ISIS, fonte curda: “Escono al sottosuolo, non finiscono mai”

I combattenti curdi  Syrian Democratic Force (SDF) appoggiati dagli Stati Uniti sperano da settimane che l’ultimo giorno sia arrivato per il “califfato” del gruppo dello Stato Islamico, ma il suo ultimo frammento di terra, Baghuz, non sembra proprio svuotarsi.

Decine di migliaia di donne, bambini e uomini coperti di polvere escono e vengono accolti nelle tende dell’accampamento vicino al villaggio siriano di Baghouz ormai da dicembre – e nonostante il continuo esodo  continuano a venire.

I numeri hanno sconcertato le forze curde e hanno impantanato la loro offensiva contro il proto-stato un tempo tentacolare.

“Quando abbiamo iniziato l’operazione sapevamo che ci sarebbero stati dei civili, ma non in un numero così grande”, ha detto Adnan Afrin, portavoce delle forze democratiche siriane.

Negli ultimi giorni migliaia di uomini e donne – compresi i terroristi dell”ISIS – hanno lasciato la sacca di Baghuz.

Poche famiglie rimangono ancora rintanate a Baghouz , insieme a  coloro che hanno rifiutato di andarsene o di arrendersi  scegliendo di resistere e morire.

“Stanno venendo dal sottosuolo … non finiscono mai”, ha detto un funzionario dell’ SDF.

L’International Rescue Committee  venerdì ha detto che 12.000 persone da Baghouz sono arrivate in un campo per non combattenti nel nord-est della Siria nelle ultime 48 ore, di cui circa 6.000 solo giovedì.

Le donne uscite dal bastione questa settimana hanno dato cifre drasticamente variabili sulle famiglie che ancora rimangono nel bastione jihadista bombardato e assediato.

“C’è ne sono ancora di più”, ha detto Umm Aboud della città siriana del nord di Al-Bab.

“Vedi quante persone sono venute fuori negli ultimi giorni, ce ne sono ancora molte dentro”, disse la madre di quattro figli, i suoi occhi verdi brillanti che scrutavano attraverso un velo nero.

Secondo l’International Rescue Committee più di 55.000 civili sono arrivati ​​nel campo curdo di al-Hol  da dicembre .

“La Croce Rossa Internazionale e altre agenzie stanno facendo tutto ciò che possono fare per aiutare i nuovi arrivati, ma il campo di Al-Hol è ora al punto di rottura”, ha detto l’organizzazione venerdì.

“Nessuno avrebbe potuto immaginare che un numero così elevato di donne e bambini vivesse ancora a Baghouz”.

Rimangono delle domande su come i pianificatori degli aiuti, così come i funzionari della SDF e i loro partner della coalizione, avrebbero potuto così fortemente sottovalutare il numero di persone rimaste nel fatiscente “califfato” .

Portando ciò che potevano gestire, donne vestite di nero uscite da Baghouz negli ultimi giorni hanno detto che vivevano ammassate in trincee, tende e macchine vicino alla curva dell’Eufrate mentre la campagna di bombardamenti aveva fatto arretrare la ridotta.

“Ci sono migliaia di famiglie in partenza … (ma) c’erano migliaia e migliaia di famiglie lì, anche io ero sorpreso”, ha detto il 35enne Umm Alaa, proveniente dalla città irachena di Heet, dopo essere fuggito.

La madre di 10 figli ha dichiarato di aver perso un figlio la scorsa settimana a causa della fame, mentre la situazione si faceva sempre più disperata.

I filmati ottenuti dall’AFP dai Free Burma Rangers, un gruppo di aiuto cristiano gestito da un ex operativo delle forze speciali statunitensi, hanno mostrato che centinaia di persone sono ancora rimaste nel campo lungo il fiume.

Nelle immagini che si dice siano state girate giovedì, le donne drappeggiate di nero attraversarono le abitazioni di fortuna mentre auto rovesciate e frammenti di metallo contorto ammucchiavano il terreno.

Il gruppo di aiuto è arrivato in prossimità del campo nei giorni scorsi e il suo capo, David Eubank, ha detto all’AFP che circa duemila persone potrebbero rimanere ancora all’interno di Baghuz.

L’analista Mutlu Civiroglu, sul terreno nella Siria orientale, ha dichiarato all’AFP che ISISha cercato di nascondere i suoi numeri.

Hanno regolarmente “liberato un certo numero di persone, inclusi i combattenti, in quantità controllate” nel tentativo di guadagnare tempo, ha detto.

“Se davvero volevano arrendersi, avrebbero … e se volevano combattere di nuovo, avrebbero potuto”, ha aggiunto.

Il ritardo era “uno sforzo deliberato, forse per prepararsi a qualcos’altro … ma non è chiaro”.

fonte: Dylan Collins – Agence France-Presse (https://www.thejakartapost.com/news/2019/03/09/never-ending-numbers-in-last-is-scrap-shock-us-backed-fighters.html)

Una fonte locale nella provincia di Deir-ez-Zor ha riferito sul social network Twitter (@ahmadalissa) che le forze aeree internazionali della coalizione continuano a colpire il distretto di Al-Baguz nell’est della regione usando bombe al fosforo bianco. Secondo le informazioni del canale militare di Twitter (@ Majakovsk73), nell’area colpita ci sono ancora civili che sono ancora nascosti nella zona dai terroristi dello Stato Islamico come scudi umani. L’autore della pubblicazione ha affermato che un numero sconosciuto di militanti ISIS ancora si nasconde nei tunnel sotterranei di Al-Baguz.