Come impedire alla squadra di investigatori dell’OPCW di entrare in Duma

 

Il Dipartimento per la sicurezza delle Nazioni Unite (UNDSS) continuano a impedire agli specialisti chimici dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) di entrare a Douma per le loro indagini, adducendo problemi di sicurezza. Nè hanno offerto alcun calendario per quando saranno ammessi a entrarvi.

Pubblicità

Gli ispettori dell’OPCW non si sono recati lunedì e sono state ipotizzate molte ragioni  sul perché. Sebbene i funzionari britannici abbiano accusato la Russia per il ritardo, ora è chiaro che è l’UNDSS che sta sollevando continue pretesti per impedire loro di entrare

Il team UNDSS ha visitato due siti a Douma, ma è ne fuoriuscito entrambe le volte subito ‘per problemi di sicurezza’. Nel primo caso hanno affermato che c’era una grande folla lì, ed erano preoccupati per la sicurezza. Nel secondo sito c’è stato un rapporto di un’esplosione nelle vicinanze, e hanno sostenuto di essere stati fatti oggetto di fuoco di armi leggere da parte di qualche fazione sconosciuta. Nessun lavoratore delle Nazioni Unite è stato ferito, sebbene un siriano abbia subito lesioni leggere .

Gli ispettori dell’OPCW sono stati incaricati di esaminare un presunto attacco di armi chimiche all’inizio di questo mese. Non vi è alcuna prova pubblica che l’attacco abbia avuto luogo, e una quantità crescente di dubbi sono stati  sollevati  dalle indagini di Robert Fisk . Anche i residenti di Douma hanno espresso dubbi sull’ attacco.

Gli investigatori OAN non sono stati in grado di confermare alcuna prova di un attacco di armi chimiche a Douma. Nella misura in cui le indagini si stanno svolgendo, gli elementi attuali suggeriscono che non ci sia stato alcun attacco chimico.

Chiaramente, Douma è stata attaccata dalle forze siriane il giorno 7 ed il giorno precedente. Questi attacchi, tuttavia, sono stati sostenuti dal governo siriano come attacchi puramente convenzionali. Non esistono indizi per suggerire che sia accaduto qualcos’altro, al di là delle affermazioni dei White Helmet, e delle nazioni occidentali che affermano di avere una ‘prova segreta’.

La Siria e la Russia hanno negato fin dall’inizio che l’attacco abbia avuto luogo e hanno creduto che la visita dell’OPCW avrebbe rivelato la verità. La Russia in particolare stava spingendo perché si svolgesse un’indagine prima di qualsiasi azione avventata contro la Siria. Mentre gli attacchi guidati dagli Stati Uniti contro la Siria sono avvenuti venerdì sera.

Ora non è ancora chiaro se l’OPCW sarà mai autorizzata ad entrare ancora a Duma. Intanto l’ambasciatore russo alle Nazioni Unite  esprime fastidio per i nuovi tentativi del Consiglio di sicurezza di determinare la responsabilità dell’attacco [senza indagini]. L’ambasciatore Nebenzia ha notato che questo era “inutile” dal momento che Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia avevano già attaccato la Siria in primo luogo.

Pubblicità

Tuttavia, il pretesto per la sicurezza è piuttosto debole. Nonostante tutti i problemi di sicurezza dell’UNDSS, i gruppi di giornalisti sembrano non avere problemi a entrare a Douma in sicurezza. Uno degli esempi più eclatanti è un giornalista della CNN a Douma, che ha maneggiato  le  presunte prove.

Questo particolare naturalmente aggiunge solo domande. La CNN può davvero infiltrarsi in Douma e “investigare” in modo così casuale mentre l’OPCW non può nemmeno arrivare sul posto? Inoltre, un giornalista della CNN avrebbe davvero annusato indumenti che credeva fossero ricoperti di armi chimiche in aria?

Sembra che gli Stati Uniti  stiano già accusando la Siria e la Russia di complottare per manomettere il sito . Ma non ci sono prove di manomissioni di alcun tipo. Il sospetto degli Stati Uniti era basato sul fatto che la polizia militare russa ha visitato il sito. La visita, tuttavia, è stata fatta giorni fa, e la Russia ha detto che era intesa a dissuadere l’Occidente dall’attaccare Douma e distruggere le prove.

Anche la Russia voleva che gli ispettori entrassero nel sito fin dal primo giorno, il che non è vero per gli Stati Uniti o per i loro alleati. Una proposta russa per tale indagine è stata votata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e la coalizione a guida Usa ha attaccato più siti in Siria prima che l’inchiesta potesse screditarli.

Dal momento che Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno già attaccato la Siria, hanno poche ragioni per volere che la visita dell’OPCW abbia successo. Chiaramente non erano interessati a ottenere i fatti prima dell’attacco, e fatti che non supportano la loro narrativa potrebbero essere molto imbarazzanti.

In effetti, c’è una crescente speculazione sul fatto che questo sforzo dell’UNDSS per bloccare gli ispettori sia uno sforzo relativamente chiaro destinato ad impedire che l’indagine avvenga venga compiuta.

Rilanciato da Antiwar.com.


Gli ispettori ritardi della sicurezza delle Nazioni Unite L’ingresso a Douma è stato pubblicato per la prima volta il 18 aprile 2018 alle 22:44.

Pubblicità

[ad_2]

Collegamento sorgente