Home Attualità Forse il Papa andrà in Corea del Nord

Forse il Papa andrà in Corea del Nord

0

La pubblicazione Crux Now, facendo riferimento a fonti attendibili e ben informate, rivela che è in preparazione una visita del Papa in Corea del Nord. A mio avviso la pace nella regione è ostacolata solo dagli USA che altrimenti verrebbe a mancare il motivo per far restare più di 30.000 soldati in Corea del Sud con il relativo assed da guerra. Ma credo nella potenza della Provvidenza e dello Spirito ed ho speranza nella buona volontà degli uomini. L’imprevisto accade nella storia e bisogna essere aperti a questo.
(Vp News)

Si stanno compiendo sforzi per creare le condizioni per la visita del Papa in Corea del Nord

ROMA – Dopo che il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha invitato papa Francesco a visitare la Corea del Nord la scorsa settimana, un importante arcivescovo ha indicato che il Vaticano sta lavorando per favorire le condizioni in cui sia possibile una visita papale nella nazione asiatica.

L’arcivescovo Lazarus You Heung-sik, prefetto della Congregazione vaticana per il clero e originario di Daejeon, Corea del Sud, ha detto ai giornalisti che “come con il governo [sudcoreano], anche il Vaticano si adopera per favorire le condizioni per la visita del papa Corea del Nord attraverso vari canali”.

Notando che Papa Francesco si è detto disposto a visitare se ha ricevuto un invito formale dalla Corea del Nord, You ha affermato che l’osservazione del papa “dovrebbe essere digerita così com’è” e che non avrebbe approfondito ulteriormente la questione, “poiché potrebbe essere inteso come il pensiero del papa”.

Una visita dipende dalla risposta della Corea del Nord, ha affermato, insistendo sul fatto che quando si tratta di relazioni internazionali, entrambe le parti devono rispettarsi a vicenda con un approccio “dare e avere”.

Il Vaticano potrebbe svolgere questo ruolo se glielo chiedessero, ha detto, osservando che la Chiesa cattolica ha già un’impronta in Corea del Nord attraverso organizzazioni come la Comunità di Sant’Egidio, la favorita del papa dei cosiddetti “nuovi movimenti”, che si dedica al lavoro caritativo e sociale e aiuta anche a negoziare il processo di pace in Sud Sudan.

Una delegazione di Sant’Egidio ha visitato la Corea del Nord nel 2018 per promuovere il suo lavoro umanitario nel Paese, consegnando cibo, medicinali e attrezzature mediche all’ospedale pediatrico di Wonsan, tra le altre cose. Durante la loro visita hanno anche incontrato le autorità di alto livello.

L’invito a visitare la Corea del Nord è stato fatto durante un incontro privato del 29 ottobre tra Papa Francesco e Moon mentre quest’ultimo era a Roma per un vertice dei leader del G20.

In quell’occasione, Moon chiese al papa se avrebbe preso in considerazione la possibilità di visitare la Corea del Nord per contribuire a promuovere la pace tra le due nazioni, sostenendo che una visita papale a Pyeongyang avrebbe dato slancio all’intero processo di pace.

In risposta, Papa Francesco, che ha visitato la Corea del Sud nel 2014, ha detto che sarebbe andato se avesse ricevuto un invito dalle autorità nordcoreane.

Questa è stata la seconda volta che Moon ha chiesto a papa Francesco di visitare la Corea del Nord, che non ha ancora ricevuto una visita papale.

Un portavoce del Ministero dell’Unificazione della Corea del Sud, Lee Jong Joo, ha espresso la speranza ai giornalisti durante un briefing del 1° novembre che il Nord avrebbe preso in considerazione la visita, dicendo: “Speriamo che il Nord risponda e assicuri questa opportunità per promuovere la pace sulla Corea del Nord. Penisola.”

“Una visita papale in Corea del Nord potrebbe essere una grande opportunità per promuovere la pace e la riconciliazione nella penisola coreana”, ha detto, aggiungendo: “Se le discussioni correlate tra il Vaticano e la Corea del Nord mostreranno progressi, il Ministero si adopererà per garantire che la visita del Papa possa essere un’opportunità per ottenere un consenso internazionale e promuovere concretamente la pace nella penisola coreana”.

Martedì, la portavoce presidenziale Park Kyung-mee ha dichiarato all’emittente radio coreana KBS che “sono in corso vari sforzi” per rendere possibile una visita del papa in Corea del Nord, “ma è difficile prevedere i tempi”.

Rispondendo alle domande su quando potrebbe accadere un possibile viaggio, Park ha detto che probabilmente non accadrà durante l’inverno – che dura all’incirca dalla fine di novembre alla fine di febbraio – perché “Il Papa viene dall’Argentina, che è un paese caldo, quindi la mia comprensione è che è difficile per lui viaggiare in inverno”.

La richiesta di una visita papale in Corea del Nord arriva mentre Moon sta cercando il sostegno internazionale per una dichiarazione che ponga fine formalmente alla guerra di Corea del 1950-53, conclusa con un armistizio, piuttosto che con un trattato di pace, il che significa che le due nazioni sono tecnicamente ancora in guerra.

Moon, che ha solo altri sei mesi in carica prima della fine del suo mandato, ritiene che sia necessaria una “dichiarazione di fine guerra” per stabilire la fiducia, avviare i colloqui di denuclearizzazione e garantire un accordo di pace duraturo.

Tuttavia, i critici della proposta hanno espresso il timore che una dichiarazione possa minare le relazioni USA-Corea del Sud e potenzialmente indebolire la pressione internazionale sulla Corea del Nord sui suoi programmi di armamenti, con molti osservatori che hanno notato che entrambe le Coree in passato non sono riuscite a seguire i precedenti sforzi per porre fine alla guerra.

“Una visita in Corea del Nord del papa, che prega costantemente per la pace nella penisola coreana, non è un evento (pubblicitario) ma un’azione nobile a sé stante”, ha affermato Park.

Riferendosi alla speculazione secondo cui il governo sta cercando di utilizzare una visita papale per attirare i leader nordcoreani al tavolo per un vertice intercoreano a margine delle Olimpiadi invernali di Pechino a febbraio, Park ha dichiarato: “Vorremmo che fosse visto l’evento proprio per sè, piuttosto che in relazione a una dichiarazione di fine guerra o alle Olimpiadi di Pechino”.

Mentre si trovava a Roma per il G20, il ministro per l’Unificazione della Corea del Sud Lee In-young ha incontrato alti funzionari delle Nazioni Unite e del Vaticano per discutere di questioni relative alla Corea del Nord.

Durante gli incontri – tenuti con il Direttore Esecutivo dell’Agenzia per l’Alimentazione delle Nazioni Unite David Beasley e il Cardinale Ghaniano Peter Turkson, Prefetto del Dipartimento vaticano per lo Sviluppo Umano Integrale – è stata valutata la situazione alimentare della Corea del Nord e le parti hanno discusso su come affrontare le preoccupazioni umanitarie nel Nord, secondo un comunicato del ministero.

Questo incontro ha incluso la discussione su quale ruolo il Vaticano potrebbe svolgere sia sul fronte umanitario, sia nel processo di pace, ha affermato il ministero.

Segui Elise Ann Allen su Twitter: @eliseannallen

autore: i Elise Ann Allen – fonte Crux Now

(https://cruxnow.com/vatican/2021/11/efforts-being-made-to-create-conditions-for-papal-visit-to-n-korea/)

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version