Una analisi precisa e circostanziata sui fatti di Bolivia

22 NOVEMBRE 2019
Il colpo di stato in Bolivia: chi è responsabile?
di W. T. WHITNEY – Counterpunch

All’inizio del 2006 erano previsti giorni più luminosi per la Bolivia. Eletto in modo travolgente, Evo Morales, primo presidente indigeno della Bolivia, era entrato in carica in compagnia del vicepresidente Alvaro Garcia Linare. Insieme erano stati candidati al Partito del movimento verso il socialismo e di lì a poco avrebbero costruito una rivoluzione politica con caratteristiche socialiste. La sua gestione si è interrotta bruscamente il 10 novembre con la  rimozione forzata di entrambi. Era un colpo di stato e il governo degli Stati Uniti era al comando.

Il governo Morales aveva nazionalizzato le industrie chiave e la produzione di petrolio e gas, attuato la riforma agraria, fornito diritti costituzionali alle popolazioni indigene e esteso istruzione, assistenza sanitaria e sicurezza della vecchiaia. Le donne finirono per ricoprire più della metà degli uffici pubblici; Il 68 percento di loro erano indigeni. L’analfabetismo è quasi scomparso.

Il PIL pro capite è raddoppiato. L’economia è cresciuta del 400 percento nel corso degli anni, il tasso più alto in America Latina. Il governo ha costruito “oltre 15.500 miglia di autostrade, 134 ospedali, 7.191 centri sportivi, 1.100 scuole. Lo stipendio minimo è aumentato del 1000 percento. ”La povertà è scesa dal 60,6 percento nel 2005 al 36,4 percento nel 2018, la povertà estrema dal 38,2 percento al 15,2 percento.

I segni di problemi sono emersi presto: agitazione separatista, attacchi agli indigeni e un fallito tentativo di assassinio contro Morales nel 2008. L’agitazione anti-morales è stata più forte nei dipartimenti orientali di Pando, Beni, Tarija e in particolare Santa Cruz. Questa è la regione in cui si concentrano la produzione di petrolio, gas naturale e soia in Bolivia e la sua ricchezza.

I broker di potere hanno usato i loro cosiddetti Comitati Civici per opporsi al governo e compiere attacchi razzisti. Lo fanno ancora. Il governo boliviano ha accusato i funzionari dell’ambasciata americana di aver cospirato con i Comitati Civici. Nel 2013 l’ambasciatore degli Stati Uniti, la Drug Enforcement Agency e la US Agency for International Development erano stati espulsi.

Per più di due anni, l’intenzione di Morales di cercare un quarto mandato ha provocato opposizione. Lui ha continuato in quella direzione nonostante i limiti costituzionali imposti dalle leggi e nonostante la stretta bocciatura del febbraio 1916 di un quesito referendario che avrebbe consentito ulteriori termini di prolungamento della presidenza. Comunque Morales e il vicepresidente Garcia Linare vinsero il 20 ottobre con il 47 percento dei voti. La loro pluralità del 10,6 percento sul prossimo candidato in linea soddisfaceva il requisito costituzionale per una vittoria del primo mandato.

Tra le elezioni del 20 ottobre e le dimissioni di Morales il 10 novembre, la campagna contro di lui è passata alla grande. Ciò che è accaduto dimostra che il governo degli Stati Uniti ha contribuito a far scomparire il suo governo.

In una relazione non ufficiale il giorno delle elezioni, l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) ha segnalato irregolarità di voto. Gli Stati Uniti hanno fatto eco a queste preoccupazioni. L’annuncio del Supreme Electoral Tribunal del 24 ottobre sui risultati elettorali ha provocato tumultuose proteste. Il governo ha risposto chiedendo all’OSA di valutare il risultato. Le conclusioni sono state annunciate il 10 novembre, prima del previsto. L’OSA ha nuovamente citato irregolarità nel voto e ha raccomandato nuove elezioni. Morales quando li convocò,  era troppo tardi.

Erano in corso violente proteste guidate dai reazionari, soprattutto dai Comitati civici. Il leader del Comitato Civico di Santa Clara, Luis Fernando Camacho, ora li guidava . Il ricco Camacho un tempo guidava la violenta ala giovanile del suo comitato e oggi possiede imprese estrattive di gas naturale e che sono operano nell’ agricoltura. Il fervore evangelico protestante alimenta il suo animus contro gli indigeni. Il 4 novembre ha chiesto che Morales si dimettesse entro 24 ore. Lo stesso giorno l’elicottero che trasportava Morales “ha subito un incidente” ed è caduto al suolo da 15 metri di altezza.

I teppisti del Comitato Civico hanno scatenato violente manifestazioni contro i boliviani indigeni e i membri del MAS. Alla fine hanno bruciato le case di Morales, di  sua sorella e altri politici del MAS.

