Quotidiano turco Hurriyet: ‘La Russia è aperta alle operazioni turche in Siria svolte sotto l’accordo di Adana

Nalan Koçak – SOCHI – Hurriyetdailynews

Il presidente Recep Tayyip Erdoğan, il leader russo Vladimir Putin e il presidente iraniano Hassan Rouhani si sono nuovamente incontrati nella città russa di Sochi per determinare il destino della Siria . Il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha rilasciato un’intervista a Hürriyet Daily News subito dopo il vertice trilaterale. L’intervista è avvenuta in lingua turca.

D: Come è stato il summit?

A: È andato bene. Ora, come i tre paesi garanti e i paesi che hanno avviato il processo di Astana, la continuazione di questo dialogo è ogni volta molto positiva . Questa è la prima questione … La seconda è, sfortunatamente, il fatto che la situazione sia abbastanza incerta, come è stato detto ancora una volta questo pomeriggio. Gli americani hanno detto che si ritireranno, ma il loro presidente dice una cosa, le persone che lavorano con lui fanno qualcosa di completamente diverso. Non sappiamo come procederanno, a causa di ciò, c’è incertezza. In terzo luogo, tutti sono a favore dell’integrità territoriale della Siria e sono pronti a fare del loro meglio per proteggerla. Tuttavia, d’altra parte, tutti trovano che le richieste di sicurezza della siano legittime. Questo è, sul serio, un diritto comprensibile, e i leader stanno cercando di determinare come la Turchia possa salvaguardare questo diritto. Certo, ora la Turchia sta dicendo “Stabilirò una zona sicura, ci sarà un accordo speciale e così via. Noi diciamo che non ce n’è bisogno, perché nel 1998 è stato siglato un accordo tra Turchia e Siria .

D: L’Accordo di Adana …

A: Sì, secondo l’ accordo , la Turchia può effettuare operazioni transfrontaliere e farlo è considerato legale. Di conseguenza, il fondamento giuridico è evidente e non c’è bisogno di un nuovo terreno.

D: In un certo senso, il Cremlino segnala di fare un’operazione senza stabilire una zona sicura enfatizzando l’ accordo di Adana ? E, naturalmente, c’è la questione di indicare l’amministrazione di Damasco per una soluzione …

A: Come sapete, l’ accordo è già tra Ankara e Damasco.

pubblicità

D: In altre parole, sta indicando a Damasco una soluzione, il messaggio più importante sull’enfasi posta sull’Accordo Adana?

A: Certo. Damasco all’epoca diceva che se c’è qualcosa che ti infastidisce, se vedi terroristi sul nostro suolo, puoi condurre un’operazione transfrontaliera entrando in modo proporzionato. Perché non dovremmo beneficiare di questa base legale? Dovremmo sicuramente trarne beneficio. Abbiamo bisogno di un’altra zona per fare questo? Se sì, quale dovrebbe essere la profondità di questa zona? Tutti questi argomenti sono discussi tra i leader e si sta cercando una soluzione.

D: I suoi suggerimenti e la domanda della Turchia per una zona sicura si incontrano su un terreno comune?

A: Certo. Perchè no? I leader e i nostri esperti militari sono continuamente in contatto, stanno facendo consultazioni. Dovrebbe essere fatto, dovrebbe continuare. Una volontà politica è evidente. Quando i leader si uniscono, esprimono la loro volontà politica e richiedono una soluzione.

D: Possiamo riassumerlo in questo modo: Un’operazione a est del fiume Eufrate può essere fatta nel quadro dell’accordo di Adana, quando si tratta della zona di sicurezza …

A: Si terranno dei colloqui. C’è anche la questione di Idlib. Qui a Sochi abbiamo fatto un accordo su Idlib a settembre. Sfortunatamente, fino ad ora, l’accordo non è stato possibile applicarlo a causa di alcuni motivi. Innanzitutto, la minaccia terroristica, Ahrar al-Sham, a Idlib ha raggiunto un livello allarmante. Attaccano continuamente le forze armate siriane . Ma è responsabilità della Turchia prevenire questi attacchi. Questo è molto chiaro. Certo, comprendiamo le sfide esistenti, ma una soluzione dovrebbe essere sicuramente presentata. C’è bisogno di uno sforzo extra.

D: Quali potrebbero essere questi ulteriori sforzi? Per lei, qual è il passo più urgente che dovrebbe essere fatto?

