Home Attualità Nelle proteste del Libano, un’impennata radicale verso l’unità

Nelle proteste del Libano, un’impennata radicale verso l’unità

0

Il Libano – dopo la guerra civile durata 15 anni –  l’equilibrio finora è stato mantenuto da una divisione rigidamente settaria del potere, suddiviso lungo le varie fedi religiose. Oggi a causa della grave crisi economica – aggravata anche dal milione e mezzo di profughi siriani che grava su un paese di 4 milioni di abitanti – la popolazione è scesa nelle strade a protestare. I sacrifici , richiesti in maniera sempre crescente alla popolazione non hanno portato ad alcun miglioramento economico. Al contrario, la gente ha visto solo aumentare le tasse e gli effetti dell’inflazione hanno reso la vita dura per la maggior parte della popolazione.

Infine, quando lo stato ha colpito l’uso del programma di messaggistica Whatsup , i cittadini libanesi hanno considerato la misura colma: è la misura di come il governo non sa più cosa tassare.  Pertanto, la gente – profondamente  sfiduciata dall’attuale politica – chiede non solo la fine della corruzione e dei privilegi ma va oltre: ciò che chiede sono le dimissioni del governo ma soprattutto che che nelle nuove elezioni non venga riproposto l’attuale suddivisione del potere, ovvero che ogni libanese non sia visto come sciita, sunnita o cristiano ma come semplicemente come cittadino libanese.

Di conseguenza, i libanesi chiedono che il governo del paese non sia più suddiviso lungo le linee di divisione religiosa ma secondo criteri di reale capacità e rettitudine, indipendentemente dalla fede professata. Tutto ciò – a meno che le proteste non degenerino o vengano monopolizzate dai soliti noti -, non è un male.

Anche la visione cristiana della società vuole uno stato laico e non uno stato diviso lungo le linee di diversità religiosa. E’ un dato di fatto che oggi le folle chiedono indistintamente a gran voce la fine di un governo secondo il sistema della ripartizione del potere tra le varie fedi. Questo come ha anche detto molto bene padre Livio su Radio Maria, è un bene. Naturalmente a patto che non ci sia qualcuno che ‘dei soliti noti’  che non riesca  a strumentalizzare le proteste per imporre un governo imposto dall’esterno per fini terzi.

L’articolo proposto, è tratto da Christian Science Monitor , Lebanon’s protests, a radical surge toward unity di  Taylor Luck:

@vietatoparlare

[su_divider]

Nel bene e nel male, il Libano per anni con la sua formula – di tenere divise le varie appartenenze religiose e di ripartizione del potere -ha mantenuto un fragile equilibrio e la pace. Ma le richieste di riforme politiche ed economiche ora stanno attraversando le barriere e la popolazione accusa tutti, senza distinzione  .

Nel porto settentrionale di Tripoli, in Libano,  folle prevalentemente sunnite hanno strappato poster del primo ministro sunnita Saad Hariri. Nelle città in gran parte sciite nel sud, i manifestanti hanno strappato gli striscioni del leader di Hezbollah Hassan Nasrallah.

A Beirut, sciiti, cristiani, sunniti e drusi stanno protestando fianco a fianco.

Mentre le proteste che stanno portando il Libano a un punto morto entrano nel loro nono giorno, qualcosa sta emergendo ancora più potentemente della rabbia per il malessere economico e la corruzione politica che hanno acceso le proteste: è l’unità nazionale.

Nel poliedrico e piccolo paese, dove le cicatrici della sua guerra civile di 15 anni e le sue linee settarie hanno definito la sua vita politica ed economica dal 1991, i giovani si stanno radunando attorno a una causa comune: estromettere i loro leader politici del dopoguerra, nessuno escluso.

Le proteste sono iniziate il 17 ottobre apparentemente per le decisioni del governo di imporre una tassa di $ 6 al mese sull’app di messaggistica gratuita WhatsApp e aumentare l’imposta nazionale sul valore aggiunto dall’11% al 15% entro tre anni.

Ma dietro di loro si stava sviluppando il risentimento per una serie di politiche economiche fallite e la corruzione dilagante che hanno fatto precipitare l’economia libanese in una spirale discendente: il debito pubblico è il 150% del prodotto interno lordo, il rapporto più alto del mondo; circa il 37% dei libanesi di età inferiore ai 35 anni è disoccupato; e il più ricco è solo un decimo dell’1%, principalmente si tratta delle le élite politiche che forniscono il 10% delle entrate, la stessa parte guadagnata dalla metà della popolazione.

In una certa misura, le manifestazioni del Libano rispecchiano  i giovani movimenti di protesta spontanei che senza leader si sono scatenati contro le politiche fallite, la corruzione e la cattiva gestione in altri stati arabi.

E le proteste hanno condiviso i tratti distintivi di altri pacifici movimenti di protesta arabi avvenuti degli ultimi dieci anni: gli avvocati aprono stand per offrire una difesa legale gratuita per manifestanti arrestati o feriti, cliniche mediche e campagne di pulizia volontaria delle strade avvengono ogni mattina.

Altre caratteristiche sono più distintamente libanesi: DJ che tengono concerti di protesta all’aperto a Tripoli e Beirut, sit-in di yoga e il canto di grezzi limerick per denigrare il primo ministro.

Solidarietà

Ma la novità per il Libano è la frustrazione universale che unisce i manifestanti. I manifestanti sventolano solo la bandiera libanese bianca e rossa e nessuno degli stendardi multicolori dei vari movimenti politici e sette che hanno dominato i precedenti raduni.

