Spiegel: la Turchia è pronta a riconoscere Assad in cambio di un’operazione contro i curdi

Pubblicità

Recep Erdogan e Bashar Assad avevano rapporti di buon vicinato, ma la guerra civile in Siria ha messo fine alla loro amicizia, ha detto Der Spiegel. Tuttavia, ora la situazione potrebbe cambiare, perché i curdi che hanno acquisito forza nel nord della Siria stanno perdendo l’appoggio degli Stati Uniti che si ritirano dalla Siria: ora il loro destino dipende dalle decisioni di Mosca e Damasco. Secondo Der Spiegel, Erdogan potrebbe riconciliarsi con Assad in cambio dell’approvazione dell’operazione militare dell’esercito turco contro le forze curde.

Si chiamavano a vicenda “Tayip” e “Bashar”, facevano visite regolari l’uno con l’altro e nel 2008 trascorrevano vacanze in comune nella località turistica turca di Bodrum, scrive Der Spiegel. Il leader siriano Bashar Asad e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sono stati un esempio di amicizia maschile, così rara nella politica internazionale.

La pubblicazione rileva che questa amicizia è stata reciprocamente vantaggiosa: la Siria e la Turchia hanno firmato un accordo di libero scambio, i cittadini siriani avevano il diritto di entrare senza visto nel territorio della Turchia e gli uomini d’affari turchi avevano aperto le loro imprese in Siria. Per Assad, Erdogan era la porta per l’Europa: i buoni rapporti con Ankara hanno portato al fatto che rappresentanti dei paesi dell’UE (per esempio, la Francia) arrivavano al leader siriano. Erdogan potrebbe presentarsi come mediatore tra l’Europa e il mondo arabo.

Tuttavia, scrive Der Spiegel, dall’inizio della guerra civile in Siria, non è rimasto quasi nulla dell’amicizia tra i due politici. Erdogan ha definito Assad un “terrorista” e un “assassino”, che a sua volta ha accusato il presidente turco di sostenere i jihadisti siriani: i due paesi erano sull’orlo del conflitto militare. Quando le prime proteste sono iniziate in Siria nel 2011, Erdogan ha esortato Assad ad ammettere i Fratelli Musulmani al governo, che sono vicini al presidente turco, ma per il leader siriano questo sarebbe stato un disastro. Assad respinse fermamente le richieste di Erdogan, che lesse questo passo come un insulto personale: i servizi segreti turchi allora iniziarono ad armare i ribelli siriani, tra cui islamisti radicali.

Pubblicità

Come ricorda la pubblicazione, Erdogan ha continuato a insistere sul licenziamento di Assad, anche quando la Russia è intervenuta nel conflitto nel 2015, cambiando gli equilibri di forze a favore del leader siriano. Tuttavia, negli ultimi mesi, il presidente della Turchia ha sempre meno criticato Assad e ha parlato sempre meno della necessità di un ‘cambio di regime’ in Siria. Secondo Der Spiegel, la ragione non è che Erdogan abbia improvvisamente cambiato idea, ma che c’è stato l’aumento imprevisto nella terza parte del conflitto dei distaccamenti popolari di autodifesa (YPG) curdi.

YPG ha ottenuto riconoscimento in Occidente, perché insieme agli Stati Uniti hanno combattuto contro le forze dello “stato islamico” *. Attualmente controlla un terzo del territorio della Siria (comprese le aree in cui i curdi sono una minoranza). Erdogan vede il YPG come una filiale siriana del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), riconosciuto come gruppo terrorista negli Stati Uniti e nella UE.

Così, conclude la pubblicazione, le priorità di Erdogan in Siria sono cambiate: egli non si concentra più sugli sfollati di Assad, ma cerca di impedire la comparsa dell’autonomia curda in Siria sotto l’autorità di YPG.

Un anno fa, le truppe turche occuparono la città siriana di Afrin, che era sotto il controllo del YPG. Ulteriori operazioni contro la Turchia contro i curdi si sono imbattute nell’opposizione degli Stati Uniti, che consideravano le YPG come loro partner nella lotta contro l’IG. Tuttavia, dopo l’annuncio di Donald Trump sull’imminente ritiro delle truppe americane dalla Siria, il futuro dei curdi sarà determinato non da Washington, ma da Mosca e Damasco, osserva Der Spiegel.

Pubblicità

L’alleato più importante di Assad, Vladimir Putin, sarebbe molto felice se il suo protetto riprendesse il controllo dell’intero territorio della Siria: come osserva il giornale, questo sviluppo di eventi esclude la regola a lungo termine dell’YPG.

La caotica politica siriana di Trump ha portato al fatto che la Turchia e le YPG sono ora in competizione per chi farà un accordo con Putin e Assad più rapidamente, scrive Der Spiegel. Alcune settimane fa i curdi avevano già chiesto al presidente siriano protezione contro la Turchia e il mantenimento almeno parziale dell’autonomia. Inoltre, uno dei militari curdi di alto rango ha affermato che i combattenti autodifesa curdi potrebbero unirsi all’esercito siriano.

Allo stesso tempo, Vladimir Putin, durante il suo incontro di gennaio con Erdogan, ha ricordato l’accordo di Adana concluso tra la Siria e la Turchia nel 1998. In base a questo trattato, il governo siriano si è impegnato ad agire contro le forze ostili alla Turchia.

Se l’Accordo di Adana viene riattivato, la Turchia sarà autorizzata ad un attacco militare limitato sulle YPG. In cambio, il governo turco dovrà riconoscere Assad come legittimo sovrano della Siria. Sembra che Erdogan sia sempre più pronto a fare un passo del genere, riassume Der Spiegel.

Pubblicità

RT.COM