Il villaggio cristiano siriano di Kessab attende la fine dell’occupazione di Al Qaeda di Idlib

La maggior parte degli abitanti di Idlib non sono gli originali residenti. E’ accaduto come per gli abitanti di Kessab ove trecento sono fuggite trovando un primo riparo nella parrocchia armena ortodossa nella città di Latakia (agenzia Fides). Sul piano storico, gli armeni di Kessab, insieme a quelli di Jebel Musa, appena al di là del confine, rappresentano ciò che rimane del vecchio Regno di Cilicia, dopo il massacro ad opera dei Giovani Turchi che sterminò 1,2 milioni di persone.

@vietatoparlare

Il villaggio cristiano siriano di Kessab attende la fine dell’occupazione di Al Qaeda di Idlib

di Steven Sahiounie, giornalista e commentatore politico

I media occidentali si sono concentrati su Idlib come l’ultima area ribelle detenuta in Siria; tuttavia, è detenuta da Al Qaeda , non dai ribelli siriani. I ribelli siriani, noti anche come ” Esercito siriano libero “, cessarono di esistere anni fa, quando i terroristi di Al Qaeda arrivarono attraverso la Turchia, sostenuti dal blocco USA-NATO-UE .

I media occidentali si sono concentrati solo sulla sofferenza dei civili a Idlib; tuttavia, non riconoscono che i civili non provengono da Idlib. I residenti originali di Idlib se ne andarono anni prima quando i terroristi occuparono l’area. La gente di Idlib è fuggita per la propria vita, lasciandosi alle spalle oliveti, colture, case coloniche, negozi e attività commerciali. I proprietari di case Idlib stanno aspettando di tornare, ma non possono prima che i terroristi vengano rimossi.

I terroristi hanno preso loro tutto e hanno promesso di trasformare Idlib in uno ” Stato islamico ” in una provincia agricola al confine con la Turchia. Quel confine era necessario per il loro piano perché oltre quel confine arrivano i loro fondi, combattenti, armi, cibo e aiuti umanitari per nutrire e vestire le loro famiglie e, cosa altrettanto importante, oltre quel confine arrivano centinaia di giornalisti occidentali che difenderanno i terroristi e scriveranno un lato della storia siriana per lasciare il lettore convinto che tutti dovrebbero fare il tifo affinchè Al Qaeda vinca la guerra.

Tuttavia, quei giornalisti non si preoccupano mai di informare i loro lettori dei cittadini siriani, i vicini di Idlib, che sono stati mutilati, violentati e massacrati dai terroristi di Idlib. Questi sono i siriani che stanno pregando affinché l’esercito arabo siriano e i loro alleati russi avanzino e sconfiggano i terroristi. Questi sono cristiani armeni di Kessab che sono stati sfollati e alcuni vivono da rifugiati senza un soldo in paesi stranieri, e potrebbero non vedere mai più la loro casa. Kessab potrebbe non essere più ripresa. La sua eredità armena potrebbe andare perduta nei libri di storia. Kessab non è sicura perché si trova accanto a Idlib ed è stata un bersaglio continuo degli attacchi missilistici di Al Qaeda da Idlib.

Lillian Martin è una cittadina americana originaria di Fresno, in California. Suo marito è siriano e hanno costruito la loro casa a Kessab. Decenni di duro lavoro e il pagamento delle tasse a “Zio Sam” avevano permesso di acquistare la loro casa a Kessab che i terroristi sponsorizzati dagli Stati Uniti hanno attaccato, occupato e distrutto nel marzo 2014.

Non possiamo riparare la nostra casa, e nessuno dei miei vicini , perché siamo tenuti in ostaggio dai terroristi di Al Qaeda a Idlib. Non possiamo riparare e vivere in Kessab fino a quando Idlib non sarà occupata. Preghiamo per la riconquista militare di Idlib, che sia completato il lavoro di sconfiggere i terroristi. Tutti i giornalisti vanno su Idlib illegalmente e scrivono articoli basati su ciò che i loro ospiti, i terroristi, hanno detto loro. E la mia storia? E i miei vicini che non possono vivere nella propria casa, non possono lavorare nella loro fattoria o negozio a causa del fatto che Al Qaeda ci lancia continuamente missili? Dov’è la  giustizia? Chi racconterà la mia storia? “

Anche Karnik è un cittadino americano. I terroristi hanno distrutto la sua casa e gli affari. Sua moglie e i suoi figli piccoli sono siriani nati a Kessab. Si recarono all’ambasciata degli Stati Uniti a Beirut numerose volte chiedendo un visto per sua moglie e passaporti americani per i  figli piccoli, in base al fatto che il padre era un cittadino americano. Ma il visto fu negato a tutti, anche se si trovavano in una zona di guerra e avevano perso tutto ciò che possedevano. Voleva portare moglie e figli negli Stati Uniti e lì iniziare una nuova vita , ma il governo americano ha rifiutato di consentire alla sua famiglia di essere unita e al sicuro. Alla fine, moglie e figli sono partiti per l’unico paese che avrebbe concesso loro la cittadinanza, l’Armenia. Lui è rimasto a Latakia e ha trovato lavoro, sperando che una volta ripresa Idlib possano tornare a essere una famiglia a Kessab.

