I curdi siriani sono in procinto di raggiungere un accordo con Damasco attraverso la mediazione della Russia

Sulla CNN,  Ghazi Balkiz e Schams Elwazer  riferiscono che la coalizione di governo nella regione autonoma curata dai curdi nel nord della Siria è in procinto di concordare “un memorandum d’intesa con la Federazione russa “, riprendendo una dichiarazione della coalizione.

” Il memorandum stabilisce che tutti dovrebbero essere coinvolti nella protezione della frontiera, consentendo quindi la presenza di membri dell’esercito governativo alla frontiera e l’avvio di compiti di protezione congiunti con la SDF “, Ha affermato, riferendosi a un accordo raggiunto con il governo del presidente siriano Bashar al-Assad per inviare truppe dell’esercito nella zona di confine settentrionale con la Turchia per la prima volta dopo anni.

“Nello stesso tempo, ciò non contraddice il progetto dell’Autogestione, poiché la protezione dei confini è un dovere di tutti i siriani“, recita la nota.

La dichiarazione continua affermando che

“questa comprensione è preliminare e le priorità sono di prevenire l’attacco turco – e le discussioni continuano con la prospettiva di futura comprensione reciproca.”
Stiamo parlando di un meccanismo comune di protezione delle frontiere. Nel caso di scongiurare la minaccia turca, il resto della questione può essere discusso con una garanzia russa “, ha aggiunto.

Tutto ciò, a me pare  evanescente. La ragione è che nell’accordo non si parla del futuro status della regione autonoma curda. Inoltre, non è chiaro come il governo siriano possa pretendere – con le proprie forze dimezzate da 8 anni di guerra – di far paura ai turchi (che costituiscono il 2° esercito della Nato).

Ovviamente non è questo il tipo di approccio idoneo ad affrontare il problema . Solo un miracolo potrebbe convincere Ankara di permettere che la difesa della frontiera siriana sia co-gestita dall’esercito siriano con quelli che Ankara chiama ‘terroristi”.

La soluzione lineare invece,  sarebbe quella della cessione dell’ intera difesa frontaliera e regionale alle sole forze armate nazionali siriane e la immediata smobilitazione di quelle curde. Ogni altra soluzione mi appare più come una divagazione letteraria che non supera le contestazioni turche.

Per fortuna il primo memorandum (provvisorio) sottoscritto l’ho letto e non è esattamente quello presentato dalla CNN. La cogestione è solo una clausola marginale ed il definitivo sarà sottoscritto solo tra 3/4 giorni. Inoltre, non è detto che l’esercito siriano – che è già entrato in alcune delle zone presidiate dall’SDF – si attenga ad un accordo che sembra scaricare tutti gli oneri derivanti da un eventuale conflitto con la Turchia tutto su Damasco, mentre le concessioni sembrano davvero poche.

Dalle indiscrezioni in mio possesso, la proposta di accordo russa – che è stato respinto alcuni giorni fa da Damasco ( che voleva più concessioni da SDF) –  stabiliva che:
1 / L’abolizione della SDF (forze democratiche siriane), con tutte le attuali forze e gruppi militari curdi si sarebbero dovuti unire al 5 ° Corpo (Legione d’assalto) sotto il controllo russo.
2 / Una solida garanzia di pieni diritti ai curdi nella nuova costituzione siriana con autonomia che sarà concordato dalla leadership curda e dallo stato siriano.
3 /Uno sforzo coordinato congiunto da parte delle forze siriane / curde per rimuovere presenza turca nel nord Siria compreso ad Afrin .

Si è intanto concordato  di entrare più rapidamente a Manbij e Kobani, mentre Hasakeh ha visto un dispiegamento su larga scala di truppe siriane, questo continuerà Qamishly e altre aree comuni.

Con le forze siriane ora nell’area di confine con la Turchia è chiaro che inizia una nuova fase nella guerra di 8 anni in cui una sorta di endgame sta ora prendendo forma – tutte le aree di confine e amministrative i centri saranno rilevati dal governo siriano.

Entro un mese la leadership curda con l’inizio dell’assunzione di alcuni ruoli ufficiali all’interno dell’attuale governo siriano per facilitare il periodo di transizione di N. #Siria fino a quando in futuro non si formerà una nuova costituzione / governo.

In Tabqa e Raqqa  le forze siriane sono entrate in città e hanno preso il controllo della base aerea militare. Le forze siriane per accordo sono entrate a Ein Issa a Nord- Raqqa oggi

Quindi l’accordo tra  SDF e governo siriano deve ancora essere completato, i dettagli più fini saranno perfezionati nei prossimi quattro giorni.
Per ora tutti i  14.000 prigionieri dell’ISIS  restano sotto il controllo dei curdi.

L’accordo finora – così come finora è stato stilato – è effettivamente di natura militare, basato sull’autodifesa e l’interesse reciproco con una serie di obiettivi prefissati. La parte relativa alla governance sul territorio, e la questione dei prigionieri dell’Isis seguirà più avanti.

patrizio ricci by @vietatoparlare