Siria – La città di Deraa è stata liberata un anno fa ma permangono problemi di sicurezza

Deraa City: intervista
di Aymenn Jawad Al-Tamimi • 30 agosto 2019 alle 15:44

È passato più di un anno da quando la provincia di Deraa è tornata completamente al controllo ufficiale del governo siriano. Tuttavia, ci sono molte lamentele, in particolare per la mancanza di sicurezza in alcune aree, incluso il capoluogo di provincia della città di Deraa. I quartieri meridionali della città (Deraa al-Balad) erano precedentemente sotto controllo dei ribelli.

Per saperne di più sui reclami riguardanti la situazione nella città di Deraa, ho intervistato un residente della città di Deraa la cui famiglia proviene dal villaggio sciita di Idlib di al-Fu’a.

Questa intervista è stata condotta il 28 agosto 2019. È leggermente modificata e condensata per maggiore chiarezza. Qualsiasi inserimento tra parentesi tra parentesi quadre è mio.

D: Quando sei nato? Quando sei venuto nella città di Deraa? E per quali motivi sei venuto nella città di Deraa?

A: Sono nato nel 1999. Mio padre è un uomo d’affari e ha comprato una casa nella città di Deraa. Sono venuto dopo che eravamo stati spostati da Sayyida Zaynab (la pace sia su di lei) per mano dei traditori e dei terroristi. Stavano massacrando i figli degli sciiti e sparandogli.

D: Era nel 2012?

A: Sì, nel 2012. dopo che i terroristi hanno sequestrato il 60% dell’area: corpi di vittime erano in ogni luogo. Nella mia esperienza, ho camminato su un corpo senza testa, mentre fuggivo dai terroristi. Vedevano chi aveva tracce di latm sul suo corpo [segni sul corpo: cioè il segno di riconoscimento degli sciiti] e lo massacravano.

D: Questo è nella città di Sayyida Zaynab o Deraa?

A: In Sayyida Zaynab.

D: Per Dio giorni pericolosi.

A: Sì anche questo è parte di Dio.

pubblicità

D: Com’era la vita nella città di Deraa prima della riconciliazione?

A: Meglio di adesso. È vero, eravamo bombardati e ogni giorno ci bombardavano, ma camminavamo per strada senza che nessuno ci sparasse se pregavamo e le nostre mani erano deluse [NB: lo stile sciita di preghiera]. L’esercito ci ha trattati come fratelli. Camminavamo per la strada in sicurezza.

D: E come sono stati i servizi in città?

L’elettricità non è stata interrotta. Il gas era disponibile. L’acqua era sempre disponibile. Anche negli uffici dello stato gli affari erano facili.

D: E ora come sono i servizi e la situazione della sicurezza? Puoi entrare in Deraa al-Balad per esempio?

A: No, impossibile. Chiunque entri da Deraa ed è noto per essere un personale militare o sciita, lo uccidono. La situazione dei servizi è molto diminuita. La situazione della sicurezza è diventata inesistente. I terroristi sono entrati con le armi da Deraa al-Balad a qui. Sparano a chi viene in mezzo a loro. Sono stato esposto a un tentativo di attacco davanti agli occhi della polizia militare perché ho detto Ya Ali [Oh Ali: una frase associata agli sciiti].

D: In che modo la situazione dei servizi è peggiorata esattamente e perché?

A: Innanzitutto i giovani di Deraa al-Balad hanno rubato le linee elettriche per venderle. Tutto il gas è andato ai terroristi. Abbiamo acquistato gas proveniente da Deraa al-Balad perché nella piazza della sicurezza manca il gas. Io e la mia famiglia abbiamo perso il registro delle famiglie quando i terroristi sono entrati in Sayyida Zaynab e possiamo ottenere gas solo con la smart card che richiede un registro familiare.

D: L’acqua è ancora disponibile come prima in città?

A: Sta arrivando una volta alla settimana.

D: Questo è peggio di prima?

A: Sì, molto [peggio]. E viene fornito con debolezza e non esce nel serbatoio di stoccaggio. Inoltre [i terroristi] hanno violentato le ragazze nelle strade o le hanno rapite.

