Home Cultura e Società Un accordo tra Ucraina e Russia è possibile: la situazione

Un accordo tra Ucraina e Russia è possibile: la situazione

0

Smentendo le previsioni dei media occidentali, l’operazione speciale della Russia in Ucraina sta entrando in un finale di successo sul piano politico e diplomatico molto prima di quanto si pensasse.

Una lettura ravvicinata dell’esito del terzo round di colloqui di pace in Bielorussia la scorsa notte è che i negoziatori ucraini hanno cercato ancora un po’ di tempo per trovare una risposta completa ai termini russi per il cessate il fuoco.

L’Ucraina ha manifestato la volontà di essere un paese neutrale che esclude l’adesione alla NATO. I principali punti critici si riducono a: a) riconoscimento della Crimea come parte della Russia; e, b) sovranità di Lugansk e Donetsk.

Sono richieste non negoziabili. Ma sono una pillola amara da ingoiare per la leadership ucraina. La posizione ucraina è che queste richieste sono “praticamente” impossibili.

Ma, come ha detto a RT Vladimir Medinsky, leader della squadra russa, “Secondo me, c’è una grande differenza tra impossibile e ‘praticamente impossibile’… Spero che alla fine troveremo una soluzione”.

La parte russa si sente incoraggiata anche se i colloqui di ieri non hanno prodotto risultati tangibili. Non hanno fretta di lanciarsi in grandi offensive militari.

In effetti, lo schema è sempre stato che i generali russi avrebbero applicato il potere militare coercitivo per creare sinergie per avviare un percorso politico / diplomatico parallelo per raggiungere l’obiettivo di Mosca (che non riguarda la conquista territoriale).

Gli analisti occidentali che si aspettavano che i generali russi si comportassero come Patton o MacArthur con un massiccio attacco a Kiev hanno invece assistito a una strategia russa confusa: operazioni lente e bloccanti, senza forza eccessiva e con una netta preferenza per evitare di combattere accerchiando e aggirando le sacche di resistenza , ed evitare battaglie prestabilite.

Putin ha rivelato ieri che “i coscritti non partecipano e non prenderanno parte alle ostilità, e non ci saranno ulteriori richiami di riservisti dalla riserva… Le missioni sono svolte solo da truppe professionali”.

La parte ucraina si rende conto che la strategia russa sta vincendo, poiché le forze russe stanno circondando Kiev da nord-ovest, ovest e est, i porti del Mar Nero non sono più accessibili e le forze a est sono intrappolate. Ieri Zelensky ha riconosciuto la triste situazione.

Dopo il terzo round in Bielorussia, si è affrettato ad assicurare che i colloqui proseguiranno fino a un accordo! Nelle sue parole,

“Oggi si è svolto il terzo round di negoziati in Bielorussia e vorrei dire ‘il terzo e ultimo’, ma siamo realisti. Pertanto, parleremo, insisteremo sui negoziati finché non troveremo un modo per dire al nostro popolo: ‘questo è il modo in cui arriveremo alla pace’”.

I russi non hanno fretta. Evitano il trionfalismo e invece lasciano abbastanza spazio alla parte ucraina per prendere alcune decisioni davvero difficili sulla resa, mentre la pressione militare su Kiev è mantenuta. La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha dichiarato ieri: “Manteniamo la porta aperta alle opzioni diplomatiche. Non appena ci saranno segnali corrispondenti, agiremo su di essi”.

È importante sottolineare che le due parti hanno concordato una tabella di marcia per la creazione di corridoi umanitari e la parte russa ha annunciato un cessate il fuoco. Inoltre, questi corridoi saranno gestiti in stretto coordinamento attraverso una hotline.

La dichiarazione russa afferma che “dovrà essere stabilito un collegamento di comunicazione continuo tra la parte russa e quella ucraina per lo scambio reciproco di informazioni sulla preparazione e l’attuazione dell’evacuazione di civili e cittadini stranieri”.

Da allora la parte russa ha trasmesso tutti i dettagli pertinenti alle ambasciate straniere, alle agenzie competenti dell’ONU e dell’OSCE, al Comitato internazionale della Croce Rossa e ad altre organizzazioni internazionali interessate. I corridoi umanitari saranno:

  • da Kiev e regioni adiacenti a Gomel (Bielorussia);
  • da Sumy lungo due rotte per Poltava (Ucraina centrale) e per la Russia;
  • da Kharkov alla Russia oa Lvov, Uzhgorod e Ivano-Frankovsk (tutti e tre nell’Ucraina occidentale); e,
  • da Mariupol lungo due rotte verso la Russia e Zaporozhe (sul fiume Dnepr nell’Ucraina sudorientale).
  • Questo lavoro congiunto e la pausa nei combattimenti preparano il terreno per l’incontro cruciale tra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il suo omologo ucraino Kuleba nella località turca di Antalya giovedì. Il fatto stesso che i colloqui siano stati elevati al livello di ministro degli Esteri fa sperare che si possa accumulare una massa critica.

Completamente disilluso dal tradimento degli Stati Uniti e della NATO, Zelensky si sta avvicinando a un accordo con Mosca. È inutile giudicare anticipatamente il risultato, ma c’è un punto di svolta. I principali paesi europei – Regno Unito, Francia, Germania, Paesi Bassi – hanno respinto la proposta da falco di Washington di imporre sanzioni alle esportazioni di petrolio della Russia.

Le esportazioni di petrolio sono la principale fonte di reddito della Russia, quindi questo è un forte rifiuto degli sforzi di Washington per isolare la Russia. Il presidente francese Macron ha catturato lo zefiro nella sua osservazione ieri:

“È impossibile costruire una pace duratura se la Russia non partecipa alla costruzione di un’architettura di sicurezza globale nel nostro continente, perché la storia e la geografia lo richiedono. La nostra responsabilità è preservare tutti i legami che possiamo preservare. Dobbiamo continuare a parlare con i popoli russo e bielorusso. Dobbiamo farlo con l’aiuto dei rappresentanti del mondo della cultura, della comunità scientifica e tecnica, delle organizzazioni non governative».

Domenica, in un editoriale sul New York Times, il primo ministro britannico Boris Johnson ha anche scritto: “Non abbiamo ostilità nei confronti del popolo russo e non abbiamo alcun desiderio di impugnare una grande nazione e una potenza mondiale. L’Ucraina non aveva prospettive serie di adesione alla NATO nel prossimo futuro. Questo non è un conflitto della NATO e non lo diventerà”.

Nel frattempo, i principali paesi europei, in particolare la Germania, stanno escludendo l’adesione all’UE per l’Ucraina, che, ironia della sorte, era la questione che aveva accelerato il colpo di stato sostenuto dagli Stati Uniti a Kiev nel 2014, innescando la catastrofica scivolata verso il conflitto che ha coinvolto la Russia.

 

tramite indianpunchline

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version