A Tripoli sunniti, i manifestanti hanno inviato messaggi di saluto ai compagni manifestanti nelle città sciite di Sidone e Tiro, esortandoli a “muoversi, spostare, vogliamo far cadere il governo”.

I manifestanti nella città prevalentemente cristiana di Jal el Dib hanno fatto un appello appassionato al leader di Hezbollah, Nasrallah, per stare con loro e spingere per le riforme.

“Le persone sono orgogliose di questo nuovo nazionalismo anti-settario perché legando insieme, sappiamo che le élite politiche non possono fermarci”, afferma Kareem Chehayeb, giornalista e analista libanese che riferisce delle proteste notturne a Beirut.

Forse il sentimento è meglio riassunto da un’immagine e uno striscione comuni detenuti dai manifestanti e condivisi online: una pietra tombale con l’epitaffio, “Guerra civile libanese: 1975-2019”.

Dividere e conquistare

Gli accordi di Taif in Libano del 1990 che hanno contribuito a porre fine alla sua guerra civile hanno codificato un fragile sistema settario di condivisione del potere che è rimasto intatto fino ad oggi. Il sistema ha garantito finora  posizioni stabilite ai vari gruppi e fedi: un presidente cristiano, un primo ministro musulmano sunnita, un presidente sciita del Parlamento.

Ufficiosamente, vari gruppi politici ed ex milizie hanno svolto ruoli influenti in diversi settori economici, monopolizzando la stipula dei contratti statali o assumendo la privatizzazione di vari settori. Insieme al loro dominio politico a livello sia nazionale che comunale, ciò li ha resi l’unico punto di accesso per molti servizi pubblici.

Così si è instaurato un sistema che ha mantenuto la nazione divisa e ampiamente dipendente dalle reti di clientelismo.

“In altri paesi arabi, hanno una dittatura; in Libano ne abbiamo 12 “, afferma Chehayeb.

Ma centinaia di milioni di dollari in fondi esteri, dall’Iran e dall’Arabia Saudita sempre più a corto di liquidità, che hanno sostenuto questi leader rivali e le loro reti di patrocinio si stanno prosciugando.

“Parte del problema per questi funzionari al potere è che non possono più permettersi di sostenere i loro amici o distribuire questi vantaggi ai loro seguaci”, afferma Muhanad Hage Ali, collega del Carnegie Middle East Center di Beirut. “Ma nello stesso tempo, non hanno fermato le loro sontuose spese o l’ostentazione della loro ricchezza.”

“Ora stai vedendo persino lealisti ferventi uscire per le strade dicendo: ‘Ho sostenuto queste persone per decenni, ma ora ho rinunciato a loro'”, afferma Chehayeb.

Crisi economica

Nel 2018 al Libano sono stati concessi prestiti per 10,2 miliardi di dollari dalla Banca mondiale, dai paesi del Golfo e dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo a condizione che si attuassero misure di austerità. Conseguentemente, il governo libanese ha adottato misure che hanno portato a tagli ai servizi e all’aumento delle tasse.

Negli ultimi quattro anni, la cattiva gestione ha portato al cronico accumulo di rifiuti in tutta la capitale, scatenando dapprima piccole proteste; finché questo mese, una mancanza di preparazione ha portato alla peggiore crisi che il paese ha visto negli ultimi decenni.

Con il governo che si affida agli scambi con l’estero per mantenere a galla la valuta, l’inflazione sta colpendo i mercati locali.

Tutto questo avviene quando i libanesi apprendono giorno dopo giorno degli scandali di corruzione multimilionaria che investono alcuni loro leader, senza un potere giudiziario indipendente che possa intervenire o leggi necessarie per tenere sanzionare i funzionari con misure efficaci.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata ultimamente la tassa su WhatsApp, è la tassa che semplicemente, “ha rotto la schiena alla gente”.

Così  ciò che è iniziato come una protesta contro le misure di austerità è diventato rapidamente un a critica feroce a come è stato gestito il paese nel dopoguerra.

“Hanno gestito il Libano come banca personale e ci hanno lasciato pagare i debiti”, afferma Mariam Ali, un manifestante a Beirut, tramite i social media. “Ora non stiamo dicendo altro: tutti voi dovete andarvene.”

Molto avanti

La classe dirigente del Libano sta lottando per rispondere in maniere adeguata.

Le riforme economiche che Hariri ha annunciato lunedì, tra cui il dimezzamento degli stipendi dei parlamentari e dei ministri e l’obbligo alle banche di versare $ 3 miliardi al bilancio nazionale, sono state insufficienti a placare la collera della gente. E al presidente cristiano Michel Aoun che giovedì ha invitato i manifestanti a un dialogo, la gente ha risposto: “Ti stiamo aspettando”.

Venerdì, in un messaggio televisivo, Nasrallah ha riconosciuto il diritto di protesta dei cittadini libanesi, ma ha respinto le richieste di dimissioni del governo e le elezioni anticipate, affermando che la mossa porterebbe il paese al “caos”.

I manifestanti libanesi devono ancora formulare proposte chiare. Alcuni chiedono un governo tecnocratico non politico, per allontanare il Libano dalla sua attuale crisi economica; altri chiedono uno sconvolgimento populista del sistema politico e una ridistribuzione socialista della ricchezza.

La maggioranza sta iniziando a chiedere elezioni anticipate – l’attuale mandato del Parlamento scade fino al 2022 – e un potere giudiziario rafforzato per ripulire la corruzione.

Eppure tutti si sono radunati attorno a una causa comune: la fine del settarismo.

“Vogliamo essere governati semplicemente da persone  scelte per le loro capacità e merito, non perché appartengono a un determinato gruppo”, afferma Chehayeb.

***************************

neretto: vietatoparlare

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version