Le forze di sicurezza poi hanno dato il colpo di grazia. Gli ammutinamenti della polizia sono iniziati l’8 novembre. Il massimo vertice dell’esercito ha chiesto a Morales di dimettersi. Morales è partito insieme ad altri funzionari e parlamentari del MAS. Morales ha detto che con le sue dimissioni voleva risparmiare lo spargimento di sangue del paese.

Le mosse dell’OAS erano coerenti con l’idea che il governo americano fosse responsabile del colpo di stato. Nel maggio 2019, il segretario generale dell’OAS, Luis Almagro, ha dato a Morales il via libera per un quarto mandato, anche se il referendum che avrebbe permesso a Morales un termine aveva avuto esito negativo. Così quando Morales ha chiesto all’OSA di supervisionare le elezioni del 20 ottobre, si aspettava una valutazione equilibrata. Forse, tuttavia, era stato ingannato e si era fidato.

L’OAS, con uffici a Washington, nacque sotto gli auspici statunitensi nel 1948 come presunto scudo contro l’infezione comunista. Sotto Almagro, l’OAS ha aiutato gli Stati Uniti nel tentativo di sbarazzarsi del governo venezuelano del presidente Nicolas Maduro. L’OSA evidentemente serve a scopi statunitensi. Quello era il suo lavoro per quanto riguarda le elezioni in Bolivia.

Per inciso, l’OAS ha commesso un errore nel mettere in discussione l’integrità delle elezioni. Walter Mebane e colleghi dell’Università del Michigan hanno esaminato i dati e hanno concluso che “i voti fraudolenti nelle elezioni non sono stati decisivi per il risultato”. Il Center for Economic and Policy Research di Washington ha condotto uno studio dettagliato che giunge alle stesse conclusioni.

Il governo degli Stati Uniti ha tratto grande vantaggio dalla sua presa sulla polizia e sulle forze militari della Bolivia. I principali ufficiali dell’esercito hanno conferito sia con Luis Fernando Camacho sia con i funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti. Ma il modo principale in cui il governo degli Stati Uniti ha manipolato le forze di sicurezza boliviane è stato la costruzione di legami con singoli leader militari e di polizia.

Tale processo era in corso da decenni mentre il personale militare latinoamericano riceveva addestramento e indottrinamento presso la School of the Americas dell’Esercito degli Stati Uniti, ora chiamato Istituto dell’emisfero occidentale per la cooperazione in materia di sicurezza … L’analista Jeb Sprague riferisce che: “Almeno in sei dei colpi di stato chiave gli iniziatori sono ex studenti della famigerata School of the Americas, mentre il [generale] Kaliman e un’altra figura hanno servito in passato come addetti alla polizia e alla polizia della Bolivia a Washington ”.

Sprague aggiunge che i comandanti della polizia associati agli ammutinati della polizia hanno ricevuto una formazione al programma di scambi con le polizie latinoamericane con sede a Washington noto come APALA -tali  le sue iniziali in spagnolo.

Il capo militare che chiese a Morales di dimettersi era il generale Williams Kaliman. Successivamente, lo stesso Kaliman si è dimesso rapidamente. Citando informazioni non confermate, Sullkata M. Quilla del  Center for Strategic Analysis dell’America Latina spiega che Kaliman e altri capi militari hanno ricevuto ciascuno $ 1 milione, ciascuno degli alti funzionari di polizia ha ricevuto $ 500.000 e Kaliman si è trasferito negli Stati Uniti. Le transazioni che coinvolgono il denaro furono organizzate dall’incaricato d’affari americano Bruce Williamson e avvennero nella provincia di Jujuy, in Argentina, sotto l’egida del governatore Geraldo Morales. La storia è apparsa per la prima volta sul sito Web  Tvmundus.com.ar .

Intervistato su Democracy Now, l’ambasciatore boliviano presso le Nazioni Unite Sacha Llorenti – un sostenitore di Morales – ha dichiarato che prima della partenza di Morales “alcuni membri fedeli della sua squadra di sicurezza gli hanno mostrato messaggi in cui veniva offerta loro una ricompensa di  50.000 $ se lo avessero consegnassero”. Apparentemente il denaro c’era e la sua origine potrebbe essere ipotizzata.

Una motivazione centrale per l’intervento degli Stati Uniti sembra avere a che fare con il controllo dei depositi di litio boliviani che ammontano a quasi il 70 percento del totale mondiale. Il litio è “essenziale per un mondo pieno di batterie” osserva il National Geographic: pensa alle macchine elettriche, ai dispositivi elettronici, ai computer e agli smartphone. In collaborazione con la Cina, il governo della Bolivia si stava preparando a produrre le proprie batterie.

Secondo Reuters, la Cina “produce quasi i due terzi delle batterie commercializzate nel mondo agli ioni di litio – rispetto al 5% per gli Stati Uniti – e controlla la maggior parte degli impianti di lavorazione al litio del mondo”. Gli Stati Uniti considerano la disponibilità di litio essenziale per la propria economia e sicurezza nazionale, afferma il rapporto.

