvio di blocchi generatori.
La ridondanza è inclusa nella progettazione del sistema e ne garantisce l’affidabilità. Ogni UCS avrà due interfacce uomo-macchina ridondanti (HMI) basate su ABB Power
(PGP), controller, HMI e accessori che saranno integrati in apparecchiature esistenti in fabbrica.

Il livello successivo del sistema di controllo contiene console operatore per ogni unità, che sarà localizzata nei punti di controllo esistenti di ogni centrale elettrica . Questo livello interagirà con il sistema di gestione centralizzato esistente
che è stato installato da SNC Lavalin alla fine degli anni ’90. Supporterà l’intero livello di gestione degli impianti e tutte le moderne applicazioni di gestione, tra cui generazione automatica, grafica e controllo, controllo automatico della tensione, controllo del flusso fluviale, ecc.

Il sistema di controllo distribuito comprende portali a portale per operatori ABB di generazione di energia, controllori di livello di processo ABB IndustrialIT AC800M e moduli di I / O ABB S800, oltre a trasmettitori intelligenti .
A livello di operatore, gli operatori possono controllare la centrale idroelettrica utilizzando le funzioni del pannello di controllo, il pannello di controllo principale (MCS) e l’UCS.

Lo stato del processo viene presentato su monitor a colori sotto forma di processo, oggetto e visualizzazione di curve, allarmi e messaggi.

https://www.vietatoparlare.it/wp-content/uploads/2019/03/Об-quotотсталойquot-электростанции-quotЭль-Гуриquot.liv
Questo è approssimativamente il modo in cui l’attrezzatura è vista dagli operatori della centrale elettrica El-Ghuri.

https://www.vietatoparlare.it/wp-content/uploads/2019/03/Об-quotотсталойquot-электростанции-quotЭль-Гуриquot.liv
Quindi la questione sull’arretratezza tecnologica non è un argomento sostenibile.

A livello di processo, il sistema di controllo è costituito da controllori ridondanti per ogni unità e da un sistema comune in due centrali elettriche.
I controller hanno la capacità di fornire elaborazione analogica e digitale, controllo logico, nonché funzioni di monitoraggio, raccolta, conteggio e comunicazione.

Ogni controller dispone di porte Ethernet locali che consentono la comunicazione peer-to-peer su una LAN (rete locale Ethernet) ridondante. I controller possono funzionare anche indipendentemente dalla rete locale.

L’operatore e i controllori comunicano tra loro utilizzando il server OPC / client.
I moduli di comunicazione sono utilizzati per collegare Profibus a stazioni I / O situate in remoto e trasmettitori intelligenti. come
connessioni seriali RS232 Le porte di comunicazione integrate nei controller vengono utilizzate per lavorare con il sistema I / O locale.

https://www.vietatoparlare.it/wp-content/uploads/2019/03/Об-quotотсталойquot-электростанции-quotЭль-Гуриquot.liv
La Master Station, costruita nel 2006 è di tipo Master SCADA Station .

Il sistema di console è realizzato secondo gli standard del settore e ha un sistema operativo Windows XP

Il sistema ha un’architettura aperta che consente di implementare una vasta gamma di protocolli di comunicazione con la possibilità di interagire con software e database di terze parti.
La postazione operatore dispone dell’interfaccia grafica necessaria, inoltre l’operatore può utilizzare la gestione degli allarmi, la sequenza dei messaggi degli eventi, le funzioni di registrazione dei dati e i meccanismi di autorizzazione degli utenti.

Il controller comunica con altri controller e HMI tramite Ethernet LAN e WAN (Wide Area Network). La rete di controllo funziona a una velocità di 100 Mbps.

Alla luce di questi dati, non appare plausibile che l’obsolescenza tecnologica possa essere il motivo del blackout. Ovviamente questo non porterebbe all’esplosione quasi contemporanea di più centrali come è avvenuto. 

