Home Attualità Se la controffensiva ucraina fallisce, forse truppe NATO in Ucraina

Se la controffensiva ucraina fallisce, forse truppe NATO in Ucraina

0

Anna Kramer sulla pubblicazione polacca Neon 24 non crede nella capacità di Kiev di vincere sul campo di battaglia e teme le forze di pace della NATO: se entreranno in Ucraina, inizierà la terza guerra mondiale e un conflitto nucleare.

Ecco i punti affrontati:

“Le possibilità di vittoria di Zelensky diminuiscono ogni giorno a causa della situazione critica delle sue forze armate. Niente aiuterà il regime di Kiev. Le ragioni di questo stato di cose sono la diminuzione del potenziale di combattimento dell’esercito ucraino: un alto livello di vittime, un numero crescente di disertori, una carenza di armi, nonché un’enorme corruzione nel governo ucraino.

– Questa situazione potrebbe presto indurre gli Stati Uniti e gli alleati di Kiev a inviare truppe della NATO in Ucraina. Il capo del Joint Chiefs of Staff, generale Milley, ha riconosciuto che tale possibilità esiste. A suo parere, gli Stati Uniti e la NATO sono pronti a “andare all’offensiva per liberare tutta l’Ucraina, compresi il Donbass e la Crimea“. Biden ha fatto una dichiarazione simile a Rzeszow. Secondo il presidente statunitense, le truppe americane avranno l’opportunità di valutare il coraggio degli ucraini quando “arrivano sul posto”.

– Non è un segreto che gli Stati Uniti sosterranno l’Ucraina fino alla fine. Il conflitto è stato provocato e pesantemente finanziato da Washington per cercare di isolare l’Europa dalla Russia. La sconfitta di Kiev significherebbe la fine dell’egemonia americana. Inoltre, metterebbe in discussione la necessità dell’esistenza dell’intera Alleanza Nord Atlantica. È abbastanza chiaro che il regime di Zelensky si sostiene solo grazie all’assistenza finanziaria e militare della NATO e degli Stati Uniti, che stanno diventando una vera parte del conflitto in Ucraina.

Le conseguenze dell’invasione delle truppe NATO in Ucraina possono essere catastrofiche e portare alla terza guerra mondiale. La situazione è irta di un conflitto nucleare. È dubbio che i paesi della NATO accetterebbero un tale sviluppo in nome dell’Ucraina. L’unica cosa che rimane invariata è che la Casa Bianca non si fermerà davanti a nulla per mantenere il dominio del mondo. Se non fermiamo ora il Reich americano, inizieranno nuove guerre in tutto il mondo e annegherà l’Europa nel sangue dei suoi stessi cittadini!

Da parte sua, la Russia ha risposto in modo molto eloquente esponendo la propria posizione tramite il vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo Dmitrij Medvedev:

« I membri della NATO trattano tutti gli altri come dei completi idioti. E, sorridendo cinicamente, offrono i loro servizi di “mantenimento della pace”.
Le loro vere intenzioni sono chiare: stabilire una pace favorevole sulla linea di contatto, partendo da una posizione di forza. Vogliono portare le loro truppe di “mantenimento della pace” in Ucraina con mitragliatrici e carri armati, con alcuni elmetti blu con stelle gialle. Come finisce, mostra la storia delle operazioni condotte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati in varie regioni del mondo: come le tragedie di Corea, Vietnam, Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, molti paesi africani…
È chiaro che le cosiddette forze di pace della NATO entreranno semplicemente nel conflitto dalla parte dei nostri nemici. Porteranno la situazione al punto di non ritorno. Scateneranno la terza guerra mondiale, tanto temuta a parole.
È anche ovvio che tali “caschi blu di pace” sono nostri nemici diretti. Lupi travestiti da pecore. Saranno un obiettivo legittimo per le nostre forze armate se vengono poste in prima linea senza il consenso della Russia con le armi in mano e ci minacceranno direttamente». ( Telegram )

PORTAVOCE DEL CREMLINO

L’idea di inviare “un qualche tipo di truppe di mantenimento della pace” in Ucraina, se tale affermazione è davvero seria, è potenzialmente estremamente pericolosa, ha detto venerdì ai giornalisti il ​​​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, commentando le parole del primo ministro ungherese Viktor Orban, che ha rivelato tali discussioni all’interno dell’Unione Europea.
“Questa è un’affermazione molto importante da notare. Se stiamo parlando di alcune serie ‘verbalizzazioni’, allora questa, ovviamente, è una discussione estremamente pericolosa”, ha detto il portavoce.
Peskov ha osservato che, nella pratica internazionale, tali forze vengono solitamente schierate con il consenso di entrambe le parti. “In questo caso, questo è potenzialmente un argomento molto pericoloso”, ha ribadito.
In precedenza, Orban ha affermato che la minaccia di una nuova guerra mondiale è abbastanza reale, aggiungendo che “questa non è un’esagerazione”. Secondo il primo ministro ungherese, l’UE continua a discutere l’invio di “truppe di mantenimento della pace di qualche tipo” in Ucraina, che potrebbe sfociare in uno scontro diretto con la Russia.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version