I vescovi africani: “Giovani non emigrate, non lasciatevi ingannare da false promesse”

Ancora una volta la Chiesa ha preso la parola in Africa per raccomandare ai giovani di non emigrare clandestinamente. Nei giorni scorsi a intervenire sul fenomeno dell’emigrazione illegale è stata la Cerao, la Conferenza Episcopale Regionale dell’Africa Occidentale, riunita dal 13 al 20 maggio nella capitale del Burkina Faso, Ouagadougou, per la sua terza Assemblea plenaria, dedicata a “Nuova evangelizzazione e sviluppo umano integrale nella Chiesa”. I prelati hanno rilasciato una dichiarazione comune, un testo contenente sette punti di riflessione “sulla precarietà dei popoli africani, il loro desiderio di vivere una vita dignitosa in un’Africa ricca delle proprie risorse naturali”.

Indirizzandosi ai giovani, “non lasciatevi ingannare dalle false promesse che vi porteranno alla schiavitù e a un futuro illusorio, con il duro lavoro e la perseveranza ce la potete fare anche in Africa e, cosa più importante, potete rendere questo continente una terra prospera”.

“Voi rappresentate il presente e il futuro dell’Africa, che deve lottare con tutte le sue risorse per la dignità e la felicità dei suoi figli e figlie. I nostri cuori di pastori e padri soffrono davanti allo spettacolo di imbarcazioni sovraccariche di giovani, donne e bambini che si perdono tra le onde del Mediterraneo. Certo noi comprendiamo la vostra sete di felicità e di benessere che i vostri paesi non vi offrono. La disoccupazione, la miseria, la povertà sono mali che umiliano e ai quali ci si ribella. Tuttavia non devono indurvi a sacrificare le vostre vite lungo strade pericolose e destinazioni incerte”.

Messaggio pastorale

Cardinali, Arcivescovi e Vescovi della Conferenza Episcopale Regionale dell’Africa Occidentale (RECOWA / CERAO) al Popolo di Dio e persone di buona volontà, al termine della loro terza Assemblea Plenaria svoltasi a Ouagadougou, Burkina Faso , Dal 13 al 20 maggio 2019.


Cari fratelli nel sacerdozio ministeriale,

Cari fratelli e sorelle della vita consacrata,

Cari fedeli laici,

Tutti voi, uomini e donne di buona volontà,


Saluti


1. Mentre concludiamo la nostra Terza Assemblea Plenaria su “La nuova evangelizzazione e la promozione dello sviluppo umano integrale nella Chiesa-Famiglia di Dio nell’Africa occidentale”, siamo lieti di inviare questo messaggio di pace, di incoraggiamento e speranza.

[…]

La nostra missione alla sequela di Cristo

6. Siamo discepoli di Cristo e nulla ci impedirà di seguire il suo esempio. Inviato dal Padre, “non per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di Lui” (Gv 3:17), Gesù ci ha rivelato il volto misericordioso di questo Padre che, già in Esodo, si fa conoscere da Mosè come colui che ha visto la miseria del suo popolo, che ha sentito le sue grida di angoscia ed èsceso per salvarlo (Es 3: 7-8).

7. Inaugurando la pienezza dei tempi e l’oggi della salvezza, Gesù si è presentato nella sinagoga di Nazareth come il Profeta inviato per chinarsi sulle miserie umane. Come tale, rivelò la sua identità e missione come “ ha consacrato con l’unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione  per rimettere in libertà gli oppressi,  e predicare un anno di grazia del Signore“(Lc 4,18-19, vedere Is 61,1-2a).

8. Così impegnato per gli uomini e le donne nelle loro più profonde aspirazioni, Gesù ha offerto alla Chiesa e ai suoi pastori il modello del proprio ministero per la promozione dello sviluppo integrale della persona umana. Questo è il motivo per cui anche noi, perseguendo l’opera del nostro Divino Maestro e Signore, vogliamo stare dalla parte di tutti coloro che soffrono, rendendo le nostre gioie e le loro speranze, le loro ansie e le loro pene (vedi Gaudium et spes1 ).

Le situazioni inquietanti nella nostra sub regione

[...]

Sfortunatamente, negli ultimi anni ci sono state minacce inaspettate, tragedie senza precedenti e nuovi disastri che cercano di annientare tutti questi sforzi per lo sviluppo sociale e il progresso umano.