Se vogliamo parlare di criticità è da riscontrarsi soprattutto nella crisi idrica

La crisi energetica attuale è da correlare alla crisi idrica. Il Venezuela ha deciso negli anni passati di far ricorso quasi esclusivamente alle centrali idroelettriche e non ai combustibili fossili. Vi chiederete allora perché è stata presa questa decisione. La risposta è che la decisione una decisione politica del presidente Chavez, una scelta ecologica. Ma ciò che non si è preventivato, è cosa sarebbe potuto succedere in caso di una eventuale crisi idrica , che negli ultimi anni è avvenuta effettivamente.

Ad aggravare ancor di più la situazione, la domanda di energia ha continuato a salire dopo che il governo ha congelato i tassi di elettricità nel 2002 e ha iniziato a sovvenzionare i consumi. Sempre più persone hanno acquistato condizionatori d’aria, TV e così via. Oggi, il tasso pro-capite di consumo di elettricità del Venezuela è uno dei più alti in America Latina.

Queste due tendenze hanno messo a dura prova la rete. “Tra il 2003 e il 2012”, osserva l’US Energy Information Administration, “il consumo di elettricità del Venezuela è aumentato del 49% mentre la capacità installata è aumentata solo del 28%, lasciando la rete elettrica venezuelana allungata”. Non aiuta molte famiglie a connettersi alla rete illegalmente , attingendo a linee elettriche esistenti.

Gli effetti della crisi idrica ancora in corso – che ha abbassato di molti metri il bacino da cui attinge la centrale al Ghuri –  ha portato a razionare l’elettricità nel paese.  Il quotidiano venezuelano di centro-sinistra El Nacional indica che all’inizio del 2016,  il presidente Maduro aveva ordinato un programma di 40 giorni per razionare l’elettricità a quattro ore al giorno in 10 dei 23 stati. Non si prevedeva allora che la crisi idrica potesse migliorare.

In questo contesto accanto alle sanzioni, in una situazione già precaria i sabotaggi non sono estranei a casistiche di situazioni simili. In proposito c’è chi giura che il black out sia avvenuto a causa di attacchi informatici e sabotaggi. C’è invece chi difende gli USA ed il suo operato che – nel caso del Venezuela – è difeso anche dalla Chiesa.

Conclusioni

La testimonianza del cardinale descrive il grido del paese. Rimane comunque una risposta irrisolta: le opzioni non dovrebbero essere ridotte solo nello scegliere tra la padella e  la brace ma nello scegliere veramente per la libertà, la prosperità,  l’autodeterminazione del popolo venezuelano. La domanda ovviamente è: ci sono uomini per fare questo? Ma deve essere anche:  è plausibile che gli attacchi informatici siano stati operati per cavalcare dall’esterno le difficoltà del paese?

Per quest’ultimo aspetto – che fin qui abbiamo approfondito – la conclusione di Forbes mi pare sia equilibrata:

Mettendo tutto questo insieme, è estremamente probabile che il blackout della scorsa settimana in Venezuela sia stato il semplice risultato dei problemi infrastrutturali del paese piuttosto che una mirata azione informatica degli Stati Uniti finalizzata a cacciare il presidente Maduro. Tuttavia, l’incapacità di scartare definitivamente gli Stati Uniti o altri interventi stranieri, sia intenzionali che accidentali, dimostra l’incredibile potere di utilizzare gli attacchi cibernetici per indirizzare le utility. Tali interruzioni possono rapidamente trasformare una popolazione contro il suo governo rendendo quasi impossibile dimostrare definitivamente l’intervento straniero.

Alla fine, indipendentemente da ciò che è realmente accaduto la scorsa settimana in Venezuela, è probabile che gli attacchi alle infrastrutture basate su cyber continueranno a crescere come arma della guerra moderna.

@vietatoparlare

*i dati riportati sono stati reperiti da internet

Facebook Comments