Tutto è iniziato la festa della mamma, il 21 marzo 2014, nel villaggio cristiano armeno di Kessab, in Siria. I residenti erano principalmente agricoltori, negozianti e coinvolti nel settore turistico. La festa della mamma in Siria è una delle festività più importanti e raggiunge tutte le religioni e sette, unendo tutti i siriani.

Erano appena le 6 del mattino e la maggior parte dormiva ancora. I piatti, le torte e le prelibatezze da distribuire quel pomeriggio per la tradizionale riunione di famiglia dovevano ancora essere preparati, ma erano stati ben programmati in anticipo tra le molte figlie, le suocere, le madri e le mogli. Doveva essere una felice occasione in famiglia; ma, invece, fu trasformato in un incubo di pistole, terroristi barbuti, sangue, morte e fu la fine della vita così come conosciuta a Kessab da secoli. Entro la fine di quel giorno, molti residenti sarebbero rimasti feriti, traumatizzati e non avrebbero mai più visto la loro casa. La loro vita di rifugiati erranti è iniziata alle 6 del mattino e Kessab e da allora non è più cessata.

Nell’agosto del 2014 il dott. Declan Hayes, un accademico, autore e attivista per la pace ha visitato Kessab dalla sua nativa Irlanda. Ha trascorso diversi giorni a intervistare personalmente i sopravvissuti. Hanno riferito che il primo suono che sentirono furono gli elicotteri. I terroristi di Al Qaeda sostenuti dall’amministrazione Obama, dalla NATO e dall’UE non avevano agli elicotteri; avevano solo pistole, munizioni e artiglieria pesante come razzi, missili e mortai. Il suono distintivo di un elicottero che sorvolava alle 6 di domenica mattina è un suono che non dimenticheranno mai.

Quell’elicottero era dell’esercito turco, intervenuto su ordine diretto del presidente Erdogan, per assistere i terroristi di Al Qaeda che presto si stavano riversando attraverso il confine dalla Turchia. L’opposizione USA-NATO-UE con sede a Istanbul, immediatamente pubblicò sul loro sito ufficiale, “Congratulazioni alle truppe vittoriose che hanno conquistato Kessab, la porta di accesso a Latakia. Il regime cadrà molto presto. “Ahmed Jarba , capo della Coalizione Nazionale Siriana, ala politica dell’Esercito siriano libero, si recò a Kessab e ottenne la vittoria il 1 ° aprile 2014, e il 14 maggio era seduto nell’ufficio ovale alla Casa Bianca con il Presidente Obama, Susan Rice e John Kerry.

Il 23enne Kevork Jourian è stato assassinato dai terroristi, anche se era disarmato e stava cercando di difendere i suoi genitori. Hanno implorato i terroristi di permettere loro di seppellire il figlio, hanno rifiutato e hanno detto che volevano che i cani mangiassero il cadavere armeno.

Più tardi, Samantha Power , allora ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, affermò che i terroristi che avevano distrutto Kessab non erano sotto la direzione degli Stati Uniti, rifiutando di riconoscere che “L’ esercito siriano libero” sponsorizzato dagli USA insieme ad Al Qaeda erano i terroristi che avevano invaso Kessab.

I residenti fuggirono temendo per la loro vita; tuttavia, quelli molto anziani che non erano mobili rimasero indietro. 21 residenti molto anziani furono lasciati prigionieri dei terroristi islamici radicali che alla fine li trasportarono attraverso il confine fino a Vikifli, in Turchia, dove rimasero in ostaggio contro la loro volontà per 3 mesi. Il 1 ° aprile 2014, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Turchia, Francis J. Ricciardone, Jr, arrivò per visitare gli ostaggi detenuti dai terroristi sponsorizzati dagli Stati Uniti. Era arrivato con una domanda da porre: ”Qualcuno degli anziani è cittadino statunitense?”

Dopo aver sentito di di no, li lasciò prigionieri in un paese straniero, anche dopo che loro avevano chiesto  ripetutamente al suo traduttore, Khalil Nezar, di poter andare a Latakia, dove le loro famiglie si erano rifugiati. Infine, l’esercito arabo siriano, assistito da commando armeni inviati dall’Armenia, liberò  il villaggio il 15 giugno 2014. Erano trascorsi 3 mesi, durante i quali i terroristi avevano bruciato tutte e 3 le chiese , avevano scavato i cimiteri in cerca di anelli d’oro, distrutto la preziosa biblioteca della chiesa cattolica, rubato le antichità raccolte dal prete cattolico padre Louisian e scavato le ossa del prete cattolico sepolte all’ingresso della chiesa. Erdogan mandò a malincuore gli anziani ostaggi a Beirut in aereo, ma non prima che uno di loro fosse morto in cattività. Kessab attende con impazienza la liberazioneo di Idlib, per poter  finalmente iniziare la ricostruzione e il reimpianto di Kessab.

Fonte:https://www.mideastdiscourse.com/2020/03/10/syrian-christian-village-awaits-the-end-of-al-qaedas-occupation-of-idlib/