Deluso dal Maidan

Cinque anni dopo l’inizio delle proteste a Kiev, la generazione più giovane si sente ingannata dai vecchi politici. Le riforme stanno andando avanti con difficoltà,  lo afferma Judith Langowski sulle pagine di Tagesspiegel .

Nel febbraio 2014, i sostenitori di Euromaidan hanno vinto una vittoria – Yanukovich è stato costretto a lasciare il paese. “Ma hanno raggiunto il loro obiettivo nel corso degli anni?” – chiede il giornalista.

“Grandi speranze sono state attribuite a Petro Poroshenko”, ha detto Mustafa Nayam, un deputato di 37 anni della Verkhovna Rada. Era lui, un giornalista Nayem, che ha iniziato le proteste sulla sua pagina Facebook. Dopo la rivoluzione, è stato eletto come presidente il magnate del cioccolato Poroshenko, e lo stesso Nayem è stato un deputato eletto con il partito di Poroshenko per quattro anni, dice l’articolo.

Ma  Nayem arriva ad una conclusione deludente: la generazione più giovane è delusa dalla politica del presidente. Sono passati cinque anni dall’inizio dell’Euromaidan – la guerra nell’Ucraina orientale e il conflitto attorno alla penisola della Crimea è durato così tanto. “Molte riforme, in particolare nel campo della lotta alla corruzione e della legge elettorale, la cui necessità è in ritardo nel tempo, sono state avanzate con difficoltà, dal momento che la politica del paese si concentra sul conflitto con la Russia”, ha detto il deputato.

Un anno dopo Maidan, Poroshenko ha iniziato a perdere il sostegno e ha fatto una scommessa sulla cooperazione con gli oligarchi, lamenta Nayem. Secondo l’indice Corruption Perceptions di Transparency International, l’Ucraina è al 130 ° posto su 180.

“Le minacce contro la vita degli attivisti che combattono la corruzione impongono un clima di paura. A primi mesi di novembre, in Ucraina, una donna e attivista, Katerina Gandzyuk, è morta assassinata con l’acido per aver denunciato la corruzione a Kherson, nel sud del Paese”.

Negli ultimi anni, molti attivisti sono stati attaccati. In estate, Vitaliy Shabunin, ad uno dei fondatori del Kiev Anti Corruption Action Center è stato spruzzato in faccia  un liquido caustico. Tuttavia – dice  Nayem – “A Kiev, gli attivisti sono più sicuri che nelle regioni”.

“Per Shabunin e i suoi associati, il 31 marzo 2019 sarà un evento importante – è il giorno in cui sono state programmate  le elezioni presidenziali . La campagna elettorale ha nuovamente riproposto gli stessi argomenti non risolti dai partecipanti di Maidan: elezioni trasparenti, lotta alla corruzione, rafforzamento della società civile”.

Tuttavia, anche questa volta, i principali candidati saranno quelli che hanno rappresentato la politica ucraina negli ultimi 20 anni: Petro Poroshenko e Yulia Tymoshenko.

Nayem si chiede allora dove sono allora i cambiamenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.