Home Attualità L’Ucraina può vincere l’offensiva contro la Russia?

L’Ucraina può vincere l’offensiva contro la Russia?

0
jihad in Ucraina

Daniel Davis, ex tenente colonnello dell’esercito degli Stati Uniti, ha redatto un interessante articolo per 19fortyfive, un giornale che si occupa di difesa, di sicurezza nazionale e di politica estera.

L’articolo si concentra sulle possibilità dell’Ucraina di vincere una guerra contro la Russia. Davis ritiene che l’Ucraina stia affrontando una realtà difficile e che le dichiarazioni di sostegno degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell’UE mostrino una crescente consapevolezza che le probabilità per l’Ucraina di successo sono basse. L’evx ufficiale  afferma che è necessario un cambiamento nella politica occidentale per evitare ulteriori perdite incombenti. Egli suggerisce che l’imminente offensiva dell’Ucraina potrebbe non avere successo e che l’Occidente probabilmente non disporrà di scorte sufficienti di armi e munizioni di base per eguagliare quelle fornite all’Ucraina nei primi 14 mesi di guerra prima della fine del 2023. Inoltre, egli sostiene che la difesa è una forma di guerra molto meno difficile dell’offensiva combinata, e l’Ucraina ha subito enormi perdite nei primi 14 mesi di questa guerra.

Ci sono prove che la Russia ha preparato per più di sei mesi ampie posizioni difensive lungo quasi l’intero fronte di 1000 chilometri, quindi per avere successo, le truppe di Zelenskiy dovranno attaccare questa complessa difesa con potenza aerea offensiva limitata, difesa aerea limitata, proiettili di artiglieria insufficienti e una forza dotata di un mix di armature moderne e obsolete, presidiata da un misto di coscritti senza esperienza di combattimento e alcuni ufficiali e soldati semplici che hanno ricevuto una formazione di base da istruttori della NATO. Davis conclude che, sebbene l’Occidente voglia che l’Ucraina restituisca tutti i suoi territori, deve essere realistico e costruire una politica basata sul riconoscimento più accurato, realistico e sobrio della verità fondamentale, e molto meno sulle nostre preferenze emotivamente cariche.

“Pertanto – dice l’ex uffiicale statunitense –  è urgentemente necessario un cambiamento nella politica occidentale prima che Kiev subisca ulteriori perdite in combattimento che difficilmente cambieranno il fatto che la guerra probabilmente finirà con una soluzione negoziata”.

Inoltre, “Vi sono prove crescenti che prima della fine del 2023, l’Occidente in generale e gli Stati Uniti in particolare probabilmente non disporranno di scorte sufficienti di armi e munizioni di base per eguagliare quelle fornite all’Ucraina nei primi 14 mesi di guerra”. 

“In un’intervista a Euronews del 5 maggio, il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha ammesso che “se smetto di sostenere l’Ucraina, la guerra finirà sicuramente presto” perché l’Ucraina “non sarà in grado di difendersi” e “cadrà nel giro di pochi giorni. “

Anche Cliverley [ex Ministro per gli Affari Ester britannico] ha affermato “che dall’inizio della guerra le forze armate ucraine hanno “superato le aspettative”. Tuttavia, ha concluso con una sobria cautela: “Dobbiamo essere realistici. Questo è il mondo reale. Questo non è un film di Hollywood”. Ed è qui che i leader occidentali farebbero bene a considerare le implicazioni di questa precisa affermazione”.

Le possibilità di Zelenskiy di cacciare la Russia dall’Ucraina sono, pertanto, altamente improbabili. Alla fine, Kiev sarà probabilmente costretta a negoziare una cessazione delle ostilità.

Qui tutto l’articolo completo: https://www.19fortyfive.com/2023/05/ukraines-long-expected-offensive-why-it-wont-beat-putin/

NO COMMENTS

Exit mobile version