D: Quindi in precedenza quante volte veniva l’acqua ogni settimana?

A: Precedentemente ogni giorno.

Q: L’esercito arabo siriano non è presente a Deraa al-Balad?

A: Sono presenti solo stazioni di polizia che sono soggette ogni giorno a spari. E due giorni fa un ufficiale è stato martirizzato con sua figlia e sua moglie.

D: Quindi le fazioni armate sono rimaste così come sono?

A: Sì. Sono rimasti con loro solo armi leggere: ad esempio lanciarazzi o mitragliatrici calibro 12 mm o Kalashnikov [fucile], bombe a mano. E possiedono una grande quantità di IED.

Q: Ho sentito che sono ufficialmente affiliati al V Corps.

A: Sì, alcuni di loro si sono uniti alla 4a divisione e alcuni sono rimasti senza arruolarsi nell’esercito.

Q: Ma sono in verità gang.

A: Anche il personale militare e l’esercito non desiderano uscire dopo l’1 [am]. Sì, [le fazioni armate sono] bande. Ad esempio, se combatti con un giovane del campo [campo di Deraa per i palestinesi] o di Deraa al-Balad, all’improvviso troverai granate che piovono sulla tua casa. E se ti lamenti con un’autorità di sicurezza, ti dicono: queste persone, [noi] non ne siamo responsabili.

D: Perché lo stato non interviene in modo deciso per imporre la legge?

A: La polizia militare russa ha offerto protezione a tutti i terroristi, in modo tale che se l’esercito arresta una persona tra di loro, la polizia russa lo rilascia.

D: La polizia militare russa è nella città di Deraa?

A: Sì, presente. Ma portano armi leggere e non possono proteggere i punti in cui sono presenti.

D: Intraprendono pattuglie regolari all’interno della città?

A: No. Appaiono all’improvviso e scompaiono all’improvviso. E dopo la loro apparizione, le bande iniziano la loro egemonia sui civili.

D: Gli amici [alleati stranieri] della parte iraniana e la resistenza islamica [Hezbollah] non hanno influenza sulla città? Voglio dire, non sono affatto presenti per aiutare le persone?

A: Niente affatto. Persino gli Hezbollah presenti a Deraa sono scomparsi. Spero che prendano possesso della città.

D: Quindi vuoi dire che erano presenti prima e ora sono scomparsi.

A: Il personale della Guardia Rivoluzionaria [IRGC] che era [affiliato] ed è rimasto è inseguito dalle bande. E c’è un giovane la cui testa è stata tagliata nella città di Tafas e il suo corpo è stato consegnato senza la testa. * Sì, erano presenti gli Hezbollah. E mio fratello faceva parte della Guardia Rivoluzionaria.

D: Ed è stato esposto alle minacce degli insorti?

A: Sì, una volta stava scendendo per un permesso di ferie e hanno cercato di portarlo nelle terre in cui sono presenti ma è riuscito a fuggire  nell’ultimo checkpoint dell’ l’esercito.

D: E sta ancora affrontando minacce e molestie da parte loro?

A: Sì, ma ora sta studiando all’università di Aleppo.

D: Quindi in breve la situazione ora è peggiore della situazione precedente alla riconciliazione.

A: Sì. Chi non ha armi in casa rimane a dormire con gli occhi aperti.

D: Finalmente hai un messaggio per lo stato siriano e i russi?

A: Dovrebbero togliere tutte le armi ai terroristi e punire coloro che hanno ucciso. Ci sono terroristi orgogliosi del fatto che hanno ucciso il personale militare e hanno fatto delle foto in cui è chiaro che il personale militare è stato ucciso per mano loro.

D: Quindi la cosa più importante è che devono imporre la legge.

A: Sì, certo.

——————————
* (Nota): l’intervistato si riferisce a qualcuno che ha precedentemente lavorato con l’IRGC e Hezbollah. Quella persona è stata uccisa nella città di Tafas nella campagna occidentale di Deraa all’inizio di quest’anno.