“Colpisci le chiese, colpisci le chiese, questi maiali di cristiani sono nelle chiese…”

Mardeh cittadina cristiana siriana a nord di Homs. Da più di un mese è bombardata continuamente dalle bande jihadiste di al Qaeda/Tharir al Sham che detengono la provincia confinante di Idlib. SOS Chretiens d’Orient ha dedicato a questa città martire siriana 11 brevi articoli per tenere alta l’attenzione e per sollecitare e sensibilizzare la popolazione occidentali su quanto succede in Siria. In questo contesto sono importanti le donazioni, indispensabili per la sopravvivenza di Mardeh e chi si trova in situazioni simili. Ad oggi la situazione descritta si ripete quasi ogni giorno e chiede ogni volta il suo tributo di sangue. I governi occidentali continuano a sanzionare un paese sotto attacco e i paesi amici che aiutano il  popolo siriano ad affrontare i bisogni primari.
patrizio ricci by @vietatoparlare

Venerdì 15 febbraio arriviamo a Mhardeh e la notte sta per cadere sotto una pioggia invernale. Quando entriamo in città, le strade sono quasi deserte. Non appena il checkpoint passa, una telefonata ci invita a unirci al signor Simon nel suo centro di comando.

Qui nessun bunker, nessun doppio vetro, i luoghi sono semplici e il mezzo rustico. All’avvicinarsi dell’edificio, indoviniamo il signor Simon in riunione. In piedi in mezzo a molti civili in uniforme, è davvero il capo della guerra che si rivolge ai suoi uomini. Il tono sale, gli ordini vengono dati, la situazione è nell’emergenza, Mhardeh è sul piede di guerra.

Il signor Simon abbandona i suoi uomini per accoglierci nel suo ufficio dove lo aspettiamo, l’accoglienza è calorosa. Spiega che molti nuovi volontari si sono uniti ai ranghi della Difesa nazionale. Ci riceve come suoi figli. Il suo benvenuto, il suo sorriso, le sue parole hanno sempre puntato i riflettori su SOS Eastern Christians . Anche se non abbiamo i mezzi per realizzare progetti in un’area ancora troppo sensibile, è sempre influenzata dalla nostra presenza, specialmente nei momenti più difficili.

Quella sera, il signor Simon non poté fare a meno di esprimere la sua rivolta! Ha sacrificato tutto quello che aveva per la difesa della città e ancora oggi è a sue spese e quelli dei suoi uomini che la resistenza è assicurata: veicoli, benzina, cibo, vestiti , tempo, speranza, vita familiare, vita a tutti … Evoca anche i giovani del posto che hanno dovuto abbandonare i quaderni e le penne per prendere il Kalashnikov. Menziona anche i magri salari di questi padri che hanno dovuto lasciare il lavoro per combattere i macellai.

Più tardi, torniamo a casa del signor Simon dove continuiamo a discutere della situazione. Sua moglie, Rima, riceve anche me come suo figlio e il signor Simon con la sua famiglia torna al suo ruolo di padre e nonno. La nostra riunione con la famiglia viene rapidamente disturbata da suoni inquietanti che ruggiscono nel cielo. Ad un certo punto un suono più forte strappa per alcuni secondi , è un’esplosione. Preghiamo quindi che il danno sia solo materiale. Il suono delle esplosioni è più vicino, quindi … niente. La mattina dopo al risveglio, stesso scenario, fischi, esplosioni, suoni che annunciano che la morte  si sta avvicinando.

I missili passano sopra la casa per distruggere altre strade ulteriormente. La paura che un missile stia per lacerare la stanza e facendo splendere le finestre, spinge gli ospiti a lasciare il soggiorno a passo svelto per andare in cucina. Le donne stanno tremando e le conversazioni sono interrotte da momenti di silenzio ogni volta che si sente un missile … Non sappiamo dove cadrà, i terroristi spareranno ciecamente. Gli obiettivi non sono punti militari, sono case, imprese, strade trafficate … civili. Quattro razzi caddero attorno alla casa. Allo stesso tempo, gli attacchi si stavano svolgendo in una dozzina di città vicine. La replica di Monsieur Simon non si è fatta attendere! Molto presto, i missili vengono inviati sulle posizioni terroristiche. Sentiamo la partenza di mortai e missili grad. La risposta è ferma ma gli oppositori jihadisti non si sono fermati, e rispondono a loro volta.

