La Turchia invade la Siria per distruggere i curdi? Ecco il punto di vista della Turchia

Brevemente sullo sviluppo della situazione nel Rojava (territorio occupato dai curdi dopo averlo liberato con gli USA dall’ISIS) , senza restituirlo al governo legittimo siriano ed al paese.

1. Oggi il parlamento turco ha esteso ufficialmente la legge che dà il diritto all’esercito turco di condurre operazioni al di fuori della Turchia sul territorio di Siria e Iraq. Il termine è esteso per esattamente un anno.
2. Trump, sotto la pressione del Pentagono e parte del suo entourage, ha cominciato a rimangiarsi tutto e ha detto che i curdi avrebbero continuato a fornire assistenza finanziaria e fornire armi ai curdi. Erdogan dovrebbe sbrigarsi, altrimenti l’agente Donald verrà fatto fuori come l’ultima volta.
3. L’artiglieria turca oggi ha bombardato più volte le posizioni curde al confine. I curdi, secondo una dichiarazione ufficiale dell’SDF, non hanno risposto al fuoco e “non hanno ceduto alle provocazioni”. Non hanno avuto perdite, secondo la loro dichiarazione.
4. Si noti che la polizia militare russa ha iniziato a pattugliare nell’area di Tal Rifat sulla linea di demarcazione tra SDF e militanti filo-turchi. Nel periodo di aggravamento delle ambizioni turche, questo passaggio è già diventato molto frequentato.
5. L’esercito turco ammassa equipaggiamento a sud di Jarablus (carri armati e veicoli corazzati da combattimento di fanteria) e nell’area di Tal-Abyad (cannoni semoventi e  MLRS). Un gruppo di “fanteria verde” di varie brigate SSA  (principalmente fanteria leggera, con carri e veicoli corazzati turchi) è stato visto in loco.
6. Gli UAV turchi stanno esplorando attivamente le aree di confine, prestando particolare attenzione alle grandi città di confine e alle strade principali lungo le quali i curdi spostano i rinforzi al confine.
7. Alcuni consigli arabi di Rojava si oppongono all’invasione, ma un’altra parte è silenziosa (specialmente nelle campagne), in attesa dei cambiamenti imminenti associati all’arrivo di Assad o all’arrivo dei turchi.
8. I curdi continuano a lanciare segnali a Damasco, cercando di ravvivare il processo di negoziazione (SDF ufficialmente “sta esplorando la partnership con Assad”), ma alla fine tutto dipende dalla richiesta di Assad di trasferire il territorio di Rojava sotto il controllo dell’SAA senza alcun contraccambio politico globale [come pretenderebbero i curdi].
9. Nel frattempo, i curdi continuano a spostare truppe al confine, esponendo virtualmente il sud del Rojava. I curdi minacciano anche di indebolire il controllo dei campi in cui sono custoditi i terroristi dell’ISIS. Anche nei social network curdi e siriani, circolano di nuovo voci sul trasferimento di Manbij al controllo di Assad, mentre i curdi combatteranno contro i turchi.
10. L’Iran non approvava i piani per l’operazione turca nel Rojava. La Russia nel suo complesso sta ancora aspettando, osservando lo sviluppo degli eventi. L’UE è limitata alle preoccupazioni. La Turchia dal canto suo , spiega che l’ingresso dell’esercito turco nel nord-est della Siria è necessario per impedire la creazione di uno “stato terroristico” curdo. Allo stesso tempo, rimprovera gli Stati Uniti per sostenere alcune associazioni curde, considerandole terroriste. Inoltre , spera anche nel silenzio della Federazione Russa e conta sull’assistenza dell’UE per il ritorno dei rifugiati in Siria. Le opinioni dell’analista nel suo insieme corrispondono alla posizione della leadership turca.

Molte cose si sono dette sulla vicenda dell’invasione turca e in maniera molto approssimativa. Almeno in Italia. I vari report – barcamenandosi nella descrizione dei curdi in Siria – in genere hanno ondeggiato tra il patetico ed il romanzato, nella descrizione degli eventi .

Allora per completezza di informazione,  vediamo qui il parere di un noto analista turco, il ricercatore per la sicurezza  Murat Aslan  che ha spiegato sul quotidiano turco  Daily Sabah la visione dal lato turco sulla vicenda (questa non pervenuta in Italia dove i curdi sono solo quelli che hanno sconfitto l’ISIS e dove è però sconosciuto che hanno occupato illegalmente la Siria del nord imponendo la propria etnia [minoritaria]  sulle altre).

Murat Aslan per prima cosa giustifica che l’ingresso dell’esercito turco nel nord-est della Siria è necessario per impedire la creazione di uno “stato terroristico” curdo. Nello stesso tempo, rimprovera gli Stati Uniti di sostenere alcune organizzazioni curde, considerandole terroriste. Spera anche che la Federazione Russa mantenga un basso profilo nella vicenda e conta sull’assistenza dell’UE per il ritorno dei rifugiati in Siria. Le opinioni dell’analista nel suo insieme corrispondono alla posizione della leadership turca.

Vediamo le più interessati dichiarazioni che   Murat Aslan  ha fatto nell’intervista del Daily Sabah::

Sabah (Sabah): “Questa operazione è inevitabile”

(…) Dopo il tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016, l’Occidente ha avuto l’idea che le forze armate turche avessero perso la forza e questa idea solleva ancora dubbi sul potenziale militare della Turchia. Ma penso che tali dubbi siano infondati. Non bisogna dimenticare che l’operazione “Scudo dell’Eufrate” è iniziata solo un mese dopo il tentativo di colpo di stato. In Afghanistan, le forze armate turche sono state ancora più efficaci del previsto e la questione Idlib è stata gestita sia politicamente che militarmente grazie all’esercito. Allo stesso tempo, in Iraq, grazie all’abilità delle forze del Ministero della Difesa Nazionale, la lotta contro i terroristi viene condotta in tre diverse aree, mentre le forze del Ministero degli Interni possono svolgere operazioni all’interno del nostro Paese. Considerando quella preparazione per un’operazione militare nel nord-est della Siria,

D – Quindi, i metodi diplomatici si sono esauriti? Perché la Turchia è costretta a fare questo passo?

R – La Turchia, come sapete, ha annunciato tre obiettivi: garantire la sicurezza delle frontiere, combattere i terroristi, creare condizioni adeguate per il ritorno dei siriani [rifugiati in Turchia ] nel loro territorio di residenza. Insieme a questi compiti, la Turchia ha un altro obiettivo. Non vuole che i confini cambino in una regione vicina dove c’è una struttura terroristica che desidera guadagnare territorio.

In altre parole, la Turchia vuole ostacolare la creazione degli Stati Uniti o di qualche altra forza terroristica [di un cambiamento nell’integrità territoriale siriana] che manterrà i paesi della regione in sospeso. Pertanto, il programma americano di “equipaggiamento” nei confronti del PKK curdo (il PKK – il Partito dei lavoratori del Kurdistan – è considerato un’organizzazione terroristica di sinistra in Turchia, in passato era guidato dal militante curdo Abdullah Ocalan, che ora è detenuto in una prigione turca – ndr.), e del cosiddetto YPD e altre parti formate da elementi arabi spiegano le preoccupazioni giustificabili della Turchia. In precedenza, gli Stati Uniti hanno annunciato la creazione di “una forza armata di 60 mila persone, che avrebbe garantito la sicurezza del confine”. Le domande su chi e su quale confine avrebbe protetto questa forza “terroristica” sono proprio le questioni che sono alla base della legittimità dell’operazione militare turca.

Il disastro nella politica estera degli Stati Uniti

D –  Come valuta la prima reazione degli Stati Uniti al possibile avvio di un’operazione?

