Joe Quinn: gli Stati Uniti hanno utilizzato il terrorismo per la fabbricazione della “guerra civile” in Iraq

[su_heading style=”modern-2-blue” size=”18″ align=”left”]Dieci anni dopo, l’Iraq è in rovina, come nuove prove confermano che il governo degli Stati Uniti ha utilizzato squadre di morte per la fabbricazione della “guerra civile”[/su_heading]

Joe Quinn Sott.net   Tue, 19 Mar 2013

Dieci anni fa, in questi giorni,  le forze armate statunitensi e britanniche hanno lanciato l’«Operation Freedom Iraq», «Shock and Awe», «Operation Destroy the Infrastructure Critical of Iraq and Initiate a Overt Decade – il lungo attacco e occupazione del popolo iracheno “. Finora, almeno 1,5 milioni di civili iracheni sono stati uccisi e  sono stati generati almeno 5 milioni di sfollati dalle loro case come risultato diretto della “liberazione”. Questo insieme a  milioni di persone uccise e impoverite dalle sanzioni economiche volute dagli Stati Uniti nel decennio precedente. Intanto, gli attentati mortali di auto continuano fino ad oggi. Basta dire che l’ Iraq non è stato liberato: è stato distrutto e distrutto deliberatamente. 

La scorsa settimana, il Il quotidiano inglese Guardian  ha pubblicato i risultati di un’indagine effettuata in 15 mesi dallo stesso Guardian e dalla BBC araba. Eufemisticamente intitolato ” James Steele: l’uomo del mistero dell’America in Iraq “, il video report presenta una prova abbastanza pesante che, rivela che dopo l’invasione statunitense dell’Iraq, il Governo degli Stati Uniti. e i militari hanno iniziato a riunire una militanza sciita di 10.000 che, sotto il comando statunitense, che sarebbe stata sarebbe utilizzata a fare tre cose :

Advertisements
  1. Rapimenti, torture, omicidi verso membri della resistenza irachena e quei membri della popolazione irachena che li hanno sostenuti.
  2. Piazzare bombe che miravano prevalentemente le aree sunnite e sciite, nel tentativo di dividere la popolazione e quindi con lo scopo di impedire qualsiasi resistenza unitaria all’occupazione statunitense.
  3. Creare l’impressione di una “guerra civile” in Iraq che potrebbe essere utilizzata dagli Stati Uniti e dai governi e dai militari europei per giustificare la continuazione dell’occupazione dell’Iraq per scopi di “pace”.
James Steele, Cheney e Rumsfeld. squadre della morte in Iraq.
Mentre il documentario di 50 minuti è sufficiente per dimostrare che Rumsfeld, Cheney, il generale Petraeus e tutti gli altri guerrieri NeoCon e i mostri della CIA hanno consapevolmente impiegato i servizi dell’ex colonnello dell’esercito americano James Steele nell’organizzazione di squadre della morte contro la resistenza irachena ( una tattica che lui, Steele, aveva usato contro i movimenti di resistenza in Sud America negli anni ’70 e ’90), poi sposa la narrativa ufficiale che il “settarismo” in Iraq è la causa principale della carneficina che si è svolta.

La cosiddetta “milita Sciita” usata dal governo americano (con l’aiuto e il consiglio di esperti di contro-insurrezione britannici e israeliani) sono stati reclutati direttamente dalla CIA e da persone come James Steele per compiere omicidi extragiudiziali contro chiunque potesse essere facilmente identificato come “resistenza”. Al fine di mantenere questa strategia, sono stati attuati attacchi indiscriminati ai civili iracheni, sono stati effettuati su larga scala, allo stesso modo verso gli sciiti e i sunniti,  . Alcuni di questi individui, in altro ambienti, sarebbero stati chiamati ‘al-Qaeda’. La loro utilità nell’impiego di questi guerrieri era doppiamente preziosa per il Pentagono perché entrambi giustificavano la continua occupazione statunitense e fornivano “prova” alla mitologia della guerra americana al  Terrore, ex post facto,

Mentre prima dell’invasione nel 2003 non c’era assolutamente niente da collegare tra l’11 settembre e l’Iraq di Saddam Hussein, la creazione di (vere) squadre di morte  denominate “al Qaeda in Iraq” (fittizia) ha “reso reale” la menzogna che l’America e tutta la civiltà occidentale fosse in guerra contro orde di musulmani irrazionali e violenti e divenne il modello per istigare il terrorismo e per sopprimere le rivolte popolari in Yemen, Mali e altrove. Una volta che le persone sono violente, si può indossare e gestire  la resistenza popolare nazionale, senza alcuna opposizione ai veri obiettivi strategici (vale a dire il controllo del petrolio medio orientale). Le forze di occupazione statunitensi, insieme alle loro controparti britanniche, avevano una lunga esperienza in ciò che accade quando si invade militarmente e si occupa una nazione sovrana: la gente resiste, e non solo un gruppo etnico o religioso, ma più o meno tutta la popolazione. Non c’è niente come un’occupazione straniera per unire un paese. 

