Caos Bolivia: come utilizzare una frattura in un paese per sfruttarne le risorse

Lo avevo già scritto. Una delle cause del golpe in Bolivia  è lo sfruttamento delle risorse, tra queste il Litio – il nuovo petrolio del nostro secolo –  ha scatenato la corsa all’accaparramento da parte delle multinazionali e delle grandi potenze mondiali. Il presidente Evo Morales aveva deciso di non esportare il prodotto grezzo ma quello finito. Ma non ritenendo vantaggiose le condizioni offerte dalle multinazionali occidentali si era rivolto alle imprese cinesi. Il 4 novembre il fallimento di una negoziazione con una azienda tedesca , nei giorni successivi il caos. Come vediamo, i disordini non terminano neanche con le dimissioni forzate di Morales. Si dirà così che il governo di transizione dovrà durare più a lungo e che le elezioni non sono possibili in questo momento. C’è da scommettere che la politica di morales delle nazionalizzazioni – che era risultata vincente – sarà accantonata. Se ci saranno precipitose privatizzazioni e riforme effettuate da governo ad interim di una qualche ‘giunta’ che si insedierà a tempo indeterminato, non sarà certamente nel senso di una maggiore democrazia. Spero che questