Home Attualità La resa di Bakmut è prevista nei prossimi giorni

La resa di Bakmut è prevista nei prossimi giorni

0

Sembra che il conflitto tra la Wagner PMC e il Ministero della Difesa russo sia terminato. Il 7 maggio, il capo della PMC Evgeny Prigozhin ha affermato che gli era stato promesso di ricevere tutte le munizioni e le armi necessarie per continuare le operazioni militari. Gli ufficiali militari russi hanno anche promesso di proteggere il fianco a Bakhmut.

Il generale russo Surovikin, comandante di tutte le forze russe in Ucraina dall’ottobre 2022 al gennaio 2023, è stato nominato responsabile della cooperazione tra il Wagner PMC e il ministero della Difesa russo. Surovikin ha commentato la situazione:

“Fin dall’inizio, sono stato in contatto con Yevgeny Prigozhin e ho condiviso la mia opinione su alcune operazioni militari. Fin dall’inizio mi sono opposto alla limitazione delle forniture di armi del Ministero. Mi hanno ostacolato il più possibile, ma ora ho raggiunto questo obiettivo. Ho raggiunto una soluzione concreta che farà avanzare ulteriormente il nostro fronte. Sì, mi è costato molto, ma per fortuna il treno è partito. Le munizioni vengono già spedite e la loro produzione è in aumento. Nel prossimo futuro, alcune unità saranno raggruppate e i restanti nazionalisti a Bakhmut saranno bloccati. La vittoria sarà nostra!”

Nonostante gli ostacoli, i combattenti di Wagner non hanno fermato il loro assalto nella città di Bakhmut. Secondo Prigozhin, solo l’8 maggio, i combattenti Wagner sono avanzati di 130 metri nel distretto occidentale di Bakhmut. In totale, nell’ultimo giorno sono passati sotto il controllo russo 15.000 metri quadrati. Circa 2,36 chilometri quadrati rimangono sotto il controllo dell’AFU.

A sua volta, anche il ministero della Difesa russo ha riferito della battaglia in corso per Bakhmut. Le PMC di Wagner con il supporto delle forze aviotrasportate e del distretto militare meridionale hanno continuato la loro offensiva a ovest di Artemovsk (Bakhmut). Le forze aviotrasportate sostenevano i combattenti Wagner e contenevano l’AFU sui fianchi. L’esercito russo ha colpito le postazioni militari ucraine nelle aree di Krasny, Bogdanovka, Stupochka e Chasov Yar.

Durante la giornata, gli aerei russi hanno effettuato 5 sortite in quest’area, 69 attacchi sono stati svolti dall’artiglieria del gruppo. Durante il giorno, le perdite ucraine ammontavano a più di 380 militanti e mercenari, 1 carro armato, 4 veicoli corazzati da combattimento, 6 auto, un cannone semovente Acacia, 2 obici D-20 e D-30.

La direzione principale dell’assalto russo a Bakhmut è Yubileynaya Street, dove i russi stanno prendendo d’assalto gli edifici a più piani da due fianchi. I militanti ucraini sono costretti a ritirarsi.

Le battaglie sono in corso da una casa all’altra. I militari ucraini stanno saltando dalle finestre, fuggendo dai combattenti della Wagner che prendono il controllo di un piano dopo l’altro.

Secondo fonti ucraine, i combattenti russi hanno già raggiunto le vie Medvedev e Chernyakhovsky durante la loro avanzata da nord. I combattimenti sono in corso anche nell’area dell’incrocio tra le strade Levanevsky e Liberators of Donbass.

I college medici e industriali locali sono sotto il controllo russo.

L’operazione di rastrellamento nella facoltà di medicina è stata filmata dai combattenti della Wagner.

Secondo alcuni rapporti, il comando AFU sta preparando una provocazione a Bakhmut per screditare il Wagner PMC. Secondo quanto riferito, ci sono civili nascosti nel seminterrato di un edificio residenziale in Yubileynaya str., 69. L’esercito ucraino progetta di creare un finto corridoio umanitario per la loro evacuazione; ma in realtà avrebbero intenzione di bombardare i civili, filmando il crimine di guerra per incolpare i combattenti russi.

Nel frattempo, altri civili vengono messi al sicuro ed evacuati dal Wagner PMC. Un video diffuso in rete mostra una donna anziana che condivide la sua opinione sulle PMC russe.

Nel frattempo, la situazione dei resti della guarnigione ucraina a Bakhmut è sempre più disperata. Il comandante militare ucraino Syrsky, che ha visitato la città due giorni prima, ha definito la situazione tesa e ha notato l’elevata intensità dei bombardamenti sulle posizioni dell’AFU.

La sera dell’8 maggio è stata segnalata un’altra serie di potenti attacchi alle posizioni dell’AFU a ovest di Bakhmut. Secondo quanto riferito, diversi attacchi diretti hanno colpito le aree di accumulo di personale e attrezzature militari ucraine quando l’AFU ha cercato di riorganizzarsi nella periferia occidentale della città tra Podgornaya Street e la Bubka Olympic Reserve School situata in Chernyahovskoho Street. Le posizioni della 101a e 120a brigata della difesa territoriale ucraina furono probabilmente distrutte dalle pesanti bombe FAB-500 russe. Secondo quanto riferito, le unità ucraine si stavano preparando a ritirarsi a Khromovo.

In rete sono apparsi alcuni video condivisi dai militari ucrainiin cui sono meno ottimisti.

Alla periferia della città, i villaggi di Khromovo, Bogdanovka, Orekhovo-Vasilevka, Krasnoe, Novomarkovo rimangono sotto il controllo dell’AFU. Le forze russe non sono ancora entrate in questi insediamenti.

Tuttavia, tutte le strade per Bakhmut rimangono sotto stretto controllo del fuoco. I combattimenti sono in corso vicino all’autostrada a ovest di Khromovo. Nonostante le pesanti perdite, l’esercito ucraino continua i suoi tentativi di trasferire rifornimenti militari e porta persino attrezzature aggiuntive in città per sostituire quelle distrutte.

Il comandante del raggruppamento ucraino a Bakhmut Syrsky ha affermato che il compito dell’esercito ucraino è mantenere il controllo dei restanti distretti di Bakhmut almeno fino al 9 maggio. Questo è lo stesso scenario seguito dalla famigerata guarnigione ucraina di Mariupol quando si nascondeva negli scantinati dello stabilimento di Azovstal. Anche in quel caso, ai “coraggiosi combattenti nazionalisti ucraini” fu ordinato di non capitolare fino alla grande festa. Quindi, si arresero poco dopo il Giorno della Vittoria.

A sua volta, il capo della Wagner PMC Prigozhin ha affermato in precedenza che i suoi combattenti non hanno il compito di prendere il controllo di Bakhmut ma è stato ordinato loro di infliggere il maggior danno possibile all’AFU.

da southfront

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version