Gli Stati Uniti stanno di nuovo collaborando con al Qaeda – parte prima

Pubblicità
L’ articolo dell’ Harper’s Magazine che segue, racconta come gli Stati Uniti hanno reclutato, formato e finanziato i terroristi per poi combatterli e per poi reclutarli nuovamente. Attualmente in Siria si fanno entrambe le cose. E’ una folle storia ma è vera. E’ quella fatta da chi dice di essere dalla parte giusta della storia. Ma evidentemente non è così… (Vietato Parlare)

Una mattina presto, nel 1988, Ed McWilliams, un ufficiale inviato in servizio all’ambasciata americana a Kabul, sentì il boato di una grande esplosione dal qualche parte sul lato opposto della città. Erano passati otto anni dopo l’invasione russa dell’Afghanistan, e l’ambasciata (americana) era una piccola enclave con una manciata di diplomatici. McWilliams , un ex operativo dei servizi dell’intelligence dell’esercito, voleva vedere cosa fosse successo.

Evidentemente era successo qualcosa di tremendo: l’esplosione era avvenuta lontano al di là di Sher Darwaza, una montagna nel centro di Kabul, ma McWilliams l’aveva sentito chiaramente. Così dopo aver percorso il labirinto di stradine che attraversano il lato sud della città, ha trovato il sito dell’esplosione . Era una potentissima autobomba, progettata per uccidere il maggior numero possibile di civili, era stata fatta esplodere in un quartiere degli ‘Hazara’, una minoranza molto perseguitata.

McWilliams fotografò le immagini della devastazione, si diresse verso l’ambasciata, e inviò un rapporto a Washington. Il rapporto non fu accolto bene – non perché qualcuno aveva lanciato un attacco terroristico contro civili afghani, ma perché McWilliams aveva ne aveva riferito .

Gulbuddin Hekmatyar

Gulbuddin Hekmatyar

La bomba, si scoprì, era stato il lavoro di Gulbuddin Hekmatyar, il comandante dei mujahidin che aveva ricevuto più soldi di supporto da parte della CIA più di ogni altro leader della ribellione afgana. L’attacco, il primo di molti, faceva parte di un programma benedetto dalla CIA progettato per “fare pressione” sulla presenza sovietica a Kabul.

Informare la burocrazia di Washington che gli esplosivi di Hekmatyar erano deliberatamente impiegati per uccidere civili fu quindi del tutto sgradita.

Così gli dissero: “Quelle erano le bombe di Gulbuddin,” …Two-accid-women

Ho rintracciato McWilliams (ora in pensione per le remote montagne del sud del New Mexico), perché gli estremisti islamici che attualmente operano in Siria e Iraq richiamano alla mente i gruppi estremisti islamici che noi generosamente abbiamo supportato in Afghanistan nel corso del 1980.
Hekmatyar, con la sua predilezione documentata di gettare acido in faccia alle donne non aveva nulla da imparare da Al Qaeda (in quanto ad efferatezza). Quando una coraggiosa squadra di ABC News guidata da mia moglie, Leslie Cockburn, lo ha intervistato nel 1993, prima di quel giorno aveva decapitato una mezza dozzina di persone . Più tardi, ha ucciso il loro traduttore.

Sulla scia del 9/11, la storia di sostegno degli Stati Uniti ai militanti islamici contro i sovietici è diventato un argomento delicato. Ex funzionari della CIA e dei servizi segreti, hanno suggerito che l’agenzia ha semplicemente svolto il ruolo di finanziere e quartiermastro. In questa versione dei fatti, il lavoro sporco – l’effettiva gestione della campagna e dei rapporti con i gruppi ribelli – è stato lasciato al Pakistan Inter-Services Intelligence (ISI). Sarebbe stata colpa del Pakistan che almeno il 70 per cento del totale degli aiuti degli Stati Uniti è andato ai fondamentalisti, anche se la Cia ha chiesto bilanci certificati su base regolare.

