Home Geopolitica Ucraina: la controffensiva pianificata fallita

Ucraina: la controffensiva pianificata fallita

0
Questa immagine è stata contrassegnata con una licenza CC BY 2.0 :

Un report del Washington Post (diviso in due parti) ha presentato a consuntivo dell’attuale situazione della controffensiva ucraina, attribuendo pari responsabilità alla pianificazione statunitense e britannica per l’intera confusione e, per quanto riguarda l’esecuzione, all’Ucraina.

I punti della prima parte (https://www.washingtonpost.com/world/2023/12/04/ukraine-counteroffensive-us-planning-russia-war/):

Errori di calcolo, divisioni segnate dalla pianificazione offensiva di Stati Uniti, Ucraina .

Gli elementi chiave che hanno modellato la controffensiva includono:

Ufficiali militari ucraini, statunitensi e britannici hanno tenuto otto importanti simulazioni di guerra a tavolino per ricostruire le dinamiche future che si sarebbero sviluppate sul campo di battaglia. Ma Washington ha ha previsto in modo errato la misura in cui le forze ucraine avrebbero potute essere trasformate in un breve periodo in una forza combattente di tipo occidentale, soprattutto senza una potente forza aerea a Kiev, che è sempre parte integrante degli eserciti moderni.

I funzionari statunitensi e ucraini spesso erano in netto disaccordo su strategia, tattica e tempistica. Il Pentagono voleva che l’assalto iniziasse a metà aprile per impedire alla Russia di continuare a rafforzare le sue linee. Gli ucraini hanno esitato, insistendo sul fatto che non erano pronti senza armi sufficienti e addestramento aggiuntivi.

I funzionari militari statunitensi erano fiduciosi che un attacco frontale di tipo meccanizzato contro le linee russe fosse fattibile, anche solo con le truppe e le armi che l’esercito ucraino di disponeva in quel momento. Le simulazioni hanno concluso che, nell’arco di in un periodo compreso tra 60 e 90 giorni, le forze di Kiev avrebbero potuto raggiungere il Mar d’Azov e tagliare le truppe russe nel sud.

Gli Stati Uniti sostenevano un assalto mirato limitato all’asse meridionale, ma la leadership ucraina credeva che le sue forze dovessero attaccare in tre punti distinti lungo il fronte di 600 miglia, a sud verso Melitopol e Berdyansk sul Mar d’Azov e a est verso la città assediata di Bachmut.

La comunità dell’intelligence statunitense aveva una visione più pessimistica rispetto all’esercito americano. Valutava che l’offensiva avesse solo il 50% di possibilità di successo, date le robuste difese a più livelli che la Russia aveva costruito durante l’inverno e la primavera.

Molti in Ucraina e in Occidente hanno sottovalutato la capacità della Russia di riprendersi dai disastri del campo di battaglia e di sfruttare i suoi punti di forza perenni: più truppe, mine e la disposizione di sacrificare vite umane su una scala che pochi altri paesi avrebbero potuto tollerare.

Con l’avvicinarsi del previsto lancio dell’offensiva, i funzionari militari ucraini temevano di subire perdite catastrofiche, mentre i funzionari americani credevano che il bilancio sarebbe stato alla fine più alto senza un assalto decisivo.

I punti della seconda parte (https://www.washingtonpost.com/world/2023/12/04/ukraine-counteroffensive-stalled-russia-war-defenses/):

Il 70% delle truppe di una delle brigate che guidarono la controffensiva, equipaggiate con le più recenti armi occidentali, entrarono in battaglia senza esperienza di combattimento.
Le battute d’arresto dell’Ucraina sul campo di battaglia hanno portato a spaccature con gli Stati Uniti su come andavano sfondate le profonde difese russe.

Nella prima fase della campagna, il comandante delle forze statunitensi in Europa non è riuscito a entrare in contatto con il comandante in capo dell’Ucraina per settimane, a causa della tensione per i ripensamenti degli americani sulle decisioni sul campo di battaglia.
Ciascuna parte ha incolpato l’altra per errori o calcoli errati.

I funzionari militari statunitensi hanno concluso che l’Ucraina non è riuscita a raggiungere le tattiche militari di base, compreso l’uso della ricognizione terrestre per comprendere la densità dei campi minati. Mentre i funzionari ucraini hanno detto che gli americani non sembrano comprendere come i droni d’attacco e altre tecnologie abbiano trasformato il campo di battaglia.

Nel complesso, l’Ucraina ha riconquistato solo circa 200 miglia quadrate di territorio, al costo di migliaia di morti e feriti e di miliardi in aiuti militari occidentali solo nel 2023.

https://www.washingtonpost.com/world/2023/12/04/ukraine-counteroffensive-us-planning-russia-war/

Considerazioni

La narrazione occidentale: desiderio più che realtà?

La guerra in Ucraina ha dominato i titoli dei giornali occidentali, che insieme alla leadership occidentale, spesso hanno dipinto un quadro di resistenza eroica e la vittoria ucraina è stata disegnata come inevitabile. Tuttavia, l’articolo del Washington Post suggerisce che questa narrazione potrebbe essere stata più un’espressione di speranza che un’analisi obiettiva. La realtà sul campo, come emerge ora, potrebbe essere drasticamente diversa.

Intelligenza e pregiudizio: una combinazione pericolosa

La percezione occidentale della guerra ha spesso mostrato una mancanza di comprensione profonda delle dinamiche regionali e delle capacità militari russe. Inoltre, un atteggiamento pregiudizievole nei confronti della Russia, vista come un aggressore stereotipato, ha offuscato una valutazione equilibrata del conflitto.

Lezioni dalla storia: il caso dell’operazione Barbarossa

Il confronto con la Seconda Guerra Mondiale, in particolare l’Operazione Barbarossa, è significativo. Anche allora, sottovalutare l’avversario si è rivelato un errore fatale. La Wehrmacht, nonostante la sua potenza, aveva cauto rispetto per le forze sovietiche, un atteggiamento che sembra mancare nella narrazione occidentale attuale riguardo alla Russia.

Ripercussioni e conseguenze

Questa narrazione distorta che continua ancora oggi anche ai più alti livelli, ovviamente ha implicazioni non solo per la comprensione pubblica del conflitto, ma anche per le politiche estere e le decisioni strategiche. Un’analisi più equilibrata e meno emotiva avrebbe potuto portare a scelte più informate e, potenzialmente, a una risoluzione pacifica del conflitto.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version