Cardinale Müller: la condanna del Cardinale Pell è ‘Contro ogni ragione e giustizia’

Il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede ha dichiarato al National Catholic Register che le accuse contro il Cardinale Pell sono “assolutamente inconcepibili”.

Di seguito un articolo di Edward Pentin, nella traduzione di Annarosa Rossetto ( blog Sabino Paciolla) .

.Le accuse che hanno portato alla condanna del Card. George Pell per abuso sessuale sono “assolutamente incredibili” e “senza prove“, ha affermato il Card. Gerhard Müller.

Il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede ha anche affermato che la condanna è “assolutamente contro ogni ragione e giustizia” e assomiglia ad una concezione della giustizia dei tempi del re Enrico VIII.

“Come tutti gli altri, non riesco a vedere la colpevolezza”, ha dichiarato il Card. Müller al National Catholic Register il 4 marzo.

Una giuria a dicembre ha condannato il cardinale Pell per aver aggredito sessualmente due ragazzi nella sacrestia della Cattedrale di San Patrizio a Melbourne nel 1996.

Il verdetto è stato reso pubblico solo il mese scorso dopo la revoca di un “ordine di soppressione” per i media.

Il cardinale australiano, che sempre ha protestato energicamente la propria innocenza e sta facendo appello contro il verdetto, è attualmente detenuto in isolamento fino alla sentenza del 13 marzo.

Come ex prefetto della Segreteria per l’Economia dal 2014 al 2019, in pratica Ministro del tesoro del Vaticano, il cardinale Pell era la terza personalità più alta del Vaticano. È il personaggio ecclesiastico più anziano ad essere mai stato condannata per abuso sessuale.

Dopo un processo conclusosi con un nulla di fatto a settembre, la giuria del secondo processo è stata unanime, nonostante il cardinale abbia risposto alle accuse contro di lui definendole come una serie di “assurde bugie” e con la maggior parte delle imputazioni che poggiavano solo sulla parola del querelante.

Durante un’udienza prima della sentenza, il giudice Peter Kidd aveva descritto il crimine come una “spudorata, insensibile offesa”, aggiungendo che era “una condotta scioccante contro due ragazzi”, e che Pell lo aveva fatto “in circostanze così sfrontate che evidentemente sentiva di avere un certo grado di impunità“.

Ma i sostenitori del cardinale non riescono a credere che egli possa aver commesso un tale crimine, specialmente in un luogo così pubblico. L’abuso sarebbe avvenuto in due occasioni, nel 1996 e nel 1997, non molto tempo dopo che Pell era stato nominato arcivescovo.

“Nessuno ha assistito”, osserva il Cardinale Müller, e sostiene che non può credere che un fatto del genere sia potuto accadere con “tutte le altre persone” probabilmente presenti dopo la Messa.

Il cardinale tedesco ha affermato che il crimine “dovrebbe aver avuto luogo non in una casa privata, ma nella cattedrale pubblica”.

“Le accuse contro di lui sono assolutamente incredibili, è impossibile. Sono senza prove, contro tutte le evidenze oggettive”, ha detto il cardinale Müller.

“Se non ci sono prove, non si può condannare una persona a 50 anni di carcere”, ha continuato.

“È un modo di intendere la giustizia che risale ai tempi di Enrico VIII” e “mostra una corruzione del sistema giuridico che segue la corrente dell’opinione pubblica”, ha concluso.

 

Fonte: National Catholic Register

 

L’articolo Cardinale Müller: la condanna del Cardinale Pell è ‘Contro ogni ragione e giustizia’ proviene da Il blog di Sabino Paciolla.

Source link