R – La prima reazione degli Stati Uniti suggerisce che sono preoccupati. Se presti attenzione alla retorica del presidente degli Stati Uniti Trump e delle istituzioni americane, puoi vedere la mancanza di approcci coordinati. Inoltre, è interessante che nei contatti con la Turchia sul campo di battaglia in Siria, gli Stati Uniti si riferiscano al comando centrale come una scusa. Gli Stati Uniti, che vantano valori democratici, indicano i militari come causa di disaccordo, e questa è una situazione insolita. Alla fine, l’amministrazione civile prende le decisioni e i militari li portano in vita. Ma quando si tratta della Siria, le decisioni del comando centrale determinerebbe sia la componente militare che quella politica.

D’altra parte, il caos nella politica interna degli Stati Uniti sembra essersi spostato sulla politica estera. A questo proposito, la reazione degli Stati Uniti è veramente “malsana”. Alla fine, è noto che gli Stati Uniti, dopo la retorica principale “Abbiamo sconfitto l’ISIS “, Non vogliono abbandonare l’organizzazione terroristica che hanno usato come strumento e che hanno controllato. Altrimenti, potrebbero non trovare altri strumenti per risolvere altri problemi.

pubblicità

Gli Stati Uniti non saranno in grado di risolvere il problema siriano senza la Turchia!

D –  In che modo l’operazione a est dell’Eufrate influenzerà le relazioni turco-americane?

R -La tensione aumenterà naturalmente. Lo scenario più probabile nella prima fase è il riscaldamento di problemi attualmente congelati. Come ad esempio le minacce che sono state messe a lungo sullo scaffale per applicare sanzioni ai sensi della legge sulla lotta contro gli avversari d’America attraverso le sanzioni (CAATSA). Ma militarmente, non ci si può aspettare alcuna opposizione. L’ingresso di due alleati della NATO in un acceso conflitto potrebbe scuotere l’intera alleanza. E, inoltre, porterebbe al fatto che gli Stati Uniti dovrebbero affrontare nuovi problemi in altre regioni del Medio Oriente. Inoltre, la limitata presenza militare degli Stati Uniti in Siria non potrebbe sostenere uno “scontro”, ma se la Turchia mette in primo piano l’opzione militare avrà come exit strategy solo la possibilità di un “accordo” nel quadro di un “meccanismo congiunto per il coordinamento delle azioni” . Gli Stati Uniti devono capire.

D – La zona sicura dovrebbe espandersi a sud ad est dell’Eufrate – è questa l’ultima tappa?

R –  In termini di sicurezza della Turchia, è necessario considerare non il momento attuale, ma almeno una prospettiva di 30-50 anni. La striscia di sicurezza creata nella parte orientale dell’Eufrate parallela ai confini della Turchia fornirà di fatto sicurezza non tanto alla Turchia quanto a uno stato terroristico che può essere creato a sud di questa striscia. Pertanto, la zona sicura dovrebbe essere espansa a sud. Inoltre, l’obiettivo non dovrebbe essere quello di stabilire il controllo sulla regione, ma di distruggere un’organizzazione terroristica. Altrimenti, la minaccia persisterà, continuerà a danneggiare la nostra gente con mezzi asimmetrici e fungerà da strumento.

Qualsiasi opzione senza la Turchia fallirà

D –Come cambieranno i saldi nella regione dopo l’operazione?

R –  Una condizione indispensabile per la possibilità di condurre un’operazione militare a est dell’Eufrate e a sud è la posizione della popolazione araba e dei leader spirituali. Per attuare questa opzione, le strutture arabe situate ad est dell’Eufrate devono agire insieme alla Turchia. Pertanto, l’operazione militare di successo della Turchia nel nord-est della Siria potrebbe comportare il ritiro degli arabi dalla struttura chiamata “Forze democratiche della Siria”. Questo sviluppo calmerà la Turchia. Il modello di governancwe imposto dal PKK / YPD a est dell’Eufrate senza la presenza di tribù arabe rende possibile tale scissione. D’altro canto, la preferenza della Turchia per l’opzione militare e la sua riuscita attuazione in futuro potrebbe spingere il regime di Assad, sostenuto da Russia e Iran, a intervenire principalmente nelle regioni petrolifere. E gli Stati Uniti a quel punto saranno al margine del problema siriano. Pertanto, la Russia [per questo motivo] rimarrà in silenzio in risposta all’intervento.

