SIRIA: Ma allora se non c'è un'opposizione unitaria perchè si alimenta l'incendio?

Clinton

Il fine giustifica i mezzi. è questa la sintesi di 2.000 anni di storia umana? Lo è per la Clinton.

Una cosa deve essere chiara VietatoParlare.it condanna ogni ricorso alla violenza. Da qualunque parte venga, non si sostiene certo Assad ma il diritto di ogni stato di  scegliere da solo il proprio governo secondo la volontà della maggioranza della popolazione e secondo il proprio processo di maturazione storica.

Quello che si vuole riproporre a tutti i costi è però altro: è la ‘formula  Libia’ . Lo si vuole fare perchè si pensa che sia meglio così,  perchè la prospettiva di una Siria con una certa ‘gouvernance’ corrisponde meglio alla propria idea di giustizia e di democrazia.

Ma la vita non è così , la storia non si costruisce così,  la storia non è mai così, tant’è che le prime timide riforme in medio oriente le hanno realizzate Ataturk e lo Scia di Persia,  non erano certamente democratici! Erano dittatori. Eppure hanno introdotto nella storia un concetto sconosciuto nelle società islamiche: la laicità dello stato.

Con questo non si vuole dire che la dittatura è la soluzione,  ma  voglio dimostrare come il pensiero degli ‘amici della Siria’ che si sono riuniti a Tunisi, sia un pensiero ideologico, per cui l’interesse per la vita dei civili si accende a intermittenza a secondo se la difesa di questi corrisponda alla persecuzione di propri interessi. Così è stato in Iraq,  a Falluja o a Sirte.  Il numero delle vittime dei ‘buoni’ non si conoscono mai, la contabilità delle vittime dei cattivi si conoscono alla singola unità. La fornisce una organizzazione per la difesa dei diritti umani con sede a Londra.

So è un linguaggio crudo ma appare che ad Homs le cose stanno così:  sta accadendo una guerra urbana, l’esercito siriano ha le ore contate, nel senso che vuol risolvere le cose ‘sul campo’ ma il governo è sotto pressione fortissima. Così  man a mano che gli scontri proseguono si  imbarbariscono, più parlano al di fuori del paese e più si ha fretta di ‘finire’. Non aiuta nulla , non aiuta l’embargo, non aiuta l’isolamento internazionale, non aiutano le parole dette a sproposito, è come mettere un paese intero sotto assedio, quello che ne paga le conseguenze è la popolazione, la popolazione civile che è la più debole. Si vuole fare un corridoio umanitario quando il paese è sotto embargo? Non sarebbe più semplice mettere tutti intorno ad un tavolo e parlare? Perchè gli Osservatori della Lega Araba furono mandati via dopo soli 23 giorni quando si cominciava ad aprire un dialogo? La Russia non gli ha dato più molto tempo,   non è così chiaro come vogliono farci credere. Mi preoccupa il pensiero unico.

La Clinton in questo video ammette che a destabilizzare la Siria , a combattere contro l’esercito siriano c’è  Al Qaeda ed Hamas . La situazione è molto ambigua :

http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-17170775

Intervista a Kim Ghattas della BBC
Lunedi, 27 febbraio 2012, 03:16
Comunicato stampa: Dipartimento di Stato USA

Intervista
Hillary Rodham Clinton
Segretario di Stato
Sofitel Hotel
Rabat, Marocco
26 febbraio 2012

DOMANDA:
Signora Segretario, la ringrazio molto per aver parlato alla BBC. Poco più di un anno fa, ho fatto una domanda riguardo la Libia, e so che la Libia e la Siria sono molto diversi, ma in sostanza il genere questione rimane la stessa. Con nessun segno tangibile di una rapida azione per fermare la violenza in Siria, se ci svegliamo domani e il presidente Assad ha livellato Homs a terra, la storia non giudicherà l’Amministrazione Obama molto gentilmente.

Segretario di Stato Clinton: Beh, sono daccordo con questa premessa, Kim penso che se si guarda a ciò che sta accadendo in Siria, ed è molto diverso dalla Libia – e hai ragione, un anno fa siamo stati valutato attentamente ciò che era possibile, e quello che è diventato possibile, perché il territorio controllato opposizione, ha avuto una presenza unitaria nazionale che era ben disposto a impegnarsi non solo diplomatico, ma di organizzare contro il regime di Gheddafi non sia presente ancora in Siria. E certamente questa è una condizione sospensiva per chi sta cercando di capire come aiutare queste persone indifese contro questo assalto assolutamente implacabile.

