Home Attualità Un report mette in serio dubbio le accuse della CPI sui “bambini...

Un report mette in serio dubbio le accuse della CPI sui “bambini rapiti da Putin”

0

La Corte penale internazionale (ICC) ha emesso un mandato di arresto per il presidente russo Vladimir Putin, accusandolo di “deportazione illegale” di bambini ucraini in una rete di campi in Russia. Ma un’indagine del media statunitense di giornalismo investigativo  ‘Grey Zone‘ (vedi qui: https://thegrayzone.com/) ha mostrato che l’accusa si basava su un rapporto di Yale HRL, un centro finanziato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.  Il giornalista americano Jeremy Loffredo, coautore dell’articolo, ha visitato uno dei campi in questione tenuti dal governo russo. E dopo averlo visto e indagato, ha accusato le dichiarazioni della Corte penale internazionale di bugie e manipolazione.

Il centro per bambini “Donbass Express” si trova nelle vicinanze di Mosca. Loffredo ha incontrato giovani delle regioni devastate dalla guerra di Denetsk e Luhansk che ricevono lezioni di musica gratuite e sono grati di trovarsi in un ambiente sicuro.

Torniano ai fatti, il 17 marzo, il procuratore capo della Corte penale internazionale, Karim Khan, ha emesso un mandato di arresto nei confronti del presidente russo Vladimir Putin e della commissaria per i diritti dei bambini, Maria Llova-Belova. L’ordine di cattura, che li accusava di aver di aver effettuato la “deportazione illegale” di bambini ucraini in una “rete di campi” nella Federazione Russa, ha suscitato un’ondata di commenti rabbiosi in Occidente.

La senatrice americana Lindsey Graham, forse “la più aggressiva esponente di guerra del Congresso” secondo Grey Zone, ha annunciato: “La CPI ha emesso un mandato di cattura per Putin perché ha orchestrato il rapimento di almeno 16.000 bambini ucraini dalle loro famiglie e li ha mandati in Russia. Questo è esattamente ciò che fece Hitler nella seconda guerra mondiale”.

Fareed Zakaria della CNN ha fatto eco alle parole di Graham, annunciando che l’ordine della CPI ha rivelato che Putin “sta effettivamente seguendo parti del playbook di Hitler”.

Sembra che il procuratore dell’ICC abbia basato il suo mandato d’arresto su una ricerca condotta dal Laboratorio di Ricerca Umanistica (HRL) dell’Università di YaleIl lavoro di Yale HRL è finanziato e guidato dal Bureau of Conflict and Stabilization Operations del Dipartimento di Stato, un’organizzazione creata dall’amministrazione Biden nel maggio 2022 per lavorare sul perseguimento dei funzionari russi.

Durante l’intervista con Anderson Cooper della CNN, il direttore esecutivo di Yale HRL, Nathaniel Raymond, ha affermato che il suo rapporto ha fornito la prova che “migliaia di bambini sono in una situazione di segregazione”. Riferendosi all’Olocausto, Raymond ha affermato: “Abbiamo a che fare con la più grande rete di campi per bambini vista nel 21° secolo”.

Tuttavia, in un’intervista con Jeremy Loffredo, coautore dell’articolo su Grey Zone, Raymond si è contraddetto su molte delle affermazioni roboanti che ha fatto ai media sui ‘bambini rapiti’. E, in particolare, in una conversazione telefonica con Loffredo, Raymond ha ammesso che “molti” dei campi indagati dalla sua squadra sono effettivamente strutture di “educazione culturale di base”.

Allo stesso modo, il rapporto Yale HRL ha riconosciuto che la maggior parte dei campi profilati forniva programmi ricreativi gratuiti per giovani svantaggiati perché i loro genitori hanno chiesto di “proteggere i propri figli dai combattimenti in corso”, e di “fornire loro cibo nutriente non disponibile dove vivono”.  Il rapporto, finanziato dal Dipartimento di Stato, ha inoltre riconosciuto di non aver trovato “nessuna documentazione di abusi sui minori”.

Yale HRL ha basato la sua ricerca interamente sui dati satellitari Maxar, sui post di Telegram e sui resoconti dei media russi, affidandosi a Google Translate per interpretarli e talvolta travisando gli articoli nelle sue citazioni. L’unità finanziata dal Dipartimento di Stato ha ammesso di non aver condotto indagini, sostenendo che essa “non conduce indagini sul campo e quindi non ha richiesto l’accesso ai campi”.

A differenza dei ricercatori di Yale che hanno ispirato il mandato d’arresto della Corte penale internazionale, il giornalista americano Loffredo è andato sul campo e ha avuto accesso illimitato a un centro governativo russo a Mosca che ospita giovani della regione del Donbass devastata dalla guerra. Ovvero si tratta dello stesso tipo di centro  che lo Yale HRL – e per estensione la Corte Penale Internazionale – hanno presentato come un “campo di rieducazione” per i bambini ucraini deportati ed in ostaggio, ma il giornalista ha visto un ambiente molto diverso da quanto descritto, incontrando solo bambini felici che ricevono lezioni gratuite di musica classica, etc.

Al campo musicale del Donbass Express fuori Mosca, i giovani hanno detto a Loffredo di essere grati di aver trovato rifugio dalla lunga campagna dell’esercito ucraino per bombardare e assediare la loro patria. Fuggendo dalla guerra nel Donbass, questi bambini sono fuggiti da un conflitto militare da incubo per il quale Yale HRL e l’ICC hanno mostrato poca o nessuna preoccupazione, riferisce Grey Zone.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version