Le società transnazionali con sede in Europa e in Canada avevano cercato di sfruttare il litio della Bolivia. In Bolivia, tuttavia, i proventi della produzione mineraria e petrolifera erano utilizzati per lo sviluppo sociale. Il governo Morales ha richiesto il controllo della maggioranza delle operazioni minerarie straniere. Qualsiasi azienda straniera che elabora il litio in Bolivia deve farlo insieme a una delle due società boliviane di proprietà statale. Quindi i contratti con le compagnie straniere sono cessati o non sono mai stati realizzati.

Ma due società cinesi sembravano sul punto di trovare un accordo con lo stato per iniziare la produzione. La Cina, a quanto pare, stava per definire un accesso esclusivo al litio della Bolivia. Come per dar ragione a questa valutazione , il governo il 4 novembre ha annullato un contratto con una società tedesca. Secondo l’analista Vijay Prashad, “L’idea che potesse esserci un nuovo patto sociale per il litio era inaccettabile per le principali compagnie minerarie transnazionali”.

È chiaro che il governo degli Stati Uniti ha sponsorizzato un colpo di stato in Bolivia. Alcuni altri articoli sono rilevanti:

1. Prima delle elezioni, il presidente Morales ha accusato i funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti di aver corrotto le persone nelle campagne per respingerlo alle urne. Ad esempio, hanno viaggiato nella regione di Yungas il 16 ottobre offrendo pagamenti di indennizzo ai coltivatori di coca disaffezionati. Altri finanziamenti sono arrivati dagli Stati Uniti sono arrivate al porto cileno di Iquique, apparentemente verso un gruppo di opposizione politica militarizzata in Bolivia.

3. Il Dipartimento di Stato ha stanziato $ 100.000 per consentire a una società chiamata “Strategie CLS” di organizzare una campagna di disinformazione attraverso i social media.

4. Secondo quanto riferito, la stazione della CIA a La Paz ha assunto il controllo della rete Whatsapp nel paese al fine di perdere informazioni false. Sono stati rilasciati più di 68.000 tweet anti-Morales falsi .

5. Mariane Scott e Rolf A. Olson, funzionari dell’ambasciata americana a La Paz, si sono incontrati con le controparti diplomatiche del Brasile, del Paraguay e dell’Argentina per coordinare gli sforzi di destabilizzazione e “per fornire finanziamenti statunitensi alle forze di opposizione locali”.

6. Per molti anni il Comitato Civico di Santa Cruz e la sua Unione giovanile proto-fascista hanno ricevuto finanziamenti dal National Endowment for Democracy degli Stati Uniti. Secondo l’analista Eva Golinger, l’USAID ha fornito 84 milioni di dollari ai gruppi di opposizione boliviani.

7. A metà ottobre il “consulente politico” George Eli Birnbaun è arrivato a Santa Cruz da Washington con una squadra di militari e civili. Il suo compito era quello di sostenere la candidatura presidenziale di Oscar Ortiz, preferita dal governo degli Stati Uniti, e di “destabilizzare politicamente e socialmente il paese dopo le elezioni”. Forniva sostegno all’organizzazione giovanile del Comitato Civico di Santa Cruz e supervisionava anche il finanziamento degli Stati Uniti ONG “Standing Rivers”, impegnata nella diffusione della disinformazione.

8. Una raccolta di 16 registrazioni audio delle conversazioni preelettorali dei cospiratori sono trapelate e sono poi apparse su Internet. Diverse voci hanno menzionato i contatti con l’ambasciata americana e con i senatori statunitensi Ted Cruz, Robert Menendez e Marco Rubio. Sprague riferisce che quattro degli ex plotter militari nelle telefonate avevano frequentato la School of the Americas.

Le conclusioni sono in ordine:

1. I fatti facilmente accessibili sono coerenti con il governo imperialista degli Stati Uniti che ne ha inserito con successo un altro in una lunga lista di colpi di stato volti a stabilizzare l’ordine mondiale capitalista. In questo ci è voluto, un po ‘come il Guatemala (1954) e il Cile (1973).

2. Il progetto di utilizzare le elezioni per raggiungere il socialismo o liberarsi del capitalismo deve affrontare lunghe difficoltà. Un fattore determinante è il ruolo svolto dagli eserciti e dalla polizia a sostegno della reazione.

3. I media negli Stati Uniti sono stati complici del colpo di stato in Bolivia. Secondo un sondaggio di  Fair.org , “Nessun media maistream ha definito l’azione [in Bolivia] come un colpo di stato”.

4. Ancora una volta il presidente Donald Trump mente: “Le dimissioni di ieri del presidente boliviano Evo Morales sono un momento significativo per la democrazia nell’emisfero occidentale”.

source link:https://www.counterpunch.org/2019/11/22/the-coup-in-bolivia-who-is-responsible/?fbclid=IwAR031aM4X4WbHrSEiCztpKzGr1Z0-cPijma5elCHyCgY9CwKZgQ2nQWXP7E