Vorrei che la gente dentro la Siria sono state rispondere come persone all’interno della Libia hanno risposto. Non sono, a questo punto, forse a causa della potenza di fuoco e l’intento assoluto che abbiamo visto da parte del regime di Assad ad uccidere chiunque. Ma il fatto è che ci stiamo muovendo per fare tutto il possibile con la comunità internazionale.

DOMANDA: Ma se le persone dentro la Siria non può organizzarsi, ed i ribelli non hanno il territorio per organizzare correttamente, qual è la responsabilità della comunità internazionale per assicurarsi che non finisce con una grande scala massacro?

CLINTON SEGRETARIO: Beh, Kim, abbiamo ancora una forte opposizione all’intervento straniero sia all’interno della Siria, sia fuori la Siria. Non sono stati gli USA che non hanno approvato l’intervento al  Consiglio di Sicurezza, la legittimità, la credibilità di prendere una decisione viene fornito alla comunità internazionale . Abbiamo una serie di attori molto pericoloso nella regione, al-Qaeda, Hamas, e quelli che sono sulla nostra lista terroristi , che sostengono l’opposizione. Molti siriani sono più preoccupati di quello che potrebbe venire dopo. Quindi non voglio dire che nulla può essere fatto, perché io non credo che e sento che ci stiamo muovendo al meglio delle delle nostre capacità.

Ma voglio mettere in chiaro che per tutti coloro che guardando questo orribile massacro che sta avvenendo da porsi: Okay. Cosa fai? Possiamo immettere armi automatiche,  si può forse contrabbando attraverso il confine, okay, cosa fanno contro i carri armati e artiglieria pesante? Quindi c’è un insieme molto più complesso di fattori. Ma voglio assicurarvi una delle ragioni per l’incontro di Tunisi era quello di vedere da che parte si era.

DOMANDA: Nel corso della riunione di Tunisi, il ministro degli esteri saudita ha detto che è un’ottima idea di armare i ribelli. Altri sono forse già facendo. Stai li scoraggiare o li incoraggia?

CLINTON SEGRETARIO: Stiamo facendo nessuno dei due. Stiamo solo parlando a nome degli Stati Uniti.

DOMANDA: Ma non vi preoccupate che le armi che sfociano nel paese alimenteranno il conflitto?

CLINTON SEGRETARIO: Beh, ma che contraddice il punto che si facevano prima, e comprensibilmente, perché è un insieme di considerazioni molto difficile. Non ho dubbi che la gente sta già cercando, al meglio delle loro capacità, di ottenere armi per difendersi. Quello che non riesco a capire è perché l’esercito siriano Assad sta facendo  azioni contro le persone inermi, macchiando il loro onore, minando uno dei pilastri istituzionali del loro paese. Io non lo capisco.

DOMANDA: E ‘di iniziare a guardare come questo sarà un lungo conflitto. Sei preoccupato per questo? Sei preoccupato per anni di conflitto in Siria, forse qualcosa di simile a uno scenario del Libano con coppie regionali e gruppi diversi e frantumando gli eserciti?

CLINTON SEGRETARIO: Sono preoccupato. Penso che ci sia ogni possibilità di una guerra civile. Un intervento esterno non impedirebbe che, sarebbe probabilmente accelerare. Quindi penso che quando si tenta di riprodurre in ogni possibile scenario, ci sono un sacco di cattivi che stiamo cercando di valutare mantenendo il nostro occhio sulla necessità di ottenere aiuti umanitari, per cercare di fare tutto il possibile per sostenere l’opposizione siriana, per renderlo credibile, per farla essere sia all’interno del paese e all’esterno del paese parlando a nome del popolo siriano,di rappresentanza. E stiamo cercando di contribuire a spingere una transizione democratica. Ci sono voluti più di un anno nello Yemen, ma alla fine ci fu inaugurato un nuovo presidente. La gente continuava a essere ucciso tutto il tempo.

