Chi rema contro al dialogo con la Corea del Nord?

In più di un’occasione abbiamo sottolineato che ogni volta che gli USA e la RPDC cercano di stabilire un dialogo, le forze anti-Trump negli Stati Uniti cercano di sabotare questi sforzi. Il loro approccio è semplice e diretto, inizia un’indagine ampiamente pubblicizzata. Il suo scopo principale è quello di stabilire che la RPDC stia ingannando gli Stati Uniti, dal momento che la Corea del Nord continua a sviluppare segretamente tecnologie, aveva promesso di vietare, fallendo così i suoi obblighi, il che significa che Donald Trump, che ha permesso che ciò accada, è un incompetente e  capo indegno.

Il penultimo tentativo di questa natura è stato fatto nel novembre 2018, quando tra le voci che il secondo vertice tra Donald Trump e Kim Jong-un stava per aver luogo, il Centro di analisi per gli studi strategici e internazionali (CSIS) ha scoperto la presenza di 13 Basi o strutture militari nord-coreane “la cui esistenza era finora sconosciuta”. In realtà, come si è scoperto, tutti erano in realtà pienamente a conoscenza di questi siti. Quindi, questo è stato un tentativo di incriminare Kim Jong-un per il mancato adempimento delle sue promesse che non ha mai fatto.

Vale anche la pena ricordare che il centro in questione è una roccaforte per i nemici di Trump. E il programma per studiare la Corea del Nord è guidato da Victor Cha, noto falco della politica estera, che l’amministrazione Trump ha quasi nominato Ambasciatore della Corea del Sud.

A metà gennaio del 2019, il New York Times si  riferì a un’analisi pubblicata dal Middlebury Institute of International Studies nel suo articolo in cui affermava che la Corea del Nord stava collaborando con ricercatori stranieri per apprendere le abilità biotecnologiche e successivamente costruire armi biologiche. Secondo Andrew C. Weber, responsabile dei programmi di difesa nucleare, chimica e biologica sotto il presidente Obama, “la Corea del Nord ha molte più probabilità di usare armi biologiche di quelle nucleari” e “Gli esperti sospettano da tempo che il Nord porti il ​​germe, che nel 1980 fu dichiarato sradicato dalle popolazioni umane “.

Certo, è possibile che “il Nord potrebbe benissimo non avere nessuna bio-arma – solo ricerca, prototipi, test umani e la possibilità di precipitarsi nella produzione industriale”, ma gli autori dell’articolo scelgono ancora esperti come Anthony H. Cordesman (ex funzionario dell’intelligence del Pentagono, ora al CSIS) che è fiducioso che il Nord “ha fatto passi da gigante in tutte le aree tecniche necessarie per la produzione di un importante arsenale di germi”. I successi ottenuti dalla DPRK nel campo della medicina sono presentati al pubblico come sviluppi di ricerca segreti o preparativi per tali studi. Sembra che siano stati identificati “white paper militari della Corea del Sud”almeno dieci strutture nel Nord che potrebbero essere coinvolte nella ricerca e nella produzione di più di una dozzina di agenti biologici, compresi quelli che causano la peste e le febbri emorragiche. “E i disertori della RPDC hanno descritto prove che hanno coinvolto test di armi biologiche sui prigionieri politici .

Prova chiave di questo risultato è che diversi disertori dei ranghi militari della Corea del Nord sono risultati positivi agli anticorpi contro il vaiolo, il che significa che sono stati esposti al virus mortale o sono stati vaccinati contro di esso (da tempo erano disponibili vaccinazioni contro malattie infettive anche in Unione Sovietica e oltre? O non lo hai mai sentito?). Aumento delle ricerche sul web nel nord su “resistenza agli antibiotici”, “materia oscura microbica”, “la proteina CAS” e altri soggetti simili indicano un crescente interesse negli ultimi studi su geni e microrganismi. Inoltre, almeno 100 articoli, scritti congiuntamente da scienziati nordcoreani e stranieri, descrivono una ricerca potenzialmente utile per l’esercito. E una prova chiave è che nel 2015, I media statali hanno mostrato chiaramente Kim Jong-un, “un impianto per la biotecnologia”, che, secondo fonti ufficiali, produce pesticidi, ma sappiamo tutti che questo despota assetato di sangue non è in grado di esprimere gioia per qualcosa di buono. Ciò significa che entro poche settimane questo luogo può essere trasformato in un impianto di produzione per la produzione di una forma secca di spore di antrace.

Sebbene i dipendenti dei servizi segreti statunitensi non abbiano dato credito a tali conclusioni pubblicamente, da allora sono iniziate discussioni che ricordano con forza all’autore i tempi in cui tutto il mondo era preoccupato per le armi biologiche nell’Iraq di Saddam. Durante quel periodo ci fu anche una ricerca di laboratori segreti, e questo fu usato come pretesto per distruggere l’intero settore alimentare o medico. Dopotutto, se una struttura può essere teoricamente utilizzata per fabbricare armi biologiche, un regime sanguinoso trarrà certamente vantaggio da tali capacità. Quindi, un luogo tanto temuto doveva essere distrutto il più rapidamente possibile.