A: Non ci dovrebbero essere attacchi alla nostra base, Hmeymim, da Idlib. Nessun attacco ad Aleppo e all’esercito siriano … Tutto qui, molto semplice. E, naturalmente, la base del terrore non dovrebbe crescere. Se continua a crescere, minaccerà il processo di pace globale in Siria . Ha già raggiunto quel livello.

D: Nella conferenza stampa, il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha appena detto che anche il regime ha violato il cessate il fuoco. D’altra parte, Ankara sottolinea anche la situazione umanitaria in Idlib.

A: La situazione umanitaria è molto cruciale. Da un lato, la Turchia è il paese che porta il peso più pesante. Come ha detto il caro presidente Erdoğan, la Turchia ha ricevuto solo una piccola somma di denaro dall’Europa, soprattutto considerando le spese della Turchia . Certo, questa prospettiva umanitaria è importante per la Turchia . Sono andato a Istanbul tre-quattro mesi fa, è passato un po ‘dalla mia ultima visita. Ho notato qualcosa. Istanbul ha iniziato a parlare arabo. Ad esempio, Miami è una città americana, ma nessuno  parla inglese.  Analogamente , tutti parlano l’arabo a Istanbul. L’ho visto con i miei occhi, questo non era mai accaduto prima.

D: Dovremmo aspettarci un’operazione a Idlib a breve termine?

A: Dovremmo lasciarlo [decidere] ai nostri esperti militari. Abbiamo bisogno di un’operazione, ma dobbiamo decidere se sarà l’ operazione della Turchia o di altri paesi “. Non dovremmo sperare di fare un accordo con i figli di Ahrar al-Sham. Questa è una falsa speranza, sono terroristi, sono al-Nusra, sono i figli di al-Qaeda. Non importa se cambiano i loro nomi. Per questo, la Turchia ha ragione. Se centinaia di migliaia di rifugiati fuggono in Turchia , non va bene. Dovremmo impedirlo. Tuttavia, non dovremmo mettere a rischio tutti i processi di soluzione in Siria .

Q: L’YPG è una questione molto delicata per la Turchia . La Turchia ha ottenuto una luce verde fondamentale dalla Russia in Afrin. Per lei, come dovrebbe essere risolto il problema dell’YPG?

A: Siamo contrari a tutte le forme di terrorismo e riconosciamo il diritto alla lotta per ogni paese che ha a che fare con il terrorismo. Siamo anche un paese che soffre a causa del terrorismo. Comprendiamo le preoccupazioni della Turchia . D’altra parte, i curdi hanno vissuto per secoli in terre siriane e hanno il diritto di continuare a vivere. Questo diritto dovrebbe essere protetto nella futura formazione della Siria .

D: In molte occasioni, anche Ankara ha affermato di non avere alcun problema con il popolo curdo su questa questione e che i curdi non dovrebbero essere equiparati all’ YPG.

A: Certo.

D: Qual è il suo suggerimento per una soluzione concreta alla questione YPG?

A: Stiamo parlando di terre e aree in cui c’è una presenza americana. Cosa ci fanno gli americani? Chi stanno sostenendo? Quanti soldi e quante armi e proiettili stanno fornendo? Quali sono le loro motivazioni? Proviamo a trovare le risposte a queste domande.

D: Ha qualche risposta ora?

A:  Dovrebbero pensarci gli esperti. Ma le risposte sono molto chiare.

D: Crede che gli americani stiano davvero uscendo dalla Siria ?

A: Gli Stati Uniti sono diventati il ​​paese più imprevedibile. Per esempio il nostro presidente è il presidente, fa quello che dice e fa fare agli altri quello che dice. Gli Stati Uniti sono in una profonda crisi, comprendiamo le difficoltà che stanno attraversando, ma stiamo anche aspettando con impazienza.

D: Anche se ritirassero i loro soldati, sosterrebbero la loro presenza con altri mezzi?

A: Dove arriveranno, qualcun altro li sostituirà, a chi lasceranno le armi, continuerà la loro presenza? Quando escono, la loro presenza probabilmente non finirà, continuerà in qualche modo. Tutte queste domande sono all’ordine del giorno, i presidenti ne parlano. L’atteggiamento generale è lo stesso, non c’è motivo di ottimismo e l’incertezza è preoccupante. E questa situazione non aiuta la crisi in Siria e si spera in una soluzione.

