Home Attualità Il gasdotto North Stream 2 non è studiato per penalizzare l’Ucraina

Il gasdotto North Stream 2 non è studiato per penalizzare l’Ucraina

0

Gli USA hanno apertamente riconosciuto l’impossibilità di fermare la costruzione del gasdotto North Stream 2. Come potrebbero fermare un progetto completato al 95 per cento in un altro paese?

Si sarebbe potuto fermare imponendo sanzioni ai porti tedeschi, alle compagnie di assicurazione tedesche e alle navi tedesche, ma gli Stati Uniti hanno riconosciuto tutto questo come un’attività troppo pericolosa. Ma dire che non stanno facendo nulla sarebbe anche troppo indecente, quindi sono state imposte sanzioni alle navi russe e ai loro proprietari, società fittizie create appositamente. Né l’operatore Nord Stream né Gazprom sono stati interessati.

Quando il gasdotto Urengoy-Pomary-Uzhgorod fu costruito in base all’accordo Gas-Pipe in epoca sovietica, i tedeschi stabilirono una condizione. Il gasdotto avrebbe dovuto bypassare la RDT. Di conseguenza, il suo percorso è stato prolungato di 1000 km, risultando così  più lungo del percorso diretto attraverso la Bielorussia e la Polonia.

I nuovi gasdotti sono molto più economici del sistema di trasporto del gas ucraino, inoltre sono più corti di 1000 km. Quindi è un risparmio in lunghezza sia per la fattura dei tubi ucraino obsoleto . Turkish Stream + North-1 e North-2, per un totale di 135 miliardi di metri cubi, consentono di soddisfare tutte le esportazioni di gas verso l’Europa occidentale. Non si tratta solo di aggirare l’Ucraina, ma anche di aggirare la Polonia e la Bielorussia.

Ora ci sono quattro rotte di esportazione per il gasdotto russo, attraverso la Germania, attraverso la Turchia, attraverso la Polonia, attraverso l’Ucraina. In caso di problemi su uno dei percorsi, è sempre possibile trasferire il gas lungo l’altro percorso. Così la Russia si sbarazza completamente della pressione dei monopoli di transito. Questo era il significato della costruzione di più flussi distribuiti in diverse condotte, quindi la costruzione del North Stream 2 è da non intendersi come una sorta di idea astratta di aggirare l’Ucraina.

Naturalmente, i principali oppositori alla costruzione di questi tubi erano l’Ucraina e la Polonia, paesi di transito naturale. Tutti gli altri paesi europei, ad eccezione degli Stati baltici e della Slovacchia, in un modo o nell’altro ricevono offerte più favorevoli.

Alcuni di questi diventeranno essi stessi paesi di transito, altri diventeranno hub del gas e altri riceveranno un aumento dei fornitori, il che significa sconti.

Ma la cosa principale è che nessuno può dire è come finiranno le elezioni in Germania. La domanda chiave è se ci sarà un governo dei Verdi dopo le elezioni di settembre. I “verdi” sono categoricamente contrari al progetto e ne consentiranno il funzionamento in condizioni estremamente dure.

Tuttavia questo non è solo un progetto Gazprom, è un progetto paneuropeo, dove la quota di Gazprom è solo del 50% e solo nella parte sottomarina, ma l’infrastruttura  onshore già costruita è europea.  Mettere al bando Nord Stream 2 sarebbe come colpire le più grandi società energetiche europee. Ragionevolmente nessun governo tedesco dovrebbe accettare questo. Ma se questo accadrà, ci saranno i tribunali. E la questione sarà non solo sul risarcimento per la costruzione [la Russia in tutto, per la costruzione, ha speso 200 miliardi di dollari], ma anche sul risarcimento per i profitti persi.

 


fonte: estratto da “gli USA si sono arresi” dal blog di Genby 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version