Il 14 gennaio 2019, Bloomberg ha riferito che, secondo gli specialisti, la Corea del Nord ha continuato a lavorare sui suoi programmi nucleari e missilistici in segreto. L’analisi dei dati, raccolta dai satelliti e delle informazioni, trapelate dai servizi di intelligence statunitensi, mostra che la RPDC produce missili e testate di massa al ritmo normale, e che Kim Jong-un ha ottenuto abbastanza materiale per produrre circa 6 bombe nucleari. L’esperto capo è Melissa Hanham, un ricercatore specializzato nell’analisi della proliferazione di armi basate su fonti pubblicamente disponibili.

Il 21 gennaio, la Reuters ha riferito che gli Stati Uniti hanno nuovamente scoperto “un sito missilistico non dichiarato” di cui era a conoscenza. Secondo un nuovo rapporto del CSIS, ” La Corea del Nord non dichiarata : la base operativa missilistica di Sino-ri e le Forze strategiche” una delle basi operative missilistiche scoperte da loro “si inserisce nella presunta strategia militare nucleare della Corea del Nord fornendo un livello operativo capacità di primo attacco nucleare o convenzionale. “Questa base di 18 km2 si trova a 212 km a nord della Demilitarized Zone e ospita un arsenale di missili balistici nascosti che include missili Nodong-1 a medio raggio, in grado di raggiungere la Corea del Sud, il Giappone e persino l’isola di Guam nella parte occidentale dell’Oceano Pacifico.

Il CSIS ha evidenziato che, sulla base delle immagini satellitari del dicembre 2018, la base militare è operativa con la sede della Brigata delle forze strategiche missilistiche e un’accademia per addestrare ufficiali di operazioni missilistiche situate nelle sue vicinanze. Molto probabilmente ospita missili balistici strategici. Tuttavia, la questione delle basi operative missilistiche non è stata completamente affrontata durante i negoziati tra Stati Uniti e Corea del Nord.

Come previsto, il coautore del rapporto è stato Victor Cha. Naturalmente, la base militare in questione non è mai stata dichiarata dalla Corea del Nord e, di conseguenza, non fa parte dei negoziati di denuclearizzazione. In altre parole, se i nordcoreani scelgono di smantellare i loro impianti nucleari, ciò influenzerà solo i siti precedentemente dichiarati, ma in realtà ce ne sono molti di più.

In realtà, questa struttura è stata di dominio pubblico già da un po ‘di tempo in Corea del Sud. Un portavoce dello stato maggiore congiunto di ROK, Kim Joon-rak, ha osservato “Stiamo monitorando” questa struttura “con interesse, in collaborazione con gli Stati Uniti”.

La reazione degli esperti, che lavorano per il sito web 38north e specializzata nell’analisi di immagini satellitari, è molto più degna di nota. Hanno detto che i tempi del rapporto CSIS erano ” deplorevoli “.

Sì, è chiaro che la compilazione descrittiva delle immagini satellitari è interessante, ma conferma semplicemente ciò che abbiamo sempre saputo: la RPDC ha una vasta rete di basi missilistiche e molte di queste sono state mantenute e utilizzate per decenni. La base, che i nordcoreani apparentemente nascondevano dal resto del mondo, esiste da almeno negli anni ’60. Il fatto che Pyongyang abbia scelto di non informare la comunità globale su questa particolare base missilistica non significa che i servizi di intelligence americani e sudcoreani non fossero a conoscenza di questa struttura o di ciò che potrebbe accadere lì.

Ciò che è veramente importante è che il rapporto “CSIS” crea una descrizione fuorviante sulle motivazioni, le intenzioni e le azioni della Corea del Nord in un momento in cui il fragile processo diplomatico USA-DPRK sta lottando per guadagnare quota. “” Il popolo americano viene condotto alla prematura – forse anche ingiustificato – conclusione che la diplomazia con la Corea del Nord è nel migliore dei casi una perdita di tempo. “

Gli esperti del portale web del nord hanno affermato che la tesi centrale del rapporto è che “la RPDC è una forza sinistra”, un’opinione “profondamente presa dalla maggior parte dei funzionari americani e dagli esperti statunitensi sulla Corea del Nord (e forse comprensibilmente data dai quasi settant’anni di aperta ostilità tra Stati Uniti e Nord). “Di conseguenza” i media americani come il New York Times , il Washington Post, la CNN e la NBC “(avremmo aggiunto che questi non sono sostenitori di Donald Trump)” hanno la tendenza a denunciare ogni ostacolo, un passo indietro o un’espressione da parte di un funzionario nordcoreano sia come una crisi della sicurezza nazionale sia come prova incontrovertibile della perfidia nordcoreana “.