10. Questi drammi hanno molte sfaccettature: epidemie incontrollabili, disastri ecologici, nuovi focolai di tensioni sociali con violenze intercomunitarie e interreligiose che contrastano con le antiche tradizioni di tolleranza e ospitalità, elezioni organizzate in condizioni caotiche che portano a crisi mortali, attacchi alla democrazia, riconciliazioni nazionali difficili da raggiungere, nuove forme di terrorismo interno agli Stati o alle frontiere che colpiscono alla cieca, il dramma della migrazione che colpisce in particolare giovani africani attratti dalla sete di una vita migliore interrotta bruscamente tra le onde del Mediterraneo o nel deserto libico, lo sviluppo di nuove forme di povertà e miseria che colpiscono i più svantaggiati nonostante la nostra ricchezza naturale e umano, la politicizzazione dello spazio scolastico e dell’universo misura sanitaria.

Nuova evangelizzazione e sviluppo

11. In questo contesto, noi, vescovi della regione RECOWA / CERAO, riuniti nello spirito della collegialità episcopale e della Chiesa-Famiglia di Dio in Africa, ribadiamo che la nostra principale responsabilità è “annunciare a mondo la speranza, a partire dalla predicazione del Vangelo di Gesù Cristo, non soltanto la speranza che riguarda le realtà presenti, ma prima di tutto e soprattutto la speranza escatologica, quella che aspira al tesoro della gloria di Dio, ciò che supera tutto ciò che il cuore dell’uomo non aveva immaginato e al quale le sofferenze del tempo presente non possono essere paragonate “(PastoresGregis 3).

[…]

Rinnovando la nostra missione di profeti, testimoni e servitori della speranza, già accogliendo i frutti dello Spirito promessi dal Risorto e conferiti ai suoi discepoli a Pentecoste, vogliamo unirci fraternamente a ciascuno di voi, i nostri fratelli e sorelle. Per voi, a nome di Cristo e della sua Chiesa, abbiamo un messaggio: la Buona Novella.

Ai sacerdoti e ai consacrati

13. La nuova evangelizzazione ci chiama a nuove scelte e nuovi atteggiamenti. Nella situazione attuale del nostro continente, la Chiesa deve essere un segno di speranza, un luogo di unità della famiglia umana desiderato da Dio Padre e riunito dal prezioso sangue di suo Figlio Gesù Cristo. Per farlo, ha bisogno di pastori credibili, testimoni che proclamino il Vangelo non solo a parole, ma anche e soprattutto nella testimonianza della propria vita.

La Chiesa in Africa non può essere un segno di speranza se coloro che animano la sua vita e le danno un volto concreto non sono credibili. Chiediamo la consapevolezza di ciò che i pastori sono chiamati ad essere riguardo alla fiducia che Cristo ha riposto in loro, “il sale della terra … e la luce del mondo” (Mt 5 13-14).

14. In modo particolare, vi esortiamo a dare ai giovani il loro giusto posto nella Chiesa e nella società. Mettiamoci a loro disposizione per ascoltarli, per accompagnarli coltivando in loro l’amore del nostro continente e il senso del dovere ben compiuto. Rendiamoli più consapevoli dei pericoli dell’emigrazione irregolare. Aiutiamoli a credere in se stessi e nella loro capacità di riuscire bene nella vita in Africa.

Accogliamoli quando sono in una situazione precaria e offriamo loro un accompagnamento pastorale e spirituale. Aiutiamoli a trovare opportunità per guadagnarsi da vivere. Per tutti quelli che tornano da una sfortunata esperienza di emigrazione, lavoriamo perché possano sempre trovare nella Chiesa un’accoglienza pastorale e spirituale che permetta loro di reintegrarsi nel loro paese e nella loro comunità ecclesiale per vivere pienamente la loro fede.

[…]

Ai nostri giovani: forze vitali dei nostri paesi

16. Voi rappresentate il presente e il futuro dell’Africa, che deve lottare con tutte le sue risorse per la dignità e la felicità dei suoi figli e figlie. In questo contesto, non possiamo tacere sul fenomeno delle vostre migrazioni, in particolare verso l’Europa. I nostri cuori come pastori e padri soffrono nel vedere queste barche sovraccariche di giovani, donne e bambini che si perdono tra le onde del Mediterraneo.

Certo, comprendiamo la vostra sete di quella felicità e benessere che i vostri paesi non vi offrono. Disoccupazione, miseria, povertà rimangono mali che umiliano e si ribellano. Tuttavia, non devono portarvi a sacrificare la propria vita lungo strade pericolose e destinazioni incerte. Non lasciateviingannare dalle false promesse che vi porteranno alla schiavitù e ad un futuro illusorio! Con il duro lavoro e la perseveranza ce la potete fare anche in Africa e, cosa più importante, potete rendere questo continente una terra prospera.