Quindi, queste sono situazioni molto dolorose. Non c’è niente da fare intorno ad esso. Mi sento come tutti gli altri a guardare il video, e ho anche le informazioni aggiuntive che proviene da tutti i tipi di fonti di intelligence, quindi so come vanno le cose terribili sono in alcune parti della Siria. Altre parti sono del tutto inalterati. Quindi questo è un impegno difficile ma necessaria per il mondo a rimanere concentrati.

DOMANDA: A Tunisi, ha chiamato le azioni cinesi e russe sulla Siria ‘spregevoli’ . E ‘una cosa saggia? Tagliarli fuori è lasoluzione? Non saranno necessari per negoziare una possibile via d’uscita per il presidente Assad?

CLINTON SEGRETARIO: Beh, sono liberi di negoziare ogni volta che vogliono per cercare di portare questo fine. Il meglio che posso vedere dalle loro azioni e dalle loro  negoziazioni è solo quello di rafforzare Assad . E le loro azioni sono molto dolorose, perché potrebbero essere partecipi della soluzione.

Se si guarda alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza che ha posto il veto, non c’erano armi in corso in Siria sotto di esso, non senza l’intervento straniero di alcun tipo, nessuna base per l’azione militare all’estero, anche le sanzioni. Quello che stavamo cercando di fare è di avere la comunità internazionale dietro la leadership della Lega Araba, che era quello di negoziare quel tipo di passaggio di consegne che ha avuto successo con lo Yemen. E questo è qualcosa che i russi non avrebbero andare per, così noi, ovviamente, avrebbe invitato, benvenuto, incoraggiare l’intervento russo e cinese che potrebbe portare alla fine dello spargimento di sangue.

DOMANDA: Ma alcuni sostengono che gli Stati Uniti e tutti gli amici della Siria si nascondono dietro le ostruzioni cinesi e russi. Perché la realtà è che nessuno, come lei ha detto, è davvero pronto ad affrontare le conseguenze che qualsiasi tipo di intervento per fermare la violenza sarebbe in realtà comportare quando si tratta di Siria. Questo è un paese molto complicato. Quindi, in un certo senso, i russi ei cinesi stanno anche rendendo più facile per voi fare un passo indietro e vedere come questo gioca fuori.

CLINTON SEGRETARIO: No. Se si fossero uniti a noi nel Consiglio di Sicurezza, penso che avrei mandato un messaggio molto forte al Assad che aveva bisogno per iniziare a pianificare la sua uscita, e le persone intorno a lui, che sono già di copertura le loro scommesse, avrebbero fatto la stessa cosa . Perché sanno che hanno preso attivamente sostenendo l’Iran, la Russia vendendo loro armi e diplomaticamente proteggerli, e la Cina non vuole nessuno a interferire con gli affari interni di nessuno. Quindi, che dà loro un sacco di comfort. Questi sono tre paesi consequenziali, un diritto sul loro confine, uno nelle vicinanze, e uno che ha un sacco di influenza.

Quindi penso che dobbiamo fare i fatti così come li troviamo. Vorrei poter sventolare la mia bacchetta magica e cambiare, ma che non è possibile. Così dunque, siamo in attesa per i russi a svolgere un ruolo costruttivo, come ci hanno continuato a promettere. Purtroppo, questo non è stato disponibile.

E non vorrei fare il mio lavoro se non stesse guardando la complessità. Voglio dire, potrei venire su e ho potuto fare un colloquio con voi e potrei dire, “Oh, siamo tutti per loro. Andiamo a prendere loro “. Ma cosa significa? Perché chiaramente io so quanto sia complesso questo è, e chiunque ci sta pensando e di dover prendere in considerazione in realtà ciò che potrebbe accadere il prossimo lo capisce. Quindi quello che sto cercando di fare è lavorare attraverso questo con i paesi pensano allo stesso modo che così si possa arrivare a un punto in cui vi sia sufficiente pressione in modo che le persone intorno Assad – la comunità imprenditoriale è ancora lo sostiene, le minoranze, che si conoscono in modo anche dal Libano, non sanno che strada prendere e hanno paura di quello che potrebbe venire dopo, l’opposizione, che non ha alcun posto che può davvero essere una base di operazioni. Voglio dire, ci sono così tante caratteristiche di ciò che serve per eseguire una campagna efficace contro un regime brutale che non sono ancora al loro posto.

(..)   http://www.scoop.co.nz/stories/WO1202/S00690/interview-with-kim-ghattas-of-bbc.htm

( neretto: VietatoParlare.it)