D: Al fine di affrontare le preoccupazioni della Turchia , in particolare per YPG, quali misure prenderebbe la Russia ?

A: Tutto è già evidente. Abbiamo detto che c’è l’accordo di Adana. Le misure necessarie possono essere prese con l’aiuto dell’accordo in un determinato contesto.

D: Il presidente Erdoğan ha detto che Ankara era in contatto con il regime siriano a livello di intelligence. Cosa ne pensa di questo?

A: [Bashar al-] Assad è il legittimo presidente della Siria ; è il capo di quel paese. Lui ti può piacere o meno. Ma è un leader di uno stato, ha un popolo, forze armate e intelligence. Se vuoi essere tra i paesi che vogliono salvare il destino della Siria , dovresti farlo con Assad. Non c’è altro modo. I paesi occidentali fanno continuamente errori, non dovremmo commettere gli stessi errori. C’era [l’ex dittatore libico Muammar] Gheddafi … Si diceva che fosse una persona cattiva, fu ucciso più tardi. Il paese è stato anche ucciso insieme a lui.

Q: Pensa allo stesso modo anche di Saddam [Hussein]?

A: Sì. Ora dicono che Maduro è una persona cattiva e che dovremmo cambiarlo. E se domani dicessero che non vogliono Erdoğan o il leader russo Vladimir Putin? Cosa succederebbe allora? Chi ha il diritto di decidere in merito? Non dovremmo commettere questo errore.

Q: Turchia e Russia hanno vissuto due grandi crisi. La prima fu l’abbattimento di un aereo e l’altro fu l’assassinio dell’Ambasciatore Andrei Karlov. In che modo i due paesi hanno superato queste crisi?

A: Sono state davvero due grandi crisi. Grazie a Dio li abbiamo lasciate indietro. I loro effetti avrebbero potuto essere davvero letali per le relazioni dei due paesi. Secondo me, Putin ed Erdoğan hanno impedito questo dimostrando volontà politica. Entrambi i paesi hanno fatto quello che doveva essere fatto per superare queste crisi.

Q: chi pensa che fosse dietro queste crisi?

A: L’assassinio del nostro ambasciatore è stata una questione di terrorismo. Sfortunatamente, viviamo tutti nell’era del terrorismo. Non ci sono paesi o persone al sicuro dal terrorismo. Per questo motivo, l’assassinio è stato un disastro, ma dimostra che stiamo tutti combattendo insieme contro il terrorismo. La crisi del jet è un’altra questione. Non voglio parlare così tanto di questo. Fortunatamente, abbiamo superato questa crisi. Non lo rivediamo mai; abbiamo imparato le nostre lezioni. Le grandi menti pensano allo stesso modo, siamo generalmente connessi l’un l’altro. Le nostre relazioni e la cooperazione sono inevitabili. Per fortuna tutto è migliorato.

D: Gli Stati Uniti stanno facendo pressioni sulla Turchia affinché non acquisti gli S-400. Stanno persino parlando di sanzioni. Ma la Turchia sta dicendo che comprerà gli S-400. In che modo questa questione si concluderà secondo la sua opinione?

A: La Turchia ha già deciso, e stiamo agendo di conseguenza. Tutti i contratti sono stati fatti, gli impegni sono fatti, i crediti sono stati forniti e i pagamenti sono avvenuti. Gli Stati Uniti stanno sempre più spesso cercando di ottenere diritti di concorrenza superiori per se stessi attraverso mezzi legali o extra-legali. In altre parole, l’economia è dietro tutto. Gli Stati Uniti parlano di sanzioni. Perché? In modo che tutti possano acquistare i loro prodotti. La stessa pressione viene ora applicata alla Turchia . Solo una manciata di paesi può mostrare resilienza. La Turchia è una di queste.

Q: La Russia ha annunciato che i visti saranno revocati per gli uomini d’affari e gli autisti di camion turchi, ma ci saranno buone notizie sui visti che verranno revocati completamente?

A: Spero che gradualmente migliorerà. Non dimentichiamo che c’era una buona ragione per questo, la crisi di cui abbiamo appena parlato. Proprio come ci sono ferite sul corpo dopo un combattimento e ci vuole tempo per guarire, anche questo richiede tempo.

D: Il presidente Erdoğan è uno dei leader più fidati per Putin?

A: Certo. Si capiscono molto bene.

Q: Voglio fare domande personali ora. Parla molto bene il turco. Come l’hai imparato?