Pubblicità

I beneficiari, tuttavia, non sempre si sono accontentati di confermare la storia ufficiale. Il team di ABC News ha ricordato che Hekmatyar ha candidamente ricordato che Charlie Wilson, il deputato del Texas in seguito immortalato sulla stampa e sullo schermo come il santo patrono dei mujahidin, “era un buon amico. Era tutto il tempo sostenere la nostra jihad. “Altri hanno espresso lo stesso concetto in modo diverso. Abdul Haq, un comandante mujahidin che potrebbe oggi essere descritto come un “ribelle moderato”, si lamentò pubblicamente durante e dopo la guerra sovietica in Afghanistan sulla politica americana. La CIA “ha rifornito questi gruppi [fondamentalisti] con equipaggiamenti e grandi quantità carico di munizioni e denaro . Vorremmo dire loro, ‘Che diavolo sta succedendo? Si sta creando un mostro in questo paese ‘. ”

Former US NSA Zbignew Brzenski with Osama Bin Laden in Afganistan

Former US NSA Zbignew Brzenski with Osama Bin Laden in Afganistan

I Veterani americani dell’operazione, al momento la più grande operazione nella storia della CIA, tengono fede al mantra che si trattava di un iniziativa pakistana. Solo di tanto in tanto alcuni funzionari si lasciano sfuggire che il supporto per i fondamentalisti era una questione di calcolo a sangue freddo. Robert Oakley, un giocatore importante nello sforzo afgano come ambasciatore in Pakistan 1988-1991, poi osservò: “Mescolare l’Islam con la politica ha creato un potente eplosivo che è riuscito a far uscire i sovietici  dall’Afghanistan “.

In realtà, la CIA aveva appoggiato gli islamici afghani ben prima che i russi invadessero il paese nel dicembre 1979. Zbigniew Brzezinski, consigliere di Jimmy Carter per la sicurezza nazionale, si vantò al Le Nouvel Observateur che il presidente aveva “firmato la prima direttiva per gli aiuti segreti a favore degli oppositori del regime filosovietico di Kabul “sei mesi prima dell’invasione. “E quel giorno,” Brzezinski ha ricordato, “Ho scritto una nota al presidente in cui gli ho spiegato che a mio avviso questi aiuti avrebbero provocato un intervento militare sovietico.” La guerra che inevitabilmente in seguito ucciso avrebbe un milione di afghani.

Hekmatyar era più interessato ad usare l’arsenale statunitense più contro i rivali che contro i sovietici. Anche dopo che i russi lasciarono, nel febbraio 1989, l’agenzia si mostrò incapace di rovesciare il regime sovietico supportata di Mohammad Najibullah. L’attacco di Hekmatyar nella città chiave di Jalalabad, per esempio, fu un fallimento imbarazzante. “Oakley si vantava nelle settimane precedenti a questa offensiva [che] si sarebbe stato un grande successo”, ha detto McWilliams. I funzionari dei servizi segreti pakistani e americani sorvegliano le operazioni e gonfiavano i suoi ranghi con giovane carne da cannone. “Quello che facevano stava svuotando i campi profughi,” mi ha detto McWilliams. Mandarono ragazzi di sedici anni a combattere ma non ha funzionato.

Erdogan with Afghan mujahedin leader Gulbuddin Hekmatyar

Erdogan with Afghan mujahedin leader Gulbuddin Hekmatyar

“Migliaia morirono”.

I funzionari degli Stati Uniti erano  attenti  a non far trapelare che i fondamentalisti arabi che accorrevano alla guerra in Afghanistan  hanno intrapreso la  jihad globale sotto l’egida di Al Qaeda. Non si poteva negare che essi fossero stati lì ed il loro possibile collegamento con la CIA è diventato nel tempo un tema sempre più delicato quando Al Qaeda ha fatto sentire la sua presenza nel 1990. La linea ufficiale – che gli Stati Uniti hanno mantenuto è quella di una presa di distanza con mujahidin arabi – Questa posizione è stato meglio espressa da Robert Gates, che divenne direttore della CIA nel 1991. Quando l’agenzia ha capito che le reclute della jihad arrivavano in Afghanistan da tutto il mondo arabo , ha scritto: “Abbiamo esaminato parecchi modi per aumentare la loro partecipazione, magari sotto forma di una sorta di ‘brigata internazionale,’ ma poi se ne fece nulla.”