Ai governanti e ai politici

17. Nel nome di Cristo, salutiamo con rispetto il vostro impegno e la vostra missione al servizio dei nostri popoli in un contesto internazionale tra i più delicati e complessi. […]

18. In questo periodo particolarmente delicato del camminodel nostro continente che affronta le sfide della globalizzazione, la vostra responsabilità è impegnativa e la vostra missione è diventata più esigente poiché è vero che le vostre scelte politiche condizionano il presente e il futuro di milioni di persone. Persone di cui siete responsabili.

Le molteplici e sfaccettate sfide che i nostri paesi affrontano in termini di sviluppo, salvaguardia dell’ambiente e del pianeta, creazione di opportunità per i giovani, formazione adeguata dei cittadini, riconciliazione, giustizia e pace , richiedono da parte vostra un impegno senza riserve. Dio ha benedetto l’Africa e l’ha dotata di tanta ricchezza umana e naturale che essa può offrire a tutti i suoi figli ciò di cui hanno bisogno.

19. Con voi e per voinoi preghiamo che i privilegi e gli interessi personali non abbiano la meglio nei vostri cuori, ma che vi facciano assolvere il vostrincarico, dando la massima priorità al bene comune, in uno spirito di servizio allo stesso modo di Gesù Cristo, che “non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita inriscatto per molti” (Mc 10,45).

In questo senso, vi esortiamo a combattere tutto ciò che mette in pericolo il bene comune e mina la dignità della persona umana: corruzione, cattiva gestione e traffico di esseri umani in tutte le sue forme. Inoltre, non dovete mai tralasciare i vostri sforzi per garantire la sicurezza della vita e della proprietà dei vostri concittadini.

Questo è il vostro primo dovere. Siamo consapevoli che questa grande sfida da cui dipende il successo dei vari piani strategici di sviluppo dei nostri paesi non è facile. Viincoraggiamo ad unire le vostre forze insieme nella sottoregione (l’intelligence e le forze di difesa) per affrontare questo nemico comune del benessere degli africani.

[…]

21. Chiediamo un ordine internazionale più giusto in modo che il nostro continente non sia continuamente saccheggiato a beneficio di una minoranza. Sosteniamo una migliore distribuzione della ricchezza del mondo, una più giusta remunerazione degli sforzi di ciascuno, di una vera giustizia sociale e all’interno dei nostri Stati come a livello delle relazioni internazionali.

Riconoscimenti e preghiera

22. Al termine della nostra Assemblea, un vero momento di grazia, desideriamo esprimere la nostra sincera gratitudine a Dio e alla Chiesa-Famiglia di Dio in Burkina-Niger, alle più alte autorità politiche, civili e amministrative, in particolare al Presidente del Burkina Faso, alle Forze di difesa e sicurezza, a tutto il comitato organizzatore, ai partner, agli uomini e alle donne dei media e a tutti voi che ci avete accompagnato con le vostre preghiere e i vostri servizi.

23. Facciamo affidamento sulla promessa di Cristo che vive con noi fino alla fine dei tempi (vedi Mt 28,20), vi invitiamo a mantenere la speranza. Con tutto il cuore, vi benediciamo evi affidiamo alla materna protezione di Maria Nostra Signora d’Africa.

Ouagadougou, il 19 maggio 2019.

I vescovi di RECOWA-CERAO

Preambolo

Noi, vescovi cattolici delle Conferenze episcopali dell’Africa occidentale, (CERAO), abbiamo tenuto la nostra terza assemblea plenaria, dal 13 al 20 maggio 2019 presso il Centro Cardinale Nazionale Paul Zoungrana (CNCPZ) a Ouagadougou, Burkina Faso. tema: “La nuova evangelizzazione e la promozione dello sviluppo umano integrale nella Chiesa famiglia di Dio nell’Africa occidentale”.

Consapevoli delle realtà e delle emergenze che attualmente caratterizzano il nostro continente africano e più in particolare la nostra sottoregione, abbiamo organizzato seminari e workshop sui seguenti sotto-temi: “Gioventù, fede e migrazione: il ruolo della famiglia del “Chiesa di Dio nell’Africa occidentale” e “Sviluppo umano integrale e servizio sociale nella Chiesa – Famiglia di Dio nell’Africa occidentale”. Alla fine della nostra riunione plenaria, pubblichiamo il seguente comunicato:

1. Ringraziamenti

Rendiamo grazie a Dio, Padre onnipotente, che ci ha dato ogni successo con le sue buone azioni. Accogliamo calorosamente la calda accoglienza che ci è stata data dalla Conferenza dei vescovi cattolici del Burkina Faso e del Niger e dal popolo di Dio che hanno contribuito al successo del nostro incontro. 

