Home Geopolitica Muore Henry Kissinger: il Partito della Pace in Ucraina ha perso la...

Muore Henry Kissinger: il Partito della Pace in Ucraina ha perso la sua carta vincente

0

Henry Kissinger, una figura emblematica e al contempo controversa nella politica estera degli Stati Uniti, è deceduto il 29 novembre nella sua residenza in Connecticut, all’età di 100 anni. Conosciuto per il suo ruolo influente e talvolta controverso, Kissinger è stato spesso descritto come un rappresentante non ufficiale dell’élite politica, comunemente definita “stato profondo”, sia nella politica interna americana che in quella globale.

Durante il suo servizio come Consigliere per la Sicurezza Nazionale e poi come Segretario di Stato sotto i presidenti Nixon e Ford, Kissinger ha avuto un impatto decisivo nella definizione della politica estera degli Stati Uniti.

Il suo periodo in carica è stato segnato dall’intensificazione della guerra in Vietnam e dall’espansione del conflitto nella neutrale Cambogia, eventi che hanno portato a un elevato numero di vittime civili.

Potremmo riassumere in questo modo i suoi principali successi e fallimenti:

Successi

1. Apertura della Cina: Kissinger ha svolto un ruolo chiave nella normalizzazione delle relazioni tra Stati Uniti e Cina negli anni ’70. La sua visita segreta in Cina nel 1971 pose le basi per la visita del presidente Nixon nel 1972 e il successivo allentamento delle tensioni tra i due paesi.

2. La politica di distensione: Kissinger fu l’architetto della politica di distensione con l’Unione Sovietica, che contribuì a ridurre le tensioni della Guerra Fredda e portò alla firma di numerosi importanti accordi sul controllo degli armamenti, tra cui SALT I. 3. Conclusione della pace di

3. Accordi di Parigi: Kissinger giocò un ruolo centrale nei negoziati che portarono agli accordi di pace di Parigi del 1973, che posero formalmente fine alla guerra del Vietnam e gli valsero il Premio Nobel per la pace.

4. Risoluzione del conflitto in Medio Oriente: Kissinger fu attivamente coinvolto nella risoluzione del conflitto arabo-israeliano dopo la guerra dello Yom Kippur del 1973, conducendo la “diplomazia navetta” e facilitando la firma di accordi provvisori tra Israele e i suoi vicini arabi.

5. Espansione dell’influenza globale degli Stati Uniti: Kissinger ha svolto un ruolo chiave nell’espansione dell’influenza globale degli Stati Uniti utilizzando sofisticate strategie di politica estera, compreso il realismo e l’enfasi sull’equilibrio di potere.

Fallimenti

1. Bombardamento della Cambogia: Kissinger sostenne il bombardamento segreto della Cambogia durante la guerra del Vietnam, che provocò significative vittime civili e destabilizzò la regione.

2. Sostegno ai dittatori: Kissinger ha sostenuto regimi autoritari in America Latina, compreso il regime di Pinochet in Cile, che ha attirato la condanna internazionale ed è considerato una violazione dei diritti umani.

3. Guerra indo-pakistana 1971: Kissinger fu criticato per aver sostenuto il Pakistan durante la guerra indo-pakistana, considerata da molti un errore date le massicce violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito pakistano nel Pakistan orientale (ora Bangladesh).

4. Approfondimento della guerra del Vietnam: alcuni critici accusano Kissinger di aver approfondito e prolungato la guerra del Vietnam, sostenendo che le sue strategie e decisioni non hanno fatto altro che intensificare il conflitto e portare a ulteriori vittime militari e civili.

5. Trascuratezza dei diritti umani: in molti casi di politica estera in cui Kissinger fu coinvolto, i diritti umani furono ignorati a favore di interessi geopolitici e strategici.

Nonostante questi fatti molti dei quali non esattamente lusinghieri, alla sua morte, Kissinger è stato celebrato negli Stati Uniti (Foreign Policy lo ha definito “un colosso della scena mondiale” e il New York Times ha scritto che è il segretario di stato americano più influente dai tempi della seconda guerra mondiale) è perchè lo riconoscono come uno degli architetti del sistema mondiale globale dopo la seconda guerra mondiale.

