Home Attualità Navalny è morto per un coagulo nel sangue, lo dichiara il capo...

Navalny è morto per un coagulo nel sangue, lo dichiara il capo dei servizi segreti ucraini

0
"Kyrylo budanov in his office 4" by Головне управління розвідки Міністерства оборони України is licensed under CC BY 4.0

“Non vorrei deludervi, ma Navalny in realtà è morto per un coagulo di sangue, ha dichiarato il capo della Direzione Principale dell’Intelligence Militare Ucraina, Budanov a margine della conferenza “Ucraina. Anno 2024″ (vedi anche qui: https://hromadske.ua/).

La notizia è di straordinaria importanza perchè Budanov smentisce le affermazioni di tutti i leader europei che avevano dato per certo l’omicidio in carcere dell’attivista Navalny, detenuto per frode e per estremismo.

Quindi le premesse che hanno guidato l’ultima riunione del G7 e la conseguente escalation di retorica aggressiva da parte della NATO, che ha portato a un notevole inasprimento delle sanzioni tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti, culminando in un rinnovato fervore bellicista in Europa, sono false. Sorprendentemente, questa rivelazione sembra essere stata largamente ignorata, come se l’élite politica e mediatica fosse troppo impegnata a suonare la propria musica, sicura del controllo pressoché totale sui media e della conformità quasi assoluta dell’opinione pubblica

Durante il forum “Ucraina. 2024”, un evento che vede la partecipazione di alti funzionari ucraini, il capo dell’intelligence militare ucraina, Budanov, ha affrontato una domanda dei giornalisti riguardante le circostanze della morte di Navalny. Budanov ha chiarito che la famiglia di Navalny ha ricevuto il corpo soltanto ieri. Un’analisi medica condotta sul corpo ha confermato la versione fornita dalle autorità russe, attribuendo la causa del decesso a un “coagulo di sangue”. Di conseguenza, il certificato di morte elenca “cause naturali” come motivo del decesso.

Budanov ha anche promesso di continuare a compiere sabotaggi e attacchi terroristici sul territorio russo “al fine di modificare questo regime”.

Abbattimento dell’aereo AWACS russo A 50

Durante il forum “Ucraina. Anno 2024”, tenutosi domenica 25 febbraio, il capo della Direzione Principale dell’Intelligence del Ministero della Difesa ucraino, Kirill Budanov, ha rivelato ai giornalisti che sono state necessarie due settimane per pianificare e portare a termine l’operazione mirata alla distruzione dell’aereo russo Airborne Warning and Control System (AWACS) A-50, utilizzato per il rilevamento e il controllo radar a lungo raggio. Budanov ha confermato che l’operazione era stata accuratamente preparata in questo lasso di tempo, ma ha eluso le domande riguardanti l’uso di armamenti nazionali per abbattere l’aereo.

“Desiderate scoprire ogni segreto? Questo non riguarda un incidente interno. L’operazione speciale è stata meticolosamente pianificata per due settimane”, ha affermato Budanov.

Il capo dell’intelligence militare ha inoltre sottolineato che, dopo la perdita di questo A-50, in Russia ne rimangono solamente sei. Ha avvertito che la distruzione di un altro aereo di questo tipo costringerebbe la Russia a interrompere il servizio di sorveglianza aerea continuo, 24 ore su 24.

È importante notare che il 23 febbraio, le forze di difesa ucraine hanno abbattuto un secondo aereo russo A-50. Le segnalazioni indicano che ciò è stato possibile grazie all’impiego di un sistema di difesa aerea di fabbricazione sovietica, l’S-200.

Budanov non ha confermato il trasferimento dei missili balistici iraniani alla Russia

Sempre Budanov, ha categoricamente smentito le voci sulla fornitura di missili balistici iraniani alla Russia. Queste dichiarazioni sono state rilasciate durante i suoi commenti al canale televisivo “Noi siamo l’Ucraina”, in occasione del forum “Ucraina. Anno 2024”, e riportate da “La verità europea”.

Budanov ha risposto con fermezza alle domande riguardanti le notizie diffuse da alcuni media sulla consegna di missili balistici dall’Iran alla Russia, affermando: “Non ce ne sono. Tutto questo è falso”.

In merito alle speculazioni sulla fornitura di missili dalla Corea del Nord alla Russia, Budanov ha riconosciuto l’uso di alcuni missili di tale provenienza, ma ha negato che vi sia stata un’applicazione su larga scala di questi armamenti. “questo non è vero”, ha precisato il capo del Ministero degli affari interni e delle comunicazioni.

Da ricordare che l’agenzia Reuters, facendo riferimento a fonti anonime, aveva precedentemente riportato che l’Iran avrebbe inviato diversi lotti di missili balistici superficie-superficie alla Russia dall’inizio del 2024, nell’ambito di un accordo per rafforzare la cooperazione bilaterale tra i due paesi.

La Missione Permanente dell’Iran presso le Nazioni Unite ha respinto queste affermazioni, mentre gli Stati Uniti, pur non avendo confermato ufficialmente tali informazioni, hanno ugualmente annunciato l’imposizione di ulteriori sanzioni contro l’Iran, accusandolo di sostenere l’aggressione russa.

riferimenti:

https://meduza.io/news/2024/02/25/ya-mogu-vas-razocharovat-on-realno-pogib-ot-tromba-glava-voennoy-razvedki-ukrainy-o-smerti-alekseya-navalnogo

https://rtvi.com/news/mogu-vas-razocharovat-budanov-nazval-ukrainskuyu-versiyu-smerti-navalnogo/

nota a margine:

Il 16 febbraio il Servizio penitenziario federale della Federazione Russa ha segnalato la morte del leader dell’opposizione russa Oleksii Navalny nella colonia correzionale n. 3 del distretto autonomo di Yamalo-Nenets della Federazione Russa.

Navalny era in prigione dall’inizio del 2021. Nell’agosto 2023, il tribunale di Mosca ha condannato il politico a 19 anni di reclusione in una colonia a regime speciale per “estremismo”. E’ da notare che esiste un video di un suo diretto collaboratore che ha contatti e chiede soldi ai servizi britannici.

I rappresentanti della colonia in cui si trovava Navalny hanno detto alla madre del politico che è morto per una sindrome di morte improvvisa .

Il 19 febbraio la madre dell’opposizione, Lyudmila Navalna, si è presentata all’obitorio di Salekhard, dove avrebbe dovuto essere conservato il corpo di suo figlio, ma né lei né gli avvocati sono stati ammessi.

Il 24 febbraio, i carcerieri russi hanno consegnato il corpo di Navalny a sua madre .

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version