D – Cosa puoi dire della posizione della Russia su tale operazione?

R –   “La Russia vuole essere la forza dominante nei colloqui di Ginevra e vuole che gli Stati Uniti lascino la Siria”. Inoltre, in seguito all’acquisizione per legge del diritto di mantenere una presenza militare nel Mediterraneo orientale, la Russia vuole mantenere questo status. Ma perché il caos della Russia a est dell’Eufrate? Finché viene mantenuta l’integrità della Siria, che è il requisito minimo della Russia, rimarrà in silenzio in risposta all’intervento turco.

I siriani torneranno alle loro case

D – Alcuni sostengono che questa operazione porterà a una nuova ondata migratoria, altri – che molti rifugiati torneranno dalla Turchia alla Siria … Qual è il tuo punto di vista?

R – La riuscita operazione militare della Turchia stimola il ritorno dei migranti. Solo [dalle zone che la Turchia dovrebbe occupare come zona di sicurezza ] sono 400-600 mila le persone che sono emigrate in Turchia dal nord-est della Siria che potrebbero tornarvi : sono una cifra che non può essere sottovalutata. Se l’operazione va a sud e comprende Raqqa, si può prevedere che questa cifra sarà di circa un milione. D’altro canto, il ripristino di aree in cui è stata garantita la sicurezza indica che potrebbero tornare ancora più siriani. Ad oggi, 400 mila persone si sono trasferite dalla Turchia o dalla Siria nella regione a seguito del ritorno della sicurezza in Al-Bab, Jerablus e Azaz. È importante che, insieme alla calma e alla sicurezza nella regione, vengano create anche le condizioni per lo sviluppo economico. Ma in questa materia è necessario il sostegno dell’Europa.

La nuova costituzione  della SSA (Syrian Free Army) è di grande importanza

D – la SSA si è unita in un unico esercito. Cosa significa?

R L’esercito nazionale recentemente costituitosi implica alcuni vantaggi per l’opposizione siriana moderata. Innanzitutto, è stata creata una struttura responsabile e gerarchica. Possiamo parlare della creazione di una forza militare controllata, che è sotto il controllo civile. L’esercito nazionale, che non è una milizia, ma un esercito regolare con una disciplina più forte, in caso di qualsiasi accusa sarà in grado di avviare un’indagine e applicare sanzioni. In altre parole, sorgerà una struttura legittima e stabile.

Dopo la creazione dell’esercito nazionale, i vaghi riferimenti di russi e iraniani sui “terroristi” non saranno più in grado di indicare la SSA. Inoltre, il sostegno degli Stati Uniti al PKK e YPD, sebbene sotto il nome di “Syrian Democratic Forces” (SDF), piuttosto che l’Esercito Nazionale, che è associato a tutta la Siria, può essere percepito come una contraddizione. Inoltre, è stato chiarito il modo per gli elementi arabi dell’SDF di unirsi all’esercito nazionale. In caso di scioglimento di “Hayyat Tahrir al-Sham” a Idlib, le milizie arabe che si sono arruolate nell’esercito nazionale saranno ora in grado di ottenere uno status legittimo.

originale https://www.sabah.com.tr/gundem/2019/10/07/bu-harekat-kacinilmaz

commento in prefazione: colinnelcassad

foto apertura: carri turchi di fronte a Kobane durante il periodo di conflitto tra curdi ed ISIS

 

 

 

JOIN THE DISCUSSION