[…]

Ringraziamo inoltre in particolare i due rappresentanti della Sezione dei migranti e dei rifugiati del Dicastero dello Sviluppo Umano Integrale, i Reverendi Padri Lambert TONAMOUR e Ikenna IKECHI che ci insegnano sui loro argomenti. I loro interventi hanno provocato molte domande e risoluzioni per un approccio migliore.

2. Terrorismo e sicurezza

Esprimiamo la nostra solidarietà ai governi e ai cittadini del Burkina Faso, del Niger, del Mali e della Nigeria che, durante la nostra assemblea, hanno sperimentato gli orrori e la violenza degli attacchi terroristici.

Denunciamo tutte le forme di terrorismo e violenza che continuano a infliggere dolore e dolore alle nostre famiglie, ai nostri popoli, qualunque sia la ragione.

La vera religione rispetta la santità della vita e non si impone a nessuno. Chiediamo che sia la libertà di religione e movimento sia protetta dalla legge, e chiediamo ai nostri governi di garantire la sicurezza della vita e della proprietà nel nostro continente, in particolare nella sub-regione dell’Africa occidentale. Preghiamo che Dio conceda il riposo eterno a tutte le vittime dei recenti attacchi e consoli tutti coloro che sono in lutto.

3. Migrazione, gioventù e buon governo

Esprimiamo la nostra profonda preoccupazione per il fenomeno della migrazione irregolare e del problema dei rifugiati che hanno causato tanta sofferenza, dolore e persino morte per centinaia di nostri fratelli e sorelle, specialmente giovani. È triste notare che molti, nella loro ricerca di migliori condizioni di vita, sono stati vittime di rapitori, commercianti di schiavi. Molti sono morti in alto mare o nel deserto. Non dobbiamo permettere che una tale tragedia continui.

Le cause principali di queste disgrazie sono la scarsa governance, l’insicurezza, l’istruzione disfunzionale e la mancanza di opportunità di lavoro nella sub-regione.

Chiediamo ai nostri governi di promuovere una nuova cultura di leadership nel servizio, nella giustizia, nel patriottismo e di creare un ambiente favorevole affinché gli africani possano vivere e prosperare nel nostro continente.

Dichiariamo che migranti e rifugiati africani costituiscono capitale umano e ricche risorse spirituali per i paesi verso cui emigrano.

Chiediamo quindi che la dignità dei migranti e dei rifugiati sia rispettata ovunque e sempre.

Noi sollecitiamo per loro una migliore accoglienza e cura pastorale, affinché possano essere aiutati a integrarsi nella società ospitante.

Esortiamo i nostri giovani a impegnarsi in iniziative legali, ovunque si trovino, ricordiamo loro il loro dovere di rimanere saldi nella loro fede e li esortiamo ad essere agenti di evangelizzazione al servizio della Buona Novella. Da parte nostra, ci impegniamo a fornire loro una migliore formazione pastorale e spirituale, in collaborazione con altre religioni e denominazioni nella nostra subregione.

[…]

5. Sviluppo umano integrale e imprenditorialità

Come Vescovi di CERAO, ci impegniamo a perseguire lo sviluppo integrale della nostra gente attraverso l’educazione. Desideriamo lavorare con tutti gli attori politici e sociali, le organizzazioni religiose, i giovani, le donne, gli uomini e tutte le persone di buona volontà per realizzare la visione dello Sviluppo Umano Integrale.

Come segno di questo impegno, abbiamo tenuto seminari sull’imprenditorialità per consentire alla Chiesa di potenziare i bisognosi nelle nostre società. Speriamo di ridurre povertà, criminalità, disperazione e disoccupazione soprattutto tra i giovani.

6. Il messaggio della gioventù

 

Salutiamo il messaggio consegnato all’assemblea da una delegazione di giovani cattolici accompagnati dai loro sacerdoti cappellani. Da loro conserviamo alcune chiamate per dare ai giovani africani il posto giusto nella Chiesa e nella società, attraverso una conversione culturale, pastorale, missionaria e spirituale.

[…].

Conclusione

Invitiamo tutti i nostri fedeli a rimanere fermi e pieni di speranza nella preghiera, perché Dio stabilirà la pace e salverà il suo popolo.”Popolo di Sion che abiti in Gerusalemme, tu non dovrai più piangere; a un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta.  (Is30,19). Maria, Vergine Maria d’Africa, interceda per tutti noi perché confidiamo in Gesù Cristo nostro Salvatore. Amen

Ouagadougou, il 19 maggio 2019

qui il testo integrale in francese: https://fr.allafrica.com/stories/201905210275.html

fonte https://www.cadjos.org

articoli correlati: “Giovani non emigrate”. L’appello che la Cei non sente (Nuova Bussola Quotidiana)