Durante questi scambi di fuoco che durano tutto il giorno, approfitto di un “time out” per lasciare la casa in compagnia della signora Rima per fornire in abbondanza farina, zucchero e olio  alla sua associazione per aiutare i più poveri. Le donne di questa associazione hanno deciso, durante la guerra, di fare piccole torte che rivendevano per restituire i profitti ai più poveri, in particolare alle famiglie di martiri. Chiusi nella cucina di questo centro, portando il materiale scopriamo volti atterriti. Non restare in giro! I caffè e gli scambi calorosi non dovrebbero farci dimenticare che c’è una grande possibilità che gli attacchi continuino e  che è pericoloso.

Il signor Simon e io arriviamo a casa alla stessa ora. Ho appena distribuito cibo e lui i missili. Ridendo, mi fa ascoltare una registrazione da una conversazione intercettata tra terroristi dove sentiamo:

“Colpisci le chiese, colpisci le chiese, questi maiali di cristiani sono nelle chiese” …

Dall’estate 2018, un cessate il fuoco è stato ufficialmente decretato dai russi e dai turchi su richiesta dei terroristi … I turchi che si trovano all’interno delle posizioni terroristiche hanno allestito numerosi centri di osservazione. Per quanto riguarda i russi, circondano la tasca di Idleb dal lato del governo con i soldati dell’esercito arabo siriano.

Tuttavia, questo accordo di pace viene costantemente interrotto da ripetuti attacchi di al-Nusra [Tharir al Sham/al Qaeda] e dei loro affiliati che si rivolgono liberamente ai civili per mezzo di proiettilie missili …

Altrove nel paese, la pace è tornata, la vita ha ripreso il suo corso, il peggio è ormai alle spalle ma per gli altri, l’inferno continua ed è quotidiano …

Abituato a vivere in una Siria ancora una volta serena, avevo dimenticato le sensazioni di un tale clima di paura e ansietà. Avevo dimenticato questa atmosfera di morte. La conoscevo bene a causa delle mie regolari visite ad Aleppo tra il 2015 e il 2017, al culmine di quella lunga battaglia fino alla sua liberazione. L’avevo conosciuto bene anche in altre circostanze, come durante quelle ore che ho percorso le strade spaventose che attraversavano il paese, quelle che toccano le aree detenute da ISIS e Al Nusra.

Anche a me capita di dimenticare che sfortunatamente molti sono quelli per cui nulla è finito!

Non ti indirizzo questo messaggio per incolparti ma sono indignato. Il silenzio dei media è travolgente, soprattutto quando ci dicono che tutto è finito in Siria! In realtà qui continuiamo a uccidere in silenzio, nessuno è lì a riferire i fatti.

Non aspettare che i media parlino solo dei civili nella regione di Idleb per interessarti a Mhardeh. Non commettere lo stesso errore delle battaglie di Aleppo e Damasco! Devi capire che Mhardeh sta morendo lentamente …

Oggi i nostri fratelli muoiono in silenzio e solo tu puoi aiutarci ad alleviare le loro sofferenze. Abbiamo bisogno di te, delle tue preghiere, del tuo aiuto, delle tue donazioni.

Aiutaci a sostenere Mhardeh! Aiutaci a sostenere i suoi abitanti!

Alexandre Goodarzy, capo della missione in Siria. (11/03/2019)

Il 4 aprile 2019, un giovane di Mhardeh è morto sotto la pioggia di proiettili sparati dai terroristi dell’HTS. Majd Kdissa si unì ai suoi pari, i 160 martiri di questo villaggio siriano situato in prima linea.
I cristiani a Mhardeh continuano a subire attacchi quotidiani da parte di gruppi terroristici Idlib. Stanno ancora combattendo per il loro paese, per le loro famiglie, per sopravvivere.

Emergency Mhardeh # 1  – Mhardeh sta morendo lentamente, in silenzio.

Emergency Mhardeh # 2  – I terroristi hanno appena bombardato Mhardeh.

Emergency Mhardeh # 3  – Silence uccide Mhardeh, la tua azione la salverà!

Emergency Mhardeh # 4  – La lotta quotidiana di Mhardeh.

Emergency Mhardeh # 5  – Le nostre anime non sono più costose di quelle dei nostri figli.

Emergency Mhardeh # 6  – I cristiani di Mhardeh sacrificano le loro vite in modo che il terrorismo non avvenga a casa.

Emergency Mhardeh # 7 – La lotta delle donne a Mhardeh.

Emergency Mhardeh # 8 – Possa Dio essere con noi.

Emergency Mhardeh # 9 – Gocce d’acqua in un braciere.

Mhardeh Emergency # 10 – Il dolore insopportabile di una nonna in lutto.

Urgency Mhardeh # 11 – Possa riposare in pace e vegliare su di noi.