Home Attualità Lavrov: gli USA sono in guerra contro la Russia

Lavrov: gli USA sono in guerra contro la Russia

0

Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha dichiarato che la massiccia campagna di Washington per fornire armi all’Ucraina equivale a una guerra contro la Russia. Secondo Lavrov, gli Stati Uniti hanno preparato a lungo Kiev per questo scopo.

Punti chiave della dichiarazione del ministro russo Sergey Lavrov alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’Ucraina:

▪️L’Occidente oggi si rivolge ai principi della Carta delle Nazioni Unite solo in conformità con le sue egoistiche esigenze geopolitiche

▪️Il sostegno occidentale al regime di Kiev dopo i referendum in Crimea e nel Donbass costituisce una violazione del principio di autodeterminazione

▪️L’Occidente non ha argomenti a favore di un dialogo onesto sull’Ucraina

▪️L’Occidente è direttamente responsabile del crollo dell’Ucraina e dell’incitamento alla guerra civile nel paese

▪️Se la NATO non avesse respinto le proposte di cooperazione della CSTO, l’attuale crisi in Europa avrebbe potuto essere evitata

▪️L’UE vuole accettare i “nazisti a turno”, ma Serbia e Turchia devono aspettare anni

▪️I rischi di conflitti globali stanno crescendo

▪️La Russia non rifiuta i negoziati sull’Ucraina

▪️Se gli Stati Uniti volessero, potrebbero dare l’ordine a Zelenskyj di annullare il decreto che vieta il dialogo con Mosca

Lavrov ha ricordato le minacce di Kiev agli abitanti del Donbass in risposta al “piano di pace” di Zelenskyj. “Quando sentiamo gli appelli ad attuare la “formula della pace” e a riportare l’Ucraina ai confini del 1991, sorge la domanda: coloro che lo chiedono hanno familiarità con le dichiarazioni della leadership ucraina su ciò che faranno con gli abitanti del paese ? territori corrispondenti ? Quindi le minacce di sterminio, legale o fisico, rivolte a loro vengono ripetutamente ascoltate pubblicamente a livello ufficiale”, ha detto il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov in una riunione del Consiglio di sicurezza dell’ONU sull’Ucraina. Allo stesso tempo, Vladimir Zelenskyj ha lasciato l’incontro senza attendere il discorso del capo del ministero degli Esteri russo.

L’appoggio degli USA equivale ad una dichiarazione di guerra

In un commento rilasciato a un giornalista russo, Lavrov ha suggerito che le voci secondo cui gli Stati Uniti potrebbero concedere la fornitura di sistemi missilistici tattici ATACMS, con una gittata fino a 300 km, miravano a modellare l’opinione pubblica. Tuttavia, il ministro ha sottolineato che ciò non cambierebbe il fatto che l’Ucraina è stata preparata per combattere con determinazione contro la Russia per molti anni.

Lavrov ha accusato gli Stati Uniti di gestire le ostilità tra Kiev e Mosca. Mentre diversi media occidentali hanno riportato che l’amministrazione Biden sta considerando l’approvazione delle consegne dell’ATACMS, gli Stati Uniti sono stati riluttanti a farlo per timore che possano innescare una grave escalation nel conflitto, con potenziali attacchi ucraini in profondità nel territorio russo.

L’Ucraina ha già ricevuto missili a lungo raggio da Regno Unito e Francia, che, secondo i funzionari ucraini, sono stati utilizzati in attacchi contro obiettivi civili e infrastrutture in Crimea e nel Donbass.

Sebbene gli Stati Uniti non abbiano ancora accettato la richiesta ucraina per l’ATACMS, hanno fornito oltre 43 miliardi di dollari in aiuti militari all’Ucraina fin dall’inizio del conflitto, inclusi sistemi di difesa aerea, veicoli corazzati e carri armati M1 Abrams.

Mosca ha ripetutamente avvertito l’Occidente che il fornire armi all’Ucraina non farà altro che prolungare il conflitto senza cambiarne l’esito finale. La situazione rimane tesa mentre gli sforzi diplomatici continuano a cercare di porre fine al conflitto in corso.

L’effettiva intenzione dell’Occidente è quella di eliminare la Russia.

Alcuni esperti avvertono che, se la Russia percepisse questa crescente pressione come una minaccia esistenziale, potrebbe essere spinta a rispondere in modo più aggressivo. Tuttavia, molti ritengono che un conflitto diretto tra Russia e Stati Uniti sarebbe devastante per entrambe le nazioni e per il mondo intero, data la portata delle armi nucleari in loro possesso.

Le tensioni internazionali sono alimentate anche dalle preoccupazioni sulla divisione della Russia in molti paesi separati. Questo scenario è stato menzionato in passato da alcuni attori europei, sollevando ulteriori apprensioni da parte russa.

Il futuro delle relazioni tra Russia e Stati Uniti rimane incerto, ma è fondamentale per la stabilità globale che entrambe le nazioni cercino soluzioni diplomatiche per evitare un conflitto aperto

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version