Home Attualità Silvio Berlusconi e l’invasione cinese…

Silvio Berlusconi e l’invasione cinese…

0

Silvio Berlusconi prima ha difeso a spada tratta Putin ed ora attacca la Cina paventando l’occupazione dell’Italia. Ma la Cina è interessata solo a Taiwan che considera una sua regione e come è riconosciuto dall’ONU. Inoltre, la Cina non ha mai attaccato stati terzi in cui non ci sono territori contesi, tantomeno avrebbe la forza logistica né l’interesse di una guerra, addirittura in Europa.

L’affermazione del leader di Forza Italia evidentemente è un classico esempio di come i fatti possono essere travisati a ragione di convenienze politiche. Berlusconi ha fatto le osservazioni in una video intervista registrata venerdì dal canale di notizie Sky TG24 (vedi qui: https://www.lacnews24.it/politica/convention-fi-berlusconi-serve-esercito-europeo-se-oggi-la-cina-ci-invadesse-potremmo-solo-imparare-il-cinese_170920/). L’ex primo ministro ha affermato che se la Cina decidesse di “occupare l’Italia, e magari qualche altro Paese europeo, non saremmo assolutamente in grado di contrastarla. “. A quel punto, “La cosa migliore che gli italiani potrebbero fare sarebbe andare a scuola per studiare il cinese”, ha aggiunto.

Per migliorare la propria posizione, ha affermato Berlusconi, l’UE deve adottare una “politica militare unica, con una forte cooperazione tra le forze armate di tutti i paesi europei. Ha anche sostenuto un aumento della spesa per la difesa e l’istituzione di un “corpo di emergenza
” composto da 300.000 persone. ”

Politicamente, Berlusconi ha detto che vorrebbe vedere un “continente veramente unito” – qualcosa che sarebbe più realizzabile se il blocco abbandonasse il suo “principio di unanimità” votando a favore di una maggioranza dell’80-85%, ha affermato.

Ha proseguito sottolineando che l’UE può e deve svolgere un ruolo più importante nel mondo, anche opponendosi a quello che ha descritto come “l’imperialismo cinese”.

Il mese scorso, Bloomberg ha riferito che la Meloni, stava valutando la possibilità di ritirarsi dal progetto infrastrutturale cinese Belt and Road.

Secondo fonti citate nell’articolo, però, sulla questione manca il consenso all’interno della coalizione di governo.

Parlando a fine marzo prima della sua visita in Cina, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che mentre il ” disaccoppiamento ” da Pechino non è nell’interesse dell’UE, Bruxelles dovrebbe diventare ” più audace ” nelle sue relazioni con la Cina – che sta crescendo ” più repressiva in patria e più assertiva all’estero “.

Commentando le osservazioni di Von der Leyen, l’ambasciatore cinese presso l’UE, Fu Cong, ha affermato che il suo messaggio era incoerente e contraddittorio, sottolineando la “travisazione e interpretazione errata delle politiche cinesi e delle posizioni cinesi ” e consigliando al capo della Commissione europea di trovare i migliori autori di discorsi.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version