‘L’ Orgia dell’assassinio’: i filo-USA liberano Mosul con più di 10.000 morti civili

Pubblicità
[ad_1]

( ANTIMEDIA ) Dopo che gli Stati Uniti ei suoi eserciti per procura hanno “liberato” la città irachena di Mosul all’inizio di quest’anno, la superpotenza mondiale non ha sorpreso chiudendo un occhio su un massacro avvenuto poco dopo. Come giustamente ha detto il Guardian , le conseguenze sono state “un’orgia” di omicidio.

The Guardian spiega che è stata la brutale condotta delle Forze armate irachene che ha permesso all’Iraq di liberare con successo Mosul dal dominio dell’ISIS, affermando:

Uno dei fattori che ha aiutato l’acquisizione di Isis di Mosul è stata la condotta dell’esercito iracheno e delle forze di sicurezza di stanza nella città, che si sono comportate come forze di occupazione settarie, maltrattando e trattenendo la popolazione a volontà. Nelle prime fasi della battaglia per Mosul, l’esercito e la polizia iracheni, desiderosi di cambiare la loro immagine prevalente, si erano presi cura di preservare la vita dei civili. Soldati e ufficiali hanno usato i loro veicoli per aiutare le persone a evacuare le loro case e hanno offerto acqua e assistenza medica. Ma la Città Vecchia era vista come l’ultimo rifugio di Isis, e quasi tutti gli abitanti erano considerati sospetti. Uomini in età da combattimento provenienti da altre parti della città e feriti sono stati arrestati sul posto. Il resto è stato inviato ai centri di detenzione, dove la loro identità sarebbe stata verificata . “

Secondo il gruppo di controllo non partigiano Airwars, il numero di morti civili a Mosul potrebbe aver superato le 10.000 unità. Coloro che sono stati abbastanza fortunati da sopravvivere agli attentati alla coalizione sono stati apparentemente trattati come sospetti membri dell’ISIS, e il risultato è stato una serie di crimini che dovrebbero fare rabbrividire a L’Aia.

Pubblicità

Il Guardian spiega:

“La gente del posto, desiderosa di vendicarsi di coloro che erano ritenuti responsabili delle miserie e della distruzione degli ultimi tre anni, iniziò a denunciare non solo i membri di Isis e le loro famiglie che avevano cercato di mimetizzarsi con civili in fuga, ma anche qualsiasi uomo in lotta che proveniva da una città diversa, portava i segni di una ferita o semplicemente sembrava sospetto. [Enfasi aggiunta]

Kate Allen, direttrice di Amnesty International, ha già chiesto un’inchiesta indipendente su questi crimini. Allen ha dichiarato:

“Uccidere deliberatamente i combattenti che si sono arresi o che sono stati catturati è assolutamente proibito dal diritto internazionale. Inutile dire che uccidere civili in queste circostanze è un crimine di guerra.

Pubblicità

Il comportamento delle forze armate irachene durante e dopo questa campagna di liberazione non è un segreto per gli Stati Uniti o per i media tradizionali. I soldati iracheni avrebbero lanciato i combattenti dell’ISIS catturati dagli edifici fin dal luglio di quest’anno. The Guardian riporta anche un esempio di un sospetto operativo dell’ISIS che sosteneva con veemenza di essere un medico, ma è stato picchiato, e poi buttato fuori da una finestra e ucciso sulla strada sottostante. Come un ufficiale militare iracheno ha spiegato:

“È il mio quinto [omicidio] dall’inizio della [battaglia di] Mosul … Al-Qaida ha un buon principio: se sospettano qualcuno o hanno le prove più strette contro di lui, lo uccidono. Dicono che se fosse colpevole, se lo meritava, e se fosse innocente, il suo sangue sarà purgato e più tardi andrà in paradiso. Seguo lo stesso principio. “

Non importa che migliaia di civili siano morti durante la campagna aerea durante i primi mesi della presidenza di Trump. Una volta che la città è stata formalmente liberata, spiega il Guardian , la vera “orgia” dell’omicidio ebbe inizio:

“Notte dopo notte, in case diroccate, celle improvvisate e le strade buie di Mosul, quelli identificati come membri dell’Isis furono torturati e giustiziati. Giubilanti soldati iracheni si sono filmati mentre picchiavano e sparavano ai prigionieri.

Pubblicità

Gli Stati Uniti hanno a malapena dato a questo problema una menzione passeggera, anche se tentano di denigrare la Siria perché presumibilmente fa la stessa cosa. Una cosa è certa, tuttavia – gli Stati Uniti hanno portato il caos in Iraq e nella grande città di Mosul, e la liberazione potrebbe, in effetti, essere la parola sbagliata per descrivere i risultati.

Dal Guardian :

“A volte facciamo cose e sappiamo che stiamo infrangendo la legge”, mi disse il comandante un pomeriggio mentre sorseggiava il suo tè. Accese una sigaretta e continuò: “Il mio generale mi dice: ‘Non portarmi prigionieri, se sai che sono Daesh’. I miei soldati mi chiamano e dicono: ‘Abbiamo trovato un uomo’, e io dico loro: ‘Uccidilo’ “.

Creative Commons / Anti-Media / Segnala un refuso

Pubblicità

[ad_2]

Collegamento sorgente