La realtà era diversa: gli Stati Uniti erano intimamente coinvolti nel l’arruolamento di questi volontari – anzi, molti di loro sono stati arruolati tramite una rete di uffici di reclutamento in questo paese (gli Stati Uniti). Questo sforzo è stato organizzato da un religioso palestinese particolarmente carismatico, Abdullah Azzam, che ha fondato il Maktab al-Khidamat (MAK), il servizil segreto afghano . Nel  1984, raccoglieva  fondi e reclute per la jihad. Egli è stato assistito da un ricco giovane saudita, Osama bin Laden. La sede per il braccio statunitense dell’operazione era a Brooklyn, al Al-Kifah Refugee Center Atlantic Avenue, che Azzam visitava spesso durante i giri nelle moschee e nelle università in tutto il paese.

1227_bigAli Soufan, un ex agente esperto in antiterrorismo  dell’FBI che ha svelato il programma di tortura post-11/ 9 della CIA dice: “Per gran parte del 1980, la jihad in Afghanistan era supportato  dagli Stati Uniti.  Qui in America era aperto il reclutamento  tra i musulmani  . Azzam era ufficialmente negli Stati Uniti, e si recò di moschea in moschea a reclutare molte persone per farle combattere in Afghanistan sotto quella bandiera ”

Il coinvolgimento americano con l’organizzazione di Azzam è andato ben oltre un indulgente ‘ lasciar fare’. “Abbiamo incoraggiato il reclutamento non solo di sauditi, ma anche di palestinesi e libanesi oltre una grande varietà di combattenti, che sarebbero stati fondamentalmentali  in Afghanistan per svolgere jihad”, ha insistito McWilliams. “Questo era parte del piano della CIA. Questo era parte del gioco.

I sauditi, naturalmente, erano parte integrante della campagna antisovietica sin dall’inizio. Secondo un ex funzionario della CIA coinvolto nell’ operazione in Afghanistan, l’Arabia Saudita, ha fornito il 40 per cento del bilancio per i ribelli. William Casey ha detto che  il funzionario  che gestiva la CIA sotto Ronald Reagan, “doveva volare a Riad ogni anno per quello che lui chiamava il suo ‘pellegrinaggio annuale’ per chiedere i soldi. Alla fine, dopo un gran parlare, il re avrebbe detto ‘va bene’, ma poi avremmo dovuto sederci ed ascoltare educatamente  tutte le loro idee incredibilmente stupide su come combattere la guerra. ”

Pubblicità

Nonostante tali osservazioni, sembrerebbe che le strategie degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita non hanno differito più di tanto, soprattutto quando si trattava di instradare i soldi alle fazioni fondamentaliste più estreme. Combattere i sovietici era solo una parte dell’obiettivo finale. Il predicatore egiziano Abu Hamza, che sta ora scontando una condanna all’ergastolo con l’accusa di terrorismo, ha visitato l’Arabia Saudita nel 1986, e poi ha ricordato le continue esortazioni pubbliche di unirsi alla jihad: “Bisogna andare, è necessario essere uniti, lasciare le vostre scuole, lasciare la vostra famiglia. “L’intera impresa in Afghanistan, ha spiegato,” aveva lo scopo di distogliere in realtà delle persone dai problemi del proprio paese. “E ‘stato” come uno sfogo di una pentola a pressione. Se si mantiene [la pentola] tutta sigillata, essa ti esploderà in faccia, ma jihad afgana era lo sfiato progettato. ”

Soufan era d’accordo con questa analisi. “Penso che non è giusto dare la colpa solo alla CIA,” mi disse. “L’Egitto è stato felice di sbarazzarsi di un sacco di questi ragazzi e farli andare in Afghanistan. L’Arabia Saudita è stata molto felice di farlo:  “Come ha sottolineato, i fondamentalisti islamici stavano già colpendo questi regimi a casa. Nel novembre del 1979, per esempio, gli estremisti wahabiti avevano preso d’assalto la Grande Moschea della Mecca. Il successivo tentativo ha lasciato a terra centinaia di morti.

Nel giro di pochi anni, tuttavia, i governi sponsor hanno cominciato a riconoscere una lacuna in questo sistema:  era a doppio senso. Ho sentito questo punto più vividamente espresso nel 1994, a una cena su uno yacht da crociera sul Nilo. Il padrone di casa  alla festa, criticò questa tattica difensiva suscitando un commento veemente da parte di Osama El-Baz,  consigliere per la sicurezza di alto livello di Hosni Mubarak. “E ‘tutta colpa di quei bastardi stupidi della CIA” – disse  – “Hanno addestrato queste persone, li hanno tenute in essere anche dopo che i russi sono andati via, e ora questo è il risultato”.

