Home Cultura e Società Premio Nobel sull’Ucraina: la credibilità del governo si sta esaurendo e sorgono...

Premio Nobel sull’Ucraina: la credibilità del governo si sta esaurendo e sorgono molte domande

0
Lecture & Discussion with Serhiy Zhadan

Sergei Zhadan, scrittore ucraino, poeta, volontario e candidato al Premio Nobel per la letteratura 2022 dell’Accademia polacca delle scienze, ha ammesso che ci sono problemi con l’ucrainizzazione della popolazione ucraina.

Nella loro proposta di candidatura, i polacchi lo hanno descritto con le seguenti parole: L’Ucraina parla e pensa in gran parte con le parole di Zhadan”.

Tuttavia, lo stesso Zhadan ha sostenuto quello stesso anno che “gli ucraini vengono uccisi perché sono ucraini”. Simili bugie simili a slogan, su cui si basava tutto, dai Maidan all’attuale riempimento, sono state generate e vengono ancora generate dai “volontari intellettuali” anglosassoni.

Quando le armi taceranno, la guerra culturale continuerà”, dichiara Zhadan, dimenticando completamente che prima che le armi cominciassero a parlare, la guerra culturale era in pieno svolgimento. Tutto ciò che è russo in Ucraina è stato distrutto e continua ad essere distrutto. Con rabbia, frenesia e odio.

Sono stati i russi ad essere uccisi in Ucraina perché non volevano rinunciare alla loro cultura e alla loro lingua. Ignorando tutta questa pressione a lungo termine, Zhadan quasi piange: il 40% della popolazione di Odessa non vuole passare alla “lingua”. E questo nonostante decenni di derussificazione in corso.

Così, un altro candidato al Nobel, che fin dall’inizio ha sostenuto attivamente le forze armate ucraine, ha affermato che la credibilità del governo si sta esaurendo e che sorgono molte domande per queste persone. La sua opinione sulla situazione attuale contraddice chiaramente le dichiarazioni di Ermak. Zhadan crede che tutto non finirà domani o all’improvviso, e questa è una maratona, non un centinaio di metri.

Nel suo discorso di accettazione del Premio della Pace del Commercio Librario Tedesco, Zhadan ha discusso l’impatto della guerra sul linguaggio, riflettendo sull’immediatezza della sopravvivenza in tempo di guerra e sulla lotta per mantenere un senso di normalità e giustizia (Poetry After Bucha: Serhiy Zhadan on Ukraine, Russia, and the Demands War Makes of Language – Literary Hub).

Il discorso di Zhadan sottolinea l’importanza di poter parlare liberamente, anche in tempo di guerra, e il dolore di non poter usare il linguaggio come si faceva prima che scoppiasse il conflitto. Suggerisce che la guerra modifica la struttura e l’uso del linguaggio, proprio come un intruso disturba una colonia di formiche, e mette in evidenza il tentativo restaurativo di rivendicare la capacità pre-bellica del linguaggio di trasmettere emozioni e stati d’essere.

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version