SIRIA – L’esercito siriano interrompe l’autostrada Aleppo-Latakia

L’esercito siriano ha tagliato la strada principale M4 dopo la liberazione del villaggio di Al-Nirab a ovest di Saraqib #Idlib

L’incidente con la morte di soldati turchi e il fuoco di risposta dei turchi non ha impedito all’esercito siriano di continuare l’offensiva.
Oggi, le forze siriane hanno continuato a fluire da ovest verso le posizioni dei militanti nell’area di Sarakib (che sono state rafforzate da ulteriori posti di osservazione dell’esercito turco, che sono stati allestiti in fretta  da forze schierate da nord Idlib). Sopprimendo la resistenza dei militanti a ovest di Sarakib, l’esercito siriano si è posizionato sulla strada Aleppo-Latakia e ha interrotto la comunicazione tra Sarakib e Jisr al-Shugur. La connettività necessaria per i rifornimenti delle posizioni dei militanti nel sud di Idlib oggi si è gravemente deteriorata. Le truppe sirriane non solo tagliarono la rotta delle comunicazioni, ma continuarono ancora ad avanzare verso il capoluogo di provincia, portando il villaggio di Nairab nella parte siriana liberata. C’era anche una minaccia diretta di un assalto a Sarmin, il che taglierebbe Idlib da Sarakib.
In generale, l’ASA ha già parzialmente deciso con la forza ciò che Erdogan si è impegnato a fare nel 2018: è andato sulle rotte Hama-Aleppo e Latakya-Aleppo, privando i militanti della possibilità di usarle. Ora il compito dell’esercito siriano è prendere il controllo di queste vie di facilitazione e dei territori adiacenti.

La sera del 3 febbraio, sono rimasti solo 8 chilometri nel cuore del “paese degli autobus verdi” (dove Assad ha mandato i militanti per diversi anni). A ovest di Sarakib sono 1-2 chilometri. A Sarmin sono – 2-3 chilometri. Vale la pena notare che nella zona di Sarmin si trovavano campi per l’addestramento di militanti “Al-Nusra”, nonché officine di riparazione per carri armati e veicoli da combattimento corazzati.

Come tale, il fronte dei militanti rimane solo nell’area di Sarakib, a ovest di esso, i siriani stanno essenzialmente calando il sipario a diverse milizie, che non possono fare affidamento su fortificazioni solide e che non hanno praticamente attrezzature pesanti. Sembra che i militanti non possano più chiudere un simile buco nella parte anteriore con metodi puramente militari. Solo la pressione turca sulla Russia può salvarli al fine di limitare l’avanzata dell’esercito siriano dall’autostrada M-5 e fornire ai militanti la tregua desiderata per ripristinare il fronte e combattere l’efficacia delle unità maltrattate. Questo perché con la perdita di Sarakib, Idlib e Sarmin, una parte significativa della provincia sarà sotto il controllo di Assad ed Erdogan sarà molto più difficile contrattare usando la mappa idlib.

Da qui ne discende il movimento febbrile delle colonne meccanizzate turche  e la minaccia di Erdogan di “chiamare Putin” , il quale promette di rispondere duramente al bombardamento dell’esercito turco (i turchi hanno presentato il loro bombardamento di ritorno come autodifesa , con la promessa di agire secondo il principio di “occhio per occhio”).

Naturalmente, tutte le parti interessate comprendono che la sconfitta dei militanti significa indebolire le posizioni turche in Idlib . E questo non sarà compreso nella stessa opinione pubblica turca. Pertanto, la retorica bellicosa di Erdogan è prevista e prevedibile. Ma è molto più interessante sarebbe sapere quanto sia pronto ad andare avanti nei suoi tentativi di fare pressione sul Cremlino. L’insoddisfazione per lo sviluppo degli eventi è stata già espressa nella minaccia  del non riconoscimento della Crimea come russa (proprio come la Russia non avrebbe riconosciuto Cipro del Nord come turca) e dalla sospensione della partecipazione turca alle pattuglie congiunte con l’esercito russo nella regione del Rojawa.

In caso di perdita di Idlib e Sarmin, Jisr al-Shugur svolgerà un ruolo chiave per i militanti, dalla cui area i droni continuano a essere lanciati per attaccare la base aerea dell’aeronautica russa a Hmeimim.
La campagna ad est dell’autostrada M-5 andrà ovviamente persa dai militanti nelle prossime due settimane, se non altro a causa della perdita di comunicazioni con le  unità militanti nell’Idlib orientale.
Il problema dei posti di osservazione turchi non è un problema in quanto tale, dal momento che i siriani semplicemente li aggirano e, sotto la minaccia di un accerchiamento, costringono i combattenti a ritirarsi, dopo di che i turchi rimangono nei loro accampamenti nella parte posteriore dell’esercito siriano, indicando la loro presenza, ma senza avere un impatto significativo sulla ulteriore sviluppo delle operazioni dell’esercito siriano (SAA).

In generale, l’avanzata del SAA si sta sviluppando con grande successo: sono già stati raggiunti risultati operativi seri, che nelle prossime 1-2 settimane possono essere trasformati in successi strategici. Solo Erdogan può impedirlo inserendo delle bastoni tra le ruote e rallentando la liberazione di Idlib.

PS. Come previsto, il successivo attrito in Idlib ha portato a consultazioni tra Russia e Turchia. Tra il ministro degli esteri russo Lavrov q l’omologo turco  Cavusoglu si è discusso il corso degli eventi in Siria  e l’offensiva siriana a Idlib . Sembrerebbe che il tono dei commenti ufficiali è tale che cercheranno un compromesso e andranno avanti.

Content retrieved from: C. Cassad