Secondo El-Baz, MAK il sistema era stato mantenuto anche dopo il conflitto afgano per la futura ridistribuzione contro l’Iran. Il suo finanziamento, ha insistito, è venuto dai sauditi e dalla CIA. Una parte di quei soldi era stata parcheggiata presso l’ufficio di Al-Kifah a Brooklyn, sotto la supervisione di uno di un gruppo di accoliti di Azzam – fino a quando  egli stesso è stato ucciso, probabilmente da seguaci di un jihadista rivale. (Soufan confermato la storia dell’omicidio)

Un anno prima la mia conversazione con El-Baz, infatti, gli Stati Uniti avevano già dovuto affrontare ‘lo sfiato a doppio senso’. Nel 1993, una bomba nel seminterrato di una delle torri del World Trade Center uccise  sei persone.Un membro di spicco dell’attentato fu  Mahmud Abouhalima, un veterano dell’Afghanistan che aveva lavorato per anni nel centro di reclutamento a Brooklyn. Un altro dei discepoli di Azzam, tuttavia, si è rivelato un problema molto più grande: Osama bin Laden, che ora comandava i mujahidin arabi reclutati dal suo mentore.

continua. parte seconda …

Fonte: Harper’s Magazine  –  autore Andrew Cockburn

Nota: Harper’s Magazine  è una rivista mensile di letteratura, politica, cultura, finanza e arte. Apparve negli USA la prima volta nel giugno 1850. È la seconda rivista più antica degli negli Stati Uniti (Scientific American è la più antica).

‘Appunti ‘per eventuali approfondimenti…

TRAFFICO DI DROGA IN AFGANISTAN

La storia del traffico di droga in Asia Centrale è intimamente collegata alle operazioni segrete della CIA. Prima della guerra sovietico-afgana, la produzione di oppio in Afghanistan e Pakistan era diretta a piccoli mercati regionali. Non c’era una produzione locale di eroina. (Alfred McCoy, droga Fallout: Quaranta Anno complicità della CIA nel narcotraffico The Progressive, 1 agosto 1997.).

Lo studio di Alfred McCoy conferma che entro due anni dall’inizio delle operazioni della CIA in Afghanistan, le ”terre di confine Pakistan-Afghanistan sono diventate il primo produttore mondiale di eroina.” grazie ai vari gruppi paramilitari islamici .

I proventi del traffico di droga in Afghanistan, che era protetto dalla CIA, sono stati usati per finanziare le varie insurrezioni: “Sotto CIA e la protezione pakistana, la resistenza afgana ha aperto laboratori di eroina sul confine afghano e pakistano. Secondo il Washington Post del maggio 1990, tra i principali produttori di eroina erano Gulbuddin Hekmatyar, un leader afgano che ha ricevuto circa la metà dei carichi segreti di armi che gli Stati Uniti avevano spedito in Pakistan”.

INDOTTRINAMENTO RELIGIOSO IN AFGANISTAN

L’ assistenza degli Stati Uniti alle brigate islamiche erogata attraverso il Pakistan non si è limitata agli aiuti militari. Washington ha sostenuto e finanziato tramite l’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale (USAID), il processo di indottrinamento religioso, in gran parte per assicurare la scomparsa di istituzioni laiche.

Gli Stati Uniti hanno speso milioni di dollari per la fornitura di scolari afgani con libri di testo pieni di immagini violente e insegnamenti islamici militanti, come parte dei tentativi di infiltrazione per stimolare la resistenza all’occupazione sovietica.

La Casa Bianca difende il contenuto religioso, affermando che i principi islamici permeano la cultura afghana e che i libri “sono pienamente in conformità con il diritto e la politica degli Stati Uniti.” Gli esperti legali, però, si chiedono se i libri violano il divieto costituzionale di utilizzare soldi delle tasse per promuovere la religione. …

I funzionari dicono nelle interviste che hanno rilasciato quei materiali perché temevano che gli educatori afgani avrebbero rifiutato  libri privi di una forte dose di ‘pensiero musulmano’. ”L’agenzia aveva rimosso il suo logo e qualsiasi menzione del governo degli Stati Uniti dai testi religiosi” (fonte portavoce US AID Kathryn Stratos )

Pubblicati nelle lingue afgane dominanti Dari e pashtun, i libri di testo sono stati sviluppati nei primi anni 1980 con una sovvenzione AID alla University of Nebraska -Omaha e il suo Centro di Studi Afgani.

