Home Attualità USA – Tik Tok inserito nella battaglia commerciale contro la Cina

USA – Tik Tok inserito nella battaglia commerciale contro la Cina

0

In vista severe restrizioni per Tik Tok: per il governo degli Stati Uniti, se i social non lavorano ad uso esclusivo dell’agenda governativa sono inutili. L’articolo è del Think Thank Responsible Statecraft:

TikTok è stato di gran moda a Washington. Ma non per i motivi che hanno spinto circa 150 milioni di americani a usarla, bensì per la fretta dei politici di provare a vietare l’app, che è di proprietà di ByteDance, un’azienda cinese.

Due importanti progetti di legge che imporrebbero restrizioni radicali al software si stanno facendo strada attraverso la Camera (progetto di legge HR 1153) e il Senato (progetto di legge S 686), mentre il CEO di TikTok Shou Zi Chew è stato recentemente portato davanti al Comitato per il commercio della Camera per un ostile interrogatorio. Il ramo esecutivo sta anche cercando di costringere ByteDance a vendere l’app a un proprietario americano, contro l’opposizione cinese.

Coloro che lanciano l’allarme sulla proprietà cinese di TikTok citano pratiche di sorveglianza invasive, violazioni della privacy create da un’eccessiva raccolta e sfruttamento dei dati degli utenti, caratteristiche di design che creano dipendenza e contenuti dannosi.Ma tutte queste caratteristiche inquietanti sono le stesse onnipresenti nelle grandi app tecnologiche di proprietà americana che vanno da Google a Facebook a Instagram, e per molti versi sperimentate dalle società americane della Silicon Valley.

Nel caso di TikTok, l’affermazione che la proprietà cinese rende questi problemi particolarmente dannosi, è per il timore che i servizi di intelligence cinesi possano accedere ai dati degli utenti e alle tecnologie di proprietà di società cinesi come ByteDance. Alcuni vanno anche oltre, affermando che TikTok potrebbe essere utilizzato per compromettere la sicurezza dei dispositivi su cui è installato.

Ma non è chiaro come possa essere coerente l’affermazione che il governo cinese utilizzerebbe TikTok per danneggiare gli utenti americani, mentre le altre grandi app tecnologiche non lo fanno. La questione sollevata consisterebbe non sulla necessità di un attacco a TikTok, bensì su uno sforzo più ampio per proteggere la privacy degli utenti e in generale proteggere i bambini dai contenuti dannosi delle grandi app tecnologiche.
Ma un esame dei due dispositivi di legge su TikTok che si stanno facendo strada attraverso il Congresso solleva un’altra domanda. TikTok viene utilizzato come cuneo in uno sforzo molto più ampio per per limitare le società di proprietà di nazioni rivali nell’intero settore della tecnologia dell’informazione? E questo sforzo minaccia le libertà civili americane e rischia il superamento del governo?

Il progetto di legge “DATA Act  HR 1153″, recentemente approvato dalla Commissione Affari Esteri della Camera, in alcune delle sue implicazioni è quasi surreale. La sezione 102 del disegno di legge, orientata verso sanzioni per i cittadini statunitensi, richiederebbe al segretario del tesoro di vietare qualsiasi transazione finanziaria statunitense da parte di qualsiasi americano che abbia consapevolmente trasferito informazioni personali sensibili a qualsiasi entità di proprietà o anche “soggetto all’influenza di” Cina.

Poiché la definizione di “informazioni personali sensibili” è molto ampia, ciò potrebbe significare che qualsiasi azienda o individuo che avesse, ad esempio, inoltrato e-mail o condiviso informazioni sull’assicurazione sanitaria con una società che aveva anche una parziale proprietà cinese, potrebbe trovarsi escluso dalle transazioni finanziarie. I loro beni sarebbero effettivamente congelati: ad esempio, non sarebbero in grado di utilizzare le loro carte di credito o accedere ai contanti nei loro conti bancari.
Il titolo II del disegno di legge si concentra sulle giurisdizioni straniere. Richiederebbe al governo degli Stati Uniti di congelare tutti i beni statunitensi di una persona straniera in qualsiasi parte del mondo che “gestisce, dirige o tratta in altro modo” un’applicazione software connessa di proprietà cinese o “soggetto all’influenza” della Cina, se tale software facilitasse le attività militari, di sorveglianza o di censura cinesi o implica l’accesso cinese ad algoritmi di profilazione che potrebbero manipolare i contenuti.