I britannici perseguirono questa politica in Irlanda del Nord. Innanzitutto cercavano la “criminalizzazione” del conflitto (presentando tutte le resistenze come “terroristi”) e poi l”ulsterizzazione’ del conflitto, che cercava di creare l’impressione tra il più ampio pubblico britannico e mondiale che la lotta in Irlanda del Nord fosse interna, caratterizzata da “conflitti settari”, con gli inglesi che giocano il ruolo dei frustrati “custodi di pace” . Entrambe le strategie sono state descritte in un documento di pubblicazione inglese non pubblicizzato del 1975 intitolato ” The Way Ahead“. Nell’ambito dello sforzo per creare la realtà di una “guerra civile”, squadre di morte sono state usate per attaccare i civili di entrambe le comunità (cattoliche e protestanti).

In Iraq, queste squadre di morte “Sciite” controllate dagli Stati Uniti hanno operato in modo molto simile, e mentre i media sono stati soddisfatti a ritrarli come comuni Sciiti motivati ​​dalla predisposizione religiosa, sono invece stati colpevolmente  noleggiati colpevoli con i soldi  pagati dai loro maestri statunitensi e dalla promessa di posizioni di potere in un futuro governo iracheno. Come il rango e il fascicolo dei “ribelli libici” e dell’esercito siriano libero, queste persone formano le cosiddette società arabe e mediorientali. Guidati da maestri di incantesimi che velano le loro azioni barbariche con la prosa religiosa, i leader secolari della regione, come Ghaddafi e Assad, e Nasser e Arafat prima di loro, hanno lottato invano contro di loro per disarcionarli. La ragione per cui non ci sono riusciti è perché gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia e Israele li hanno sostenuto costantemente – con aiuti sotto forma di armi, denaro,

Advertisements
 In tutta l’occupazione americana dell’Iraq, il principale rappresentante di sciiti in Iraq, Muqtada al-Sadr, ha più volte chiamato all’ l’unità fra sciiti e sunniti iracheni a fronte dell’ occupazione straniera e l’inganno, sotto forma di tentativi (celati )di dividere la resistenza. Questi sforzi comprendevano il bombardamento di ponti a Baghdad e in altre città irachene nel tentativo di impedire la comunicazione tra iracheni, l’uso di tattiche di terrorismo diffuse per forzare i sunniti e gli iracheni sciiti per fuggire dalle loro case e il bombardamento di santuari religiosi , sia sciiti che sunniti , nel tentativo di creare la realtà di “conflitti settari”.

L’Iraq è oggi in rovina. Il paese è stato rovinato socialmente, principalmente come ci descrive la cronaca per le  decine di migliaia di civili,  brutalmente e sistematicamente torturati dalle squadre di morte promosse dagli Stati Uniti. Centinaia di migliaia di persone sono state uccise sommariamente, sia dalle bombe degli aerei e dai proiettili dei soldati statunitensi, o da quelle ” auto bomba  ” onnipresenti e molto efficaci , piantate dagli operatori statunitensi e britannici e dai loro complici.

L’operazione “Libertà irachena” ha portato la morte e la distruzione ad un intero paese di 26 milioni di persone. È tra i peggiori crimini del mondo contro l’umanità ed è stato progettato deliberatamente e meticolosamente in questo modo.

Joe Quinn (Profile)

Joe Quinn is the co-author of 9/11: The Ultimate Truth (with Laura Knight-Jadczyk, 2006) and Manufactured Terror: The Boston Marathon Bombings, Sandy Hook, Aurora Shooting and Other False Flag Terror Attacks (with Niall Bradley, 2014), and the host of Sott.net’s The Sott Report Videos and co-host of the ‘Behind the Headlines’ radio show on the Sott Radio Network.

Advertisements

An established web-based essayist and print author, Quinn has been writing incisive editorials for Sott.net for over 10 years. His articles have appeared on many alternative news sites and he has been interviewed on several internet radio shows and has also appeared on Iranian Press TV. His articles can also be found on his personal blog JoeQuinn.net.

Recommended

STAY CONNECTED