L’integrazione Europea è nell’interesse dell’America; la Brexit non lo è

di Paul R. Pillar – fonte: lobelog.com

Uno dei numerosi spettri sospesi sull’incontro del G-7 di questa settimana è la prospettiva che tra poco più di due mesi il Regno Unito uscirà dall’Unione Europea. Una “Brexit senza accordi” non aiuterà nessuno (tranne forse i leader in Russia o in Cina che accolgono qualsiasi divisione e debolezza in Occidente) e ferirà molti, specialmente nella stessa Gran Bretagna, dove gli esperti del governo riconoscono in privato quale calamità sarebbe una tale uscita per l’economia britannica.

Pertanto, il primo ministro britannico e leader Brexiteer Boris Johnson si trova di fronte a due compiti impossibili che sono in gran parte di sua realizzazione. Uno è quello di convincere i leader europei a rinegoziare l’accordo raggiunto con il predecessore di Johnson: una rinegoziazione che questi leader hanno poco o nessun incentivo a intraprendere. L’altro sarà quello di mantenere le promesse dei Brexiteers in merito ai benefici per il pubblico britannico, promesse che sono state inverosimili anche con un’uscita negoziata e lo saranno ancora di più nello scenario no-deal.

L’unica fonte di supporto esterno di Johnson è il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha fatto il tifo per Johnson fino al miserabile vicolo cieco della Brexit.

Per coloro che sono più interessati alla politica estera degli Stati Uniti, ora è un buon momento per ricordare cosa significhi l’intero progetto di integrazione europea per una più ampia pace e prosperità e per gli interessi degli Stati Uniti. Come diverse amministrazioni statunitensi di entrambe le parti, prima di Trump, hanno ripetutamente chiarito, quel progetto è molto nell’interesse degli Stati Uniti, così come la partecipazione della Gran Bretagna ad esso.

Il riconoscimento da parte degli Stati Uniti del valore del progetto di integrazione europea risale ai primi giorni del progetto, quando la questione dell’appartenenza britannica era già una questione chiave. Nel 1950, mentre stavano per iniziare le trattative per realizzare il primo passo del progetto – la creazione della Comunità europea del carbone e dell’acciaio – il governo laburista britannico rimase in disparte. Il segretario di stato del presidente Harry Truman, Dean Acheson, in seguito scrisse nel suo libro di memorie che questa “non era l’ultima chiara possibilità per la Gran Bretagna di entrare in Europa, ma era la prima scelta sbagliata – tanto sbagliata quanto il tragico rifiuto del generale de Gaulle nel 1963. “(L’ultima parte del commento di Acheson si riferiva al veto del presidente francese Charles de Gaulle su una successiva domanda britannica di aderire a quella che allora era la Comunità economica europea. Dopo che de Gaulle lasciò l’incarico,

Quando Dwight Eisenhower successe a Truman nel 1953, il sostegno degli Stati Uniti al progetto europeo rimase forte. Alla fine del 1953 un centro di discussione era la Comunità europea di difesa (EDC), una forza militare integrata proposta che sarebbe stata accantonata l’anno successivo quando il governo francese di recente istituzione ritirò il suo sostegno alla proposta, con la decisione francese fortemente influenzata da una precedente Decisione britannica di non partecipare. Nel dicembre del 1953, il segretario di Stato americano John Foster Dulles, per sottolineare l’importanza che gli Stati Uniti attribuivano alla proposta EDC, avvertì severamente il Consiglio Nord Atlantico che se questa parte del progetto europeo non si fosse materializzata, gli Stati Uniti avrebbero dovuto condurre una “rivalutazione angosciosa” del proprio impegno di sicurezza nei confronti dell’Europa occidentale.

Il primo e il più grande obiettivo del progetto di integrazione, come previsto dai suoi padri fondatori come gli statisti francesi Robert Schuman e Jean Monnet, era quello di relegare completamente nel passato qualcosa come le due guerre mondiali della prima metà del XX secolo. In questo, il progetto è riuscito magnificamente. La guerra tra Francia e Germania è ora impensabile, e ciò ha segnato una straordinaria trasformazione rispetto alle carneficine e all’odio dei decenni immediatamente precedenti. Gli Stati Uniti, che per due volte hanno dovuto entrare nella carneficina – mentre il Nuovo Mondo veniva in soccorso del Vecchio Mondo – , dovrebbero apprezzare questo risultato come chiunque altro.

La prevenzione di un’altra guerra europea non è affatto l’unico risultato del progetto di integrazione che gli Stati Uniti assistono. Come baluardo della democrazia liberale, un’Europa unificata è un attore più benefico sulla scena mondiale più ampia di quanto lo sarebbero i membri di un’Europa disunita. E in un’economia mondiale globalizzata, i benefici dell’integrazione in Europa hanno effetti di ricaduta che vanno a beneficio di altri, anche negli Stati Uniti.

La partecipazione britannica al progetto è stata costantemente nell’interesse degli Stati Uniti. È un moltiplicatore di forza piuttosto che un rimpiazzo, in prospettiva delle speciali relazioni USA-Regno Unito. La Gran Bretagna è più utile e importante per gli Stati Uniti quando più ha un piede su entrambe le sponde dell’Atlantico ed quanto più è un attore importante negli affari europei rispetto alla prospettiva di tornare  solo un’isola post-imperiale al largo della costa della Normandia.

Ovviamente Trump vede la relazione in modo diverso. Forse un po’ il pensiero di Trump  – quando ha recentemente visitato Londra – è che un Regno Unito post-Brexit indebolito e isolato, sarebbe più dipendente dalla buona volontà degli Stati Uniti e di conseguenza, più facilmente piegato ai desideri dell’amministrazione USA su problemi in Medio Oriente e altrove. Ma tutto ciò è solo una variante delle nozioni trumpiane secondo cui il multilaterale è sempre peggio del bilaterale e che le relazioni internazionali sono per lo più a somma zero con un vincitore e un perdente. L’esperienza ha già dimostrato quanto siano sbagliate e inefficaci quelle nozioni quando vengono applicate, ad esempio, a questioni commerciali ed economiche che riguardano la Cina.

Nella misura in cui Johnson diventa il barboncino di Trump e si vede che lo è diventato, sarà tanto più inefficace nell’alleviare quella che altrimenti sarebbe la divisione in Occidente o l’isolamento degli Stati Uniti nel seguire politiche controverse o semplicemente cattive. Esistono già alcuni suggerimenti in merito alla sicurezza marittima nel Golfo Persico .

pubblicità

La posizione di Trump verso la Brexit è un’ulteriore manifestazione della sua politica americana basata non su un attento calcolo degli interessi statunitensi ma piuttosto sull’identificazione transnazionale con altri leader che condividono tendenze xenofobe e populiste o finto-populiste. La sua parentela con Johnson si estende a queste qualità così come al successo demagogico, al disprezzo per la verità e ai capelli strani. Non è solo uno slogan della campagna per il leader del partito laburista Jeremy Corbyn per descrivere Johnson come “Trump della Gran Bretagna”.

Gli americani e il loro governo non possono e non dovrebbero ora tentare di interferire nel disordine politico e costituzionale che la questione della Brexit è diventata per la Gran Bretagna. Possono solo sperare che il pasticcio si esaurisca nelle prossime settimane in modo che non si verifichino interruzioni irreparabili prima che prevalga un pensiero migliore, forse sotto forma di un secondo referendum.

fonte:https://lobelog.com/european-integration-is-in-americas-interests-brexit-isnt/

 

Nota: la posizione dell’autore dell’articolo può non coincidere in tutto o in parte con il punto di vista di vietatoparlare