Questo divieto incredibilmente ampio, collegato a sanzioni estreme, renderebbe in effetti una priorità del governo degli Stati Uniti il cercare di vietare l’uso di gran parte del software cinese in qualsiasi parte del mondo, comprese le nazioni che sono alleate o potenziali alleate. 

Molti dei problemi con HR 1153 sono stati segnalati dal deputato Gregory Meeks (DN.Y.) e da altri membri democratici della commissione per gli affari esteri della Camera durante il dibattito in commissione, e il disegno di legge è stato approvato con voto partigianoCiò rende meno probabile che diventi legge.
Ma questo non è vero per l’altro progetto di legge l’S 686, il RESTRICT Act  che ha uno slancio significativo verso l’approvazione. S 686 ha 21 co-sponsor bipartisan ed è stato approvato dall’amministrazione Biden. Esso concederebbe al ramo esecutivo nuovi poteri di sicurezza nazionale senza precedenti sul commercio delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e, per estensione, sulla parola.

Il Restrict Act richiede al ramo esecutivo di vietare o altrimenti “mitigare” qualsiasi transazione o attività nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione da parte di società controllate da un “avversario straniero”, se il segretario determina che tale transazione ponga un rischio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. 

S 686, il RESTRICT Act concede al presidente un’ampia gamma di opzioni civili e penali per imporre tale mitigazione, tra cui la cessione forzata di beni, il sequestro di beni e citazioni in giudizio. Ai sensi della sezione 12 del disegno di legge, le vie legali per contestare tali azioni sono limitate a ricorsi costituzionali rapidi e diretti presso la Corte d’appello degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia.

L’elenco iniziale di “avversari stranieri” nel disegno di legge include Cina, Cuba, Russia, Iran, Venezuela e Corea del Nord. Il ramo esecutivo potrebbe aggiungere altre nazioni avversarie straniere a suo piacimento. Questa scelta potrebbe essere annullata solo da un voto di maggioranza di entrambe le camere del Congresso. Mentre questi poteri sarebbero discrezionali e potrebbero teoricamente essere usati in modo limitato e misurato, non vi è alcuna garanzia che lo saranno.
In effetti, questo disegno di legge vieterebbe la proprietà di qualsiasi tecnologia dell’informazione e della comunicazione ampiamente utilizzata all’interno del mercato statunitense da parte di nazioni straniere considerate avversarie degli Stati Uniti. Per lo meno, tali tecnologie potrebbero essere soggette a censura a piacimento.

Ciò potrebbe avere conseguenze significative a livello internazionale e nazionale. Potremmo assistere a divieti di ritorsione sull’uso di software e tecnologie di comunicazione statunitensi in paesi stranieri presi di mira come “nazioni avversarie” – forse l’inizio della divisione del mondo in sfere tecnologiche dell’informazione rivali protette da “grandi firewall” come quello imposto dalla Cina.
A livello nazionale, la sezione 11 del disegno di legge stabilisce sanzioni draconiane per i cittadini americani che lo violano tentando di eludere o aiutare altri a eludere nuove restrizioni sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione di proprietà straniera. Sebbene sia alquanto ambiguo fino a che punto ciò potrebbe spingersi, si rischia di portare i cittadini americani a essere perseguiti per l’accesso alle informazioni su piattaforme tecnologiche di proprietà straniera come WeChat.

Questo tipo di censura, basata sulla proprietà straniera piuttosto che sul contenuto, sembra entrare in conflitto ai sensi della legge del Primo Emendamento, quindi potrebbe avere profonde implicazioni. L’ACLU ha già dichiarato la sua opposizione al disegno di legge per motivi di libertà di espressione.

Alla fine, sembra che dovrebbero esserci modi molto più semplici per impedire al governo cinese di accedere ai dati degli utenti privati ​​su TikTok. Ma per coloro che desiderano espandere il potere dello stato di sicurezza nazionale, la natura radicale di queste proposte potrebbe essere una caratteristica, non un bug.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version