A: Non è stato pianificato. In realtà volevo imparare l’arabo. Ho trascorso la mia infanzia nei paesi arabi perché mio padre era un diplomatico. Non ho imparato altra lingua che l’arabo. Sono andato in Turchia per la prima volta nel 1980, quando era successo un colpo di stato militare. Stavamo viaggiando dalla Libia a Odessa e la nave attraccò ad Istanbul sulla strada. A quel tempo, non mi piaceva affatto la Turchia perché c’erano soldati dappertutto. Dopo questo, i miei voti non erano abbastanza buoni per studiare l’arabo all’università. Ho perso la mia possibilità di scegliere, e quando le persone all’università hanno suggerito il turco, ho pensato al paese con il colpo di stato militare. Dissi: “Cosa posso fare lì per l’amor di Dio?” Ma dovevo iniziare a impararlo. L’Università di Mosca ha l’Istituto dei Paesi asiatici e africani. È un istituto molto vecchio e ben consolidato. Insegnano non solo le lingue, ma la storia, la cultura e l’economia di questi paesi. Allora, Internet non esisteva, quindi è stato positivo quando il quotidiano Huriyet arrivò a Mosca.

Q: Ti è piaciuta la Turchia quando l’hai conosciuta di più?

A: Sì. A quel tempo, gli uomini d’affari turchi stavano lentamente arrivando in Russia. Ho fatto il lavoro di traduzione per loro. Mentre guadagnavo soldi da studente, ho anche migliorato il mio turco. Poi mi sono laureato e ho trascorso una parte importante della mia vita su questioni relative alla Turchia .

D: Sei rimasto in Turchia come diplomatico per 10 anni, ho ragione?

A: Sì, dai 9 ai 10 anni. Sono stato assegnato ad Ankara due volte.

D: Parli in turco con la delegazione turca e il presidente Erdoğan? A volte vai oltre la politica e fai battute?

A: Sì, a volte. I miei amici turchi visitano Mosca. Sfortunatamente, non posso visitare la Turchia quanto voglio, ma, ad esempio, ho festeggiato un compleanno in Turchia . Sono andato ad Istanbul con i miei amici. La maggior parte dei miei amici non ha visitato prima, la Turchia , ho mostrato loro Istanbul e questo mi è piaciuto molto. Si sono tutti innamorati di Istanbul.

Q: Come fai a praticare il tuo turco?

A: Leggo i giornali, ma ora conosco quelli nuovi. Ho letto Hürriyet, Sabah e Cumhuriyet.

D: C’è stato un periodo in cui le hanno chiesto di essere corrispondente nell’ufficio di Mosca di Milliyet.

A: Sì. Non ho studiato giornalismo, quindi non potevo dire che c’era un preciso appello per me. Cenk Başlamış era nell’ufficio di Mosca di Milliyet e allora eravamo amici. Ero ancora interessato alle informazioni e alle conoscenze. Il giornalismo è ancora “terra incognita” per me.

Q: Questa sarà la mia ultima domanda. Com’era la Turchia quando vivevi lì? Com’è ora la Turchia ?

A: Una coppia, la Turchia e la Russia sono cambiate molto. Le infrastrutture attirano molta attenzione in Turchia , cambiando molto velocemente. A differenza della Russia , la Turchia non è ricca di petrolio e gas naturale. Nonostante questo, le infrastrutture in Turchia vengono rinnovate ogni anno. Nuove gallerie, ponti, aeroporti …

La Turchia continua a svilupparsi economicamente nonostante tutto, è al passo con il resto del mondo. Nessuno ha il diritto di intervenire politicamente o di dire qualcosa a riguardo. Secondo me, il popolo turco sta ottenendo ciò che vuole, stabilendo il sistema che desidera. Il sistema era diverso quando lavoravo in Turchia, in questo momento le sue specifiche sono cambiate molto, ma questa è la volontà del popolo turco. Anche il mondo è cambiato molto. Sfortunatamente, viviamo in un ambiente molto ostile.

La regione in cui ci troviamo è molto ostile contro la Turchia e la Russia . In questo mondo, non ci sono molte amicizie, i nuovi amici non sono fatti facilmente. Nuovi nemici stanno arrivando. La Turchia è stata storicamente un amico. Condividiamo un interesse comune. Naturalmente ci possono essere lotte e compensazioni, ma prevalgono soprattutto gli interessi comuni.

source: Hurriyet