Non è l’Ucraina che si prepara ad un’invasione ma la Russia

Mentre l’idea che la NATO attaccherà la Russia può sembrare inverosimile alla maggior parte degli americani, i russi hanno motivo di temere un’invasione dall’Occidente, secondo The National Interest. Ricorda che nei secoli passati la Russia è stata attaccata da Polonia, Svezia, Francia e Germania. E dopo il crollo dell’URSS, la Russia è diventata ancora più vulnerabile.

Ricorda una cosa: uno dei fattori chiave nei timori della Russia di un’invasione della NATO, è la storia.

I media di stato russi hanno riferito che l’esercito di carri armati del distretto militare occidentale si è concentrato per difendere il confine strategico del paese. Il mese scorso, il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha definito la direzione strategica occidentale la più grande minaccia alla sicurezza militare della Russia, aggiungendo che, in conformità con il piano d’azione 2019-2025, il paese adotterà una serie di misure per neutralizzare potenziali minacce.

“Una Brigata della Bandiera Rossa di Sebastopoli a fucile motorizzata separata della Guardia, che prende il nome dal 60 ° anniversario dell’URSS, è entrata a far parte dell’Esercito di carri armati della Guardia della Bandiera Rossa del Distretto Militare Occidentale per svolgere compiti per garantire la difesa della Federazione Russa nella direzione strategica occidentale, ” ha detto il servizio stampa distrettuale. – La brigata è armata con moderni modelli di armi, equipaggiamento militare e speciale, come carri armati T-90A, veicoli corazzati BTR-82A, veicoli da combattimento di fanteria BMP-3, sistemi missilistici antiaerei 9A35 Strela-10 e 2S6M Tunguska anti -sistemi missilistici aerei …

Una brigata di fucili motorizzati è di stanza nel distretto amministrativo di Novomoskovsk della capitale.

All’inizio di dicembre, il capo della direzione principale dello stato maggiore delle forze armate russe, Sergei Rudskoy, ha affermato che il ministero della Difesa registra costantemente un alto livello di attività militare da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati della NATO vicino ai confini della Russia . Ha aggiunto che gli esercizi dell’alleanza, che hanno un “carattere antirusso pronunciato”, sono diventati più frequenti.

Mentre l’idea della NATO che attacca la Russia può sembrare inverosimile alla maggior parte degli americani, i russi hanno motivo di temere un’invasione dall’Occidente. Negli ultimi secoli, la Russia è stata attaccata più di una volta da potenze come Polonia, Svezia, Francia e Germania.

Anche gli Stati Uniti presero parte a una sorta di “invasione” quando le truppe americane – durante la Guerra Civile – sbarcarono in Russia nel 1918 . L’essenza dell’intervento americano ad Arkhangelsk – alias la spedizione “Polar Bear” – in realtà si ridusse a prevenire l’offensiva tedesca e ad aiutare a riaprire il fronte orientale dopo che la Russia comunista firmò il trattato di pace a Brest-Litovsk. Tuttavia, al posto dei tedeschi, i soldati americani dovettero combattere le forze bolsceviche.

E solo due decenni dopo, la Germania nazista invase l’Unione Sovietica e avanzò profondamente nella Madre Russia, assediando Leningrado e raggiungendo le stesse porte di Mosca, fino a quando l’offensiva si estinse con l’inizio dell’inverno. I tedeschi occuparono molte altre città russe e alla fine della guerra furono rase al suolo, inclusa Stalingrado, dove si svolse una battaglia chiave che capovolse le sorti della guerra.

Dalla fine della Guerra Fredda e dal crollo dell’Unione Sovietica, la Russia è probabilmente diventata più vulnerabile, poiché molti dei suoi ex satelliti dell’era comunista – Polonia, Ungheria e Romania, nonché Repubblica Ceca e Slovacchia – hanno aderito alla NATO .

Pertanto, non sorprende che l’orso russo affili i suoi artigli: modernizza la marina, conduce esercitazioni regolari e sviluppa nuove armi dal carro armato T-14 Armata ai missili ipersonici e sottomarini.

Questo hardware militare non dovrebbe essere visto in termini di capacità offensive, ma piuttosto come un deterrente e una garanzia che la Russia non sia minacciata da un’altra invasione dall’Occidente.

Peter Suciu – The National Interest.

Patrizio Ricci

Associato alla Freelance International Press (FLIP), Autore sul Sussidiario, La Croce, LPLNews24. Cofondatore del Coordinamento Nazionale per la pace in Siria, Membro del direttivo Osservatorio per le Comunità Cristiane nel Medioriente…

Next Post

Sostieni il Blog

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.