Nel frattempo, nonostante i rapporti dei media e le dichiarazioni ufficiali degli Stati Uniti al contrario, Kim Jong-un deve ancora firmare un accordo ufficiale con gli Stati Uniti sulla denuclearizzazione. Le accuse che il leader nordcoreano ha violato i termini di questo accordo, raggiunto con Donald Trump, sono infondate da quando Kim Jong-un non ha firmato un trattato di questo tipo né ha assunto obblighi di fornire informazioni sul suo programma missilistico o di smantellarlo. In effetti, la parola “missile” non è stata menzionata nemmeno una volta nella dichiarazione congiunta firmata alla fine del vertice di Singapore.

Gli esperti sudcoreani osservano inoltre che la relazione CSIS potrebbe essere vista da due punti di vista. In primo luogo, il documento riflette una posizione, sostenuta dalla società americana in precedenza, secondo la quale la DPRK non è attendibile. In secondo luogo, esprime riserve sul fatto che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump potrebbe essere disposto a fare concessioni indesiderate alla Corea del Nord.

Tuttavia, gli oppositori al dialogo si rifiutano di calmarsi, e il 16 febbraio il CSIS ha pubblicato un altro rapporto, questa volta sulla situazione in un’altra base di lancio missilistica nordcoreana segreta e non dichiarata vicino al villaggio di Sannam-ri, nella contea di Hochun ad Hamgyeongnam -do Provincia. Il documento afferma che questa base si trova a 310 km a nord est di Pyongyang e ospita missili balistici a medio e lungo raggio, Hwasong-10, indicato anche come Musudan. Il rapporto sottolinea che in caso di dispiegamento, i missili Hwasong-10, la cui portata supera i 3.000 km, possono raggiungere i paesi dell’Asia orientale, Guam e la base militare degli Stati Uniti a Okinawa. Viene evidenziato il fatto che questa base non fa parte dei negoziati DPRK-USA sulla denuclearizzazione. Pertanto, le due parti hanno finora concordato solo la chiusura della struttura di prova missilistica Tongchang-ri,

Dichiarazioni fatte da esperti anonimi sull’uso di siti civili da parte della Corea del Nord per assemblare e testare i missili balistici, o rapporti di media giapponesi sul fatto che la RPDC ha ripetutamente violato le sanzioni imposte dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, nonostante i preparativi per il secondo vertice USA – Corea del Nord , sono anche tutti su queste stesse linee. Quindi, il 17 febbraio 2019, l’agenzia di stampa Kyodo News ha riferito che Pyongyang ha utilizzato stabilimenti di produzione, aeroporti e altri siti non militari per sviluppare e testare armi nucleari e missili balistici. Inoltre, l’agenzia fa riferimento a un rapporto, pubblicato da un gruppo di esperti del Comitato per le sanzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU sulla Corea del Nord, che apparentemente contiene la prova che il Nord sta assemblando nuovi missili balistici Hwasong-15, in grado di raggiungere gli Stati Uniti, in un impianto di produzione di camion.

Secondo il documento, l’intero processo di assemblaggio, stoccaggio e collaudo di queste armi è stato diffuso tra i siti civili, che sono stati equipaggiati di conseguenza. È stato anche riferito che l’impianto nucleare di Yongbyon, che doveva essere chiuso, è ancora operativo. Apparentemente, il rapporto è stato presentato al comitato per le sanzioni fin dal 1 ° febbraio e verrà pubblicato a breve. Quindi, non è ancora accessibile per l’analisi indipendente, e non è ancora chiaro fino a che punto le informazioni derivanti da questa fonte, nota per la sua inclinazione alle aringhe rosse, siano accurate. è ancora operativo. Apparentemente, il rapporto è stato presentato al comitato per le sanzioni fin dal 1 ° febbraio e verrà pubblicato a breve. Quindi, non è ancora accessibile per l’analisi indipendente, e non è ancora chiaro fino a che punto le informazioni derivanti da questa fonte, nota per la sua inclinazione alle aringhe rosse, siano accurate. è ancora operativo. Apparentemente, il rapporto è stato presentato al comitato per le sanzioni fin dal 1 ° febbraio e verrà pubblicato a breve. Quindi, non è ancora accessibile per l’analisi indipendente, e non è ancora chiaro fino a che punto le informazioni derivanti da questa fonte, nota per la sua inclinazione alle aringhe rosse, siano accurate.

Chiaramente, è impossibile ignorare che i negoziati tra Stati Uniti e Corea del Nord hanno un effetto significativo sulla politica interna degli Stati Uniti. E molti dei documenti CSIS non riguardano solo il fatto che Kim Jong-un sta ingannando tutti e Donald Trump è uno sciocco a credergli, ma invece sono, prima di tutto, rivolti al pubblico target di Trump negli Stati Uniti, così come per alienare i suoi elettori. Tuttavia, tali rapporti vengono letti in altri paesi, dove queste sfumature non sono sempre comprese. Quindi, ci auguriamo che, come gli esperti di 38north hanno espresso meglio, “Il prossimo vertice Trump-Kim non dovrebbe deragliare sulla base di insinuazioni, vecchie notizie e argomenti tendenziosi”.

Konstantin Asmolov, PhD in History, ricercatore principale presso il Center for Korean Studies dell’Istituto di studi sull’Estremo Oriente dell’Accademia Russa delle Scienze, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook

Source link

Pubblicità