SIRIA – Situazione delle ostilità al 14 maggio 2019

L’esercito siriano  avanza ma ma non è gratis, il prezzo da pagare è alto

La situazione operativa in Siria è cambiata radicalmente nelle ultime 24 ore: 1)Nel nord di Latakia, l’esercito siriano ha subito pesanti perdite durante l’assalto alla città di Kabani; 2) vicino Idlib, un aereo della aviazione siriana ha bombardato l’area in cui si trova il posto di osservazione turco; 3) nel nord di Hama, l’esercito siriano ha liberato 5 altri insediamenti.

Provincia di Latakia:
Ieri, nella provincia nord-orientale di Latakia, l’esercito siriano ha lanciato un’offensiva nell’area della zona smilitarizzata. I lanciarazzi della 42a brigata della quarta divisione corazzata (Ghiath Force) coprivano le roccaforti nemiche nelle vicinanze della città di Kabani, dopo di che le unità di fanteria invasero l’insediamento.

Tuttavia, i jihadisti sono riusciti a preparare un’imboscata e ad attirare le forze di sicurezza in una trappola. Come risultato degli scontri, fino a 25 soldati siriani sono stati uccisi e feriti.

L’esercito siriano alle prese con gli uiguri, criminali infidi ed esperti

C’è l’opinione che il fronte di Kabani e nei suoi dintorni – Jebel Akrad, Jebel Turkmen la situazione è così pesante, perché ci sono tutti gli Uiguri insieme (jihadisti che provengono dalla Cina). Questi militanti sono forze d’élite, e in più su questo fronte gli uiguri hanno una motivazione delirante.

SAA passerà queste montagne e punterà su Jisr Ash Shugur, che è più in basso. Gli uiguri si stabilirono lì insieme alle loro famiglie. Per loro, Kabani è l’ultima linea di difesa davanti alla casa.
Hanno massacrato tutti gli arabi locali lawiti da Jisr Ash Shugur (ovvero quelli che non sono riusciti a fuggire) mentre hanno tenuto gli arabi sunniti. Perciò è certo che  se SAA riuscirà ad arrivare lì tutti ‘i coloni’ dovranno  andare altrove.
Ci sono 3-5 (?) Migliaia di militanti in Siria: su questo fronte montuoso molto difficile, ci sono anche le forze siriane locali  locali della divisione costiera e la prima divisione di fanteria.
Lì per avanzare devi bruciare tutto a zero. Le montagne pullulano di militanti che hanno scavato buche, ogni sorta di fortini.
È abbastanza probabile che, per progredire, l’aviazione a lungo raggio sarà chiamata contro il questo neo-califfato, al fine di cancellare quasi le montagne con un grosso carico di bombe.

Proseguendo sugli altri fatti, ieri l’esercito turco ha inviato una grande colonna di rinforzi nella provincia siriana di Idlib. Ankara sta cercando di bloccare l’offensiva della Repubblica Araba Siriana (SAR) in questa direzione per salvare le forze dei ribelli, che hanno subito pesanti perdite a causa dell’esercito siriano.

A sua volta, domenica, le forze governative hanno lanciato un attacco di artiglieria contro le posizioni nemiche a nord di Qal’at al-Madiq. I proiettili sono caduti vicino al posto di osservazione turco, un errore o più plausibilmente una sorta di avvertimento per Ankara.

Provincia di Hama:
Sabato l’esercito arabo siriano ha ottenuto un grande successo nel nord di Hama. Alla feroce battaglia liberata n Midan Gazal, Arima e Al-Shariat le unità delle forze speciali  “Forze Tigre” dopo aver rafforzato le loro posizioni in questa zona,  hanno preso d’assalto l’insediamento di Bab at-Taka e Mustarih.

pubblicità

A loro volta, i ribelli hanno lanciato una massiccia controffensiva nel fine settimana, sperando di riconquistare la città di Kafr Nabuda. Nonostante l’utilizzo di forze significative, i jihadisti non sono riusciti a sfondare.Tre tentativi di assalto sono falliti. Il nemico è stato costretto a ritirarsi, subendo pesanti perdite.

Gli insorti hanno perso fino a 50 militanti tra uccisi e feriti, la maggior parte di loro appartenete al gruppo qaedista “Hayat Tahrir ash-Sham”. A loro volta, tra i ranghi delle forze armate della SAR sono caduti 20 combattenti.

Il sangue di gente innocente continua ad essere versato nel nord della provincia di Hama: la piccola città di  Al-Sekelbiya , dove vivono principalmente  cristiani, negli ultimi giorni è stata presa di mira da militanti jihadisti che si sono stabiliti nella cosiddetta zona di de-escalation di Idlib. In particolare, domenica scorsa, a seguito degli attacchi con fuoco di artiglieria i jihadisti hanno ucciso 6 civili, tra cui 5 bambini e una donna (qui il servizio di Avvenire).

Anche la milizia cristiana di  Al-Sekelbiya è passata in prima linea. Nella foto che segue di qualche giorno fa, vedete il comandante della milizia Nabil Al Abdullah, insieme ai consiglieri russi. Nabil Al Abdullah ha sotto il suo comando fino a 700 persone.

Provincia Quneitra:
Le forze di sicurezza siriane hanno scoperto un altro grande deposito di jihadisti nella provincia di Al Quneitra. Conteneva lanciagranate a propulsione a razzo, proiettili anticarro, mitragliatrici di medio calibro, una grande quantità di munizioni, attrezzature per le comunicazioni, binocoli e attrezzature mediche. Gran parte del materiale bellico era di fabbricazione israeliana.

Provincia di Deir-ez-Zor:
Nella parte occidentale di El Mayadin, vicino al castello di al-Rahba, le forze di sicurezza hanno scoperto un nascondiglio sotterraneo dove venivano tenute armi e munizioni lasciate dai militanti dello Stato islamico.

Sulla riva orientale dell’Eufrate, i terroristi hanno lanciato una vera guerriglia contro le forze filoamericane. Durante l’ultima settimana, nel corso di 11 attacchi, i militanti dell’ISIS hanno ucciso e ferito 32 combattenti della SDF.

Nelle città e nei villaggi sotto il controllo delle “Forze Democratiche Siriane” (SDF), le proteste della popolazione locale riguardo alle azioni dei curdi non si fermano. Venerdì, tali azioni si sono svolte in diversi villaggi contemporaneamente.

Le sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro Damasco hanno quasi lasciato il paese senza carburante. Parte del carburante che ancora arriva  proviene dall’Iran, mentre il resto è contrabbandato da territori controllati dai curdi. Gli americani stanno cercando di impedirlo in ogni modo, organizzando incursioni e distruggendo convogli che trasportano petrolio.

fonti Anna News e varie fonti