Home Attualità La UE condanna e commina sanzioni contro la Bielorussia, diciamo che dice...

La UE condanna e commina sanzioni contro la Bielorussia, diciamo che dice Bielorussia ma pensa a Mosca

0

Il presidente Bielorusso Lukašėnko secondo la UE avrebbe vinto solo grazie aI brogli e il risultato sarebbe quindi illegittimo, però la UE non mostra alcuna prova. Non è chiaro inoltre che autorità abbia la UE di sovrapporsi alle Nazioni Unite, unico Ente sovranazionale ad avere voce in capitolo.

Il giornale polacco Onet riporta che il Consiglio Affari esteri dell’UE. esprime piena solidarietà alla Grecia e Cipro. Chiede che la Turchia si allenti immediatamente e rilanci il dialogo. E fino a qui andiamo bene, sarebbe ora che la UE prendesse una qualche posizione.

Purtroppo, molto probabilmente questa dichiarazione è una dichiarazione di facciata, giacché solo la Francia sta appoggiando concretamente con l’unico discorso che capisce la Turchia: l’azione militare.

Invece la UE è molto più severa contro la Bielorussia, in questo caso entrano in gioco gli stretti rapporti di Lukašėnko con la Federazione russa e quindi nel contesto di ostilità a tutto campo, la UE  non esita a rilanciare sanzioni.

Infatti la l’UE ha fatto sapere ufficialmente che non accetta i risultati delle elezioni ed ora inizia  il lavoro per comminare sanzioni “contro i responsabili della violenza e la contraffazione delle elezioni “, lo ha scritto il ministro degli esteri affari esteri europeo Borrell su Twitter.

Durante l’incontro tramite videoconferenza, venerdì i ministri degli esteri dell’UE hanno dato il via libera all’avvio dei lavori per mettere in atto sanzioni individuali contro la Bielorussia per l’uso della violenza e della repressione dei menifestanti.

Nella UE esiste un apposito gruppo di lavoro che ha lo specifico compito di individuare i soggetti da sanzionare. L’elenco dovrà essere approvato dal Consiglio dell’UE. In questo caso è necessaria l’unanimità.

L’elenco includerebbe funzionari e funzionari bielorussi che, secondo l’UE, sono responsabili della violenza e della repressione contro i cittadini bielorussi, nonché del brogli elettorali. Sarebbe vietato loro entrare nell’UE e i loro beni nella UE saranno congealti.

Secondo informazioni non ufficiali , l’elenco delle sanzioni potrebbe essere adottato alla fine di agosto in occasione del Consiglio informale dell’UE per gli affari esteri a Berlino.

Nel 2015, i paesi dell’UE hanno sospeso le sanzioni contro 170 rappresentanti del governo bielorusso. La decisione è stata presa nel contesto del miglioramento delle relazioni dell’UE con il paese. La sospensione delle restrizioni includeva, tra l’altro, Presidente Alexander  Lukašėnko . La decisione è stata presa in risposta al rilascio di tutti i prigionieri politici nell’agosto di quest’anno e nel contesto del miglioramento delle relazioni dell’UE con la Bielorussia.

Nel 2006 l’UE ha introdotto sanzioni contro i funzionari governativi a Minsk , compreso il presidente  Lukašėnko , in relazione al brogli dei risultati delle elezioni presidenziali e alla repressione dell’opposizione. Questi includevano un congelamento dei beni e un divieto di ingresso nell’UE.

L’UE li ha sospesi nel 2008 durante un periodo di miglioramento delle relazioni, ma dopo le elezioni presidenziali del 2010, interrompendo la manifestazione dell’opposizione il giorno del voto e condannando i suoi partecipanti, compresi ex candidati dell’opposizione, a rimanere in una colonia penale, le sanzioni sono state riprese e poi estese .

Resta inteso che Lukašėnko non mi piace ma credo allo stato di diritto ed al diritto internazionale, perciò semmai una consultazione della UE con la Russia –  prima di prendere qualunque decisione – , sarebbe stata più che opportuna.

@vietatoparlare

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version