L’agenzia ha speso $ 51000000 sui programmi di istruzione dell’università in Afghanistan dal 1984 al 1994. ” (Washington Post, 23 marzo 2002)

OSAMA BIN LADEN

Osama bin Laden, è stato reclutato dalla CIA nel 1979 proprio all’inizio della jihad sostenuta dagli STATI UNITI. Lui aveva 22 anni ed è stato addestrato nei campi di addestramento della guerriglia sponsorizzati dalla CIA .

Durante l’amministrazione Reagan, Osama, che apparteneva alla ricca famiglia saudita Bin Laden è stato messo a capo della raccolta di fondi per le brigate islamiche. Allo scopo furono creati numerosi enti di beneficenza e fondazioni .

L’operazione fu coordinata dal dell’intelligence saudita, guidata dal principe Turki al-Faisal, in stretto collegamento con la CIA. Il denaro proveniente dai vari enti di beneficenza furono utilizzati per finanziare il reclutamento di volontari Mujahieen. Al Qaeda, ‘la base’ in arabo era una banca dati di volontari che si erano arruolati per combattere nella jihad afgana. Questo database è stato inizialmente detenuto da Osama bin Laden.

DIRETTIVA NSDD 16

L’imposizione della Sharia in Pakistan e la promozione di “Islam radicale” è stato un politica degli Stati Uniti deliberata al servizio degli interessi geopolitici americani in Asia meridionale, l’Asia centrale e il Medio Oriente.

Molti delle attuali “organizzazioni fondamentaliste islamiche” in Medio Oriente e in Asia centrale, sono stati direttamente o indirettamente, il prodotto del sostegno segreto del finanziamento degli Stati Uniti , spesso erogato attraverso fondazioni in nsdd-166[1]Arabia Saudita e gli Stati del Golfo.

L’appoggio ai Mujahideen è stato formalmente dato nel marzo del 1985, quando presidente Ronald Reagan ha emessola direttiva sulla sicurezza 166 (NSDD 166), con la quale ha autorizzato di intensificare gli per il supporto all’ indottrinamento religioso.

Predicatori della setta wahhabita dell’Islam conservatore in Arabia Saudita sono stati messi a capo della gestione delle madrasse sponsorizzate dalla CIA nel nord del Pakistan. Sotto la direttiva NSDD 166, sono anche state lanciate una serie di operazioni CIA-ISI segrete.

Gli Stati Uniti fornito armi ai brigate islamiche attraverso l’ISI. Funzionari della CIA e ISI si sarebbero incontrati presso la sede dell’ISI di Rawalpindi per coordinare il sostegno USA ai mujahideen. Sotto NSDD 166, l’acquisto di armi degli Stati Uniti ai ribelli islamici è aumentata da 10.000 tonnellate di armi e munizioni nel 1983 a 65.000 tonnellate all’anno dal 1987.

“Oltre alle armi, all’addestramento, è stato fornito un ampio equipaggiamento militare tra cui mappe satellitari militari e apparati di comunicazione” (Università Wire, 7 maggio 2002). Gli architetti dell’operazione segreta a sostegno del “fondamentalismo islamico”, lanciato durante la presidenza Reagan svolto un ruolo chiave nel lancio del “guerra globale al terrorismo”, sulla scia di 9/11.

IN EVIDENZA

Il presidente Ronald Reagan ha incontrato i leader della Jihad islamica alla Casa Bianca nel 1985 Sotto l’amministrazione Reagan, la politica estera statunitense si è evoluta verso l’appoggio incondizionato e l’approvazione degli islamici “combattenti per la libertà”.

Nel mondo di oggi, i “combattenti per la libertà” sono etichettati “terroristi islamici”. Nella lingua pashtun, la parola “talebani” indica “Studenti”, o laureati delle madrasa (luoghi di apprendimento o di scuole coraniche) istituiti dalle missioni wahhabiti dell’Arabia Saudita, con il sostegno della CIA. Istruzione in Afghanistan negli anni precedenti la guerra sovietico-afghana era in gran parte laica. L’educazione segreta degli Stati Uniti ha distrutto l’educazione laica.

