Home Cultura e Società Chiesa Il Patriarcato Latino di Gerusalemme e gli “arabi palestinesi cristiani che sono...

Il Patriarcato Latino di Gerusalemme e gli “arabi palestinesi cristiani che sono cittadini dello Stato di Israele”

0

Nel 2014, il Patriarcato cattolico ha sottolineato che i cristiani israeliani sono, in realtà, anche palestinesi. Questa distinzione può sembrare più di natura politica che altro agli occhi di un occidentale, ma sembra riflettere un atto di solidarietà e diplomazia verso i palestinesi musulmani più che un ragionamento strettamente politico.

Tuttavia, questa questione solleva un dilemma interessante: se i palestinesi vivono in un contesto che alcuni considerano un regime di apartheid, allora perché i cristiani palestinesi dovrebbero preferire essere considerati politicamente palestinesi?

È importante notare che questo riconoscimento automatico comporterebbe l’obbligo di prestare servizio nell’esercito israeliano, ma potrebbe anche accadere l’opposto, ovvero che essi possano prestare servizio in un eventuale futuro stato palestinese.

Questa complessità solleva interrogativi sulla posizione politica dei cristiani in una situazione in cui la Chiesa sostiene l’esistenza di due stati sovrani. A chi appartengono politicamente i cristiani in una situazione di questo genere di sempre latente conflitto?

Ma ecco il testo nella spiegazione del Patriarcato Latino di Gerusalemme:

TERRA SANTA – Marzo 2014. L’Assemblea degli Ordinari Cattolici ha approvato un documento pubblicato dalla Commissione Giustizia e Pace sul progetto di legge della Knesset che si appresta a introdurre una distinzione tra palestinesi cristiani e musulmani, affermando che i palestinesi cristiani sono cristiani e non palestinesi . Una delle conseguenze di questa campagna sarà l’arruolamento di cristiani palestinesi nell’esercito israeliano.

I politici israeliani insistono sempre più sul fatto che i palestinesi cristiani non sono arabi e non fanno parte del popolo palestinese. Ciò è stato espresso nella campagna per arruolare i cristiani palestinesi nell’esercito israeliano e più recentemente in una legge proposta dal membro della Knesset Yariv Levin, che introduce una distinzione tra palestinesi cristiani e musulmani e afferma che i palestinesi cristiani sono cristiani e non palestinesi.

Noi, capi della Chiesa cattolica in Israele, vorremmo chiarire che non è diritto né dovere delle autorità civili israeliane dirci chi siamo. In effetti, la maggior parte dei nostri fedeli in Israele sono arabi palestinesi. Ovviamente anche loro sono cristiani. Sono anche cittadini dello Stato di Israele. Non vediamo alcuna contraddizione in questa definizione di identità: arabi palestinesi cristiani che sono cittadini dello Stato di Israele.

Rivolgiamo le nostre parole a tutti i cristiani palestinesi, sia in Israele che in Palestina e ovunque si trovino nel mondo. Sono tutti, ovunque si trovino, palestinesi, cristiani e cittadini.

In effetti, ci sono alcuni cristiani in Israele, una piccola minoranza marginale, che sostengono questa campagna per ridefinire la nostra identità. Se lo facciano per interesse personale, paura o sogno di piena uguaglianza, non possiamo dirlo. Dobbiamo però sottolineare che essi non possono pretendere di essere i portavoce dei cristiani palestinesi in Israele.

Le genti di questa terra, ebrei, cristiani, musulmani e drusi, vivono qui da secoli e hanno conosciuto successivi governi. Cristiani, musulmani e drusi insieme (e anche alcuni ebrei che hanno  sempre  vissuto nella terra) insistono sul fatto che la loro identità comune condivisa, che si è sviluppata nel corso dei secoli, è palestinese.

Questa campagna ha chiaramente come scopo quello di dividere i cristiani dai loro compatrioti musulmani. Tuttavia, è altrettanto pericoloso perché dividerà ancora di più i cristiani tra loro.

Se la Knesset cerca davvero il bene dei cittadini di Israele, dovrebbe investire ogni sforzo per legiferare leggi che eliminino la discriminazione, sia contro ebrei o arabi, cristiani, musulmani o drusi. Nel creare una società che unisca tutti i cittadini nell’uguaglianza e si impegni per la giustizia e la pace, non ci sarà più motivo di temere per nessuno e israeliani e palestinesi, cristiani, musulmani e drusi potranno vivere insieme nel rispetto e nella dignità reciproci, lavorando insieme per costruire un futuro migliore.

Commissione Giustizia e Pace e Assemblea degli Ordinari Cattolici di Terra Santa

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version