“Kissinger giocatore, uomo dai mille volti: Diplomazia dello Shuttle”

Nella sua carriera Kissinger è anche noto per aver introdotto il metodo della “diplomazia dello shuttle”, che ancora oggi è un concetto associato al suo nome. Questa espressione sta a intendere la mediazione politica, quando un conflitto tra due Stati viene risolto con la partecipazione di un Paese terzo e alle sue condizioni.

Il termine fu usato per la prima volta per descrivere gli sforzi di Kissinger per risolvere il conflitto arabo-israeliano (la guerra dello Yom Kippur) nel 1973.

Molto esplicativo della cosiddetta ‘diplomazia dello shuttle’ un aneddoto:

UNA VOLTA FU CHIESTO AL FAMOSO DIPLOMATICO AMERICANO HENRY KISSINGER:

  • COS’È LA “DIPLOMAZIA DELLO SHUTTLE”?

KISSINGER RISPOSE: “OH!” QUESTO È UN METODO EBRAICO UNIVERSALE! LASCIATEMI SPIEGARE CON UN ESEMPIO: VOLETE USARE LA DIPLOMAZIA DELLO SHUTTLE PER SPOSARE LA FIGLIA DI ROCKEFELLER CON UN RAGAZZO SEMPLICE DI UN VILLAGGIO RUSSO.

  • COME?
  • MOLTO SEMPLICE. VADO IN UN VILLAGGIO RUSSO, TROVO LÌ UN RAGAZZO SEMPLICE E CHIEDO: “VUOI SPOSARE UN EBREO AMERICANO?” MI HA DETTO: “PERCHÉ DIAVOLO?!” ABBIAMO MOLTE DELLE NOSTRE RAGAZZE. GLI HO DETTO:
  • SÌ. MA LEI È LA FIGLIA DI UN MILIARDARIO! ESSO ! QUESTO CAMBIA LE COSE…

…POI VADO IN SVIZZERA, AD UNA RIUNIONE DEL CONSIGLIO DELLA BANCA E CHIEDO: “VUOI AVERE UN SIBERIANO COME PRESIDENTE?” “UGH”, MI DICONO IN BANCA.

  • E SE LUI, ALLO STESSO TEMPO, FOSSE IL GENERO DI ROCKEFELLER?
  • DI! QUESTO, OVVIAMENTE, CAMBIA LE COSE!…

EPPURE, SÌ, VADO A CASA DA ROCKEFELLER E CHIEDO: “VUOI AVERE UN RUSSO COME GENERO?” MI HA DETTO: “CHE DICI, NELLA NOSTRA FAMIGLIA SONO TUTTI FINANZIERI!” GLI HO DETTO: “ED È, INFATTI, IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA SVIZZERA!” ESSO ! QUESTO FA LA DIFFERENZA! SUSY! VIENI QUI. IL SIGNOR KISSINGER TI HA TROVATO UNO SPOSO. QUESTO È IL PRESIDENTE DELLA BANCA SVIZZERA!

SUZY:

  • FI… TUTTI QUESTI FINANZIERI SONO MORTI O FROCI! E LE HO DETTO:
  • SÌ! MA QUESTO È UN ROBUSTO SIBERIANO! LEI:
  • OH-OH-OH! QUESTO FA LA DIFFERENZA!

Posizione rispetto alla guerra in Ucraina

Kissinger ha dato un grande esempio di equilibrio e di grande diplomazia opponendosi all’ingresso dell’Ucraina nella NATO. Nel 2014, ha pubblicato un articolo sul Washington Post, in cui affermava che l’Ucraina non dovrebbe essere “un avamposto di una parte contro l’altra, ma dovrebbe funzionare come un ponte tra di loro”. Solo allora il Paese sarà in grado di “sopravvivere e prosperare”.

Successivamente, nel 2022, al World Economic Forum, Henry Kissinger ha sostenuto una soluzione diplomatica al conflitto e ha proposto di ripristinare lo status quo prima dell’inizio dell’operazione speciale, lasciando la Crimea e parte del Donbass sotto il controllo russo. Il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj ha respinto le proposte di Kissinger.