Il numero delle scuole religiose (madrasse) sponsorizzatoe dalla CIA è aumentato da 2.500 nel 1980 a più di 39.000. La guerra sovietico-afghana faceva parte di un programma segreto della Cia iniziata durante l’amministrazione Carter, che consisteva nel sostegno attivo e il finanziamento delle brigate islamiche, in seguito note come Al Qaeda.

Il regime militare pakistano ha giocato fin dall’inizio alla fine del 1970, un ruolo chiave nelle operazioni militari e di intelligence degli Stati Uniti sponsorizzato in Afghanistan. Nell’era post-guerra fredda, questo ruolo centrale del Pakistan in operazioni di intelligence degli Stati Uniti è stato esteso alla più vasta regione Asia Centrale Medio Oriente. Fin dall’inizio della guerra afghana sovietica del 1979, sotto il governo militare del Pakistan ha sostenuto attivamente le brigate islamiche.

In stretto collegamento con la CIA, l’intelligence militare del Pakistan, l’Inter-Services Intelligence (ISI), divenne una potente organizzazione, un governo parallelo, brandendo un enorme potere e influenza. L

a guerra segreta degli Stati Uniti in Afghanistan, con il Pakistan come trampolino di lancio, è stato avviato durante l’amministrazione Carter prima dell'”invasione” sovietica: “Secondo la versione ufficiale della storia, l’aiuto della CIA ai mujahideen è iniziato nel 1980, vale a dire, dopo l’esercito sovietico invase l’Afghanistan, 24 dicembre 1979. Ma la realtà, segretamente custodita fino ad oggi, è un’altra. Infatti, è stato nel 3 luglio 1979 che il presidente Carter firmò la prima direttiva per aiuti segreti agli oppositori del regime filo-sovietico di Kabul. ” E quel giorno, ho scritto una nota al presidente in cui ho spiegato a lui che a mio avviso questi aiuti avrebbero provocato un intervento militare sovietico. ” (Ex consigliere per la Sicurezza Nazionale Zbigniew Brzezinski, Intervista a Le Nouvel Observateur, 15-21 gennaio 1998) Nelle memorie pubblicate di segretario alla Difesa Robert Gates, che ha ricoperto la carica di vice direttore della CIA, al culmine della guerra afghana sovietica, l’intelligence USA era direttamente coinvolto fin dall’inizio, prima dell’invasione sovietica, nel convogliare gli aiuti per le brigate islamiche.

STRATEGIA

Sotto l’amministrazione Bush, la CIA ha continuato a sostenere (tramite pakistana Isi) diversi gruppi islamici pakistani . L’ISI è noto per supportare i seguenti gruppi terroristi: Jamaat un-Islami, che è presente anche nel Sud Est Asiatico Lashkar-e-Tayya­ba Jehad a-Kashmir Hizbul Mujahideen- Jaish-e-Mohammed I gruppi islamici creati dalla CIA hanno anche lo scopo di mobilitare il sostegno pubblico nei paesi musulmani.

L’obiettivo di fondo è quello di creare divisioni all’interno delle società nazionali in tutto il Medio Oriente e l’Asia centrale, ma anche di innescare conflitti settari all’interno dell’Islam, in ultima analisi, il fine è quello di frenare lo sviluppo di una resistenza di massa laica su larga base, che possa sfidare le ambizioni imperiali. Questo funzione di un nemico esterno è anche una parte essenziale della propaganda di guerra richiesta per galvanizzare l’opinione pubblica occidentale.

Senza un nemico, una guerra non si combatte. La politica estera degli Stati Uniti ha bisogno di fabbricare un nemico, per giustificare i suoi vari interventi militari in Medio Oriente e Asia Centrale. Un nemico è tenuto a giustificare una agenda militare, che consiste nel “andare dopo Al Qaeda”.

La fabbricazione e denigrazione del nemico sono tenuti a giustificare l’azione militare. L’esistenza di un nemico esterno sostiene l’illusione che la “guerra al terrorismo” è reale. Si giustifica e presenta l’intervento militare come un’operazione umanitaria basata sul diritto di auto-difesa.

Essa sostiene l’illusione di un “conflitto di civiltà”. L’obiettivo di fondo è in ultima analisi, per nascondere i veri obiettivi economici e strategici alla base della più ampia guerra in Medio Oriente e in Asia centrale. (dati desunti dal libro America’s “War on Terrorism” Paperback – September 15, 2005)

La storia continua in SIRIA

PAKISTAN ISI