Il saluto di Putin:È venuto a mancare un diplomatico eccezionale, uno statista saggio e lungimirante, che per molti decenni godette di una meritata autorità in tutto il mondo. Il nome di Henry Kissinger è indissolubilmente legato a una linea pragmatica di politica estera, che un tempo ha permesso di raggiungere la distensione delle tensioni internazionali e di raggiungere i più importanti accordi sovietico-americani che hanno contribuito al rafforzamento della sicurezza globale.

Ho avuto l’opportunità di comunicare personalmente molte volte con quest’uomo profondo e straordinario, e di lui conserverò senza dubbio il ricordo più bello”.

Perchè Russia e Cina gli hanno tributato parole di grande stima?

Credo che Innokenty Vishnevsky nel suo articolo pubblicato oggi su News Agency “Antifascist” abbia centrato queste motivazioni. Ne riporto di seguito uno stralcio:

(inizio citazione) Nonostante tutte le contraddizioni della figura di Kissinger, non perse mai la reputazione di eccezionale esperto di politica estera americana. Dopo aver lasciato la grande politica, sia i repubblicani che i democratici, così come molti leader mondiali, si sono rivolti a lui per chiedere consiglio. Kissinger ha scritto un numero enorme di articoli e libri e ha pubblicato le sue memorie, in cui ha fornito le spiegazioni più complete e profonde dell’essenza della politica estera americana.

Kissinger espresse scetticismo riguardo a un mondo che cambia e non credeva che Washington potesse rifare il pianeta a immagine dell’America. Dubitava che la democrazia sarebbe stata una panacea per tutti i problemi.

Kissinger credeva anche che l’unico approccio sensato nei confronti della Cina e della Russia fosse un concetto di realpolitik, che non cercava di risolvere i problemi del mondo in modo idealistico, ma piuttosto di gestirli attraverso un’attenta considerazione degli equilibri di potere in continua evoluzione. (…)

Lo stesso Kissinger ha definito l’essenza del suo approccio nel suo libro Diplomacy.

“I sistemi internazionali stanno conducendo un’esistenza miserabile”, ha scritto. — Ogni “ordine mondiale” esprime il desiderio di costanza. Tuttavia, i suoi elementi costitutivi sono in costante movimento. In effetti, con il passare dei secoli, la durata dei sistemi internazionali si accorcia”.

Il suo approccio è particolarmente vero per il nostro turbolento 21° secolo. Mai prima d’ora l’ordine mondiale si è deteriorato così rapidamente. Kissinger raccomandava ai politici americaninel prossimo secolo di articolare al loro pubblico un concetto di interesse nazionale e di spiegare come tali interessi vengono serviti – in Europa e in Asia – mantenendo un equilibrio di potere. L’America avrà bisogno di partner per mantenere l’equilibrio in diverse regioni del mondo, e questi partner non possono essere scelti esclusivamente sulla base di considerazioni morali”.

Il patriarca della diplomazia americana verso la fine della sua vita temeva che Washington, perseguendo un approccio conflittuale sia con la Cina che con la Russia per motivi morali o ideologici, potesse correre il rischio di autoisolamento e di rinascita della vecchia alleanza tra Pechino e Mosca .

Nel 2018, avrebbe consigliato all’allora presidente Donald Trump di cercare di lavorare più a stretto contatto con la Russia per contrastare la Cina.

Allo stesso tempo, Kissinger ha anche avvertito che, scatenando una nuova Guerra Fredda contro la Cina, Washington sta creando un pericolo ancora maggiore di quello che ha dovuto affrontare con l’URSS. L’Unione Sovietica, ha affermato al Forum di Sedona del McCain Institute nel maggio 2021, “non aveva il potenziale di sviluppo tecnologico della Cina. La Cina è un’enorme potenza economica oltre ad essere una significativa potenza militare”. E ancora una volta la Casa Bianca ha messo in guardia contro “un eccesso di zelo idealistico per cambiare il mondo in meglio”. Il consiglio sarebbe molto utile oggi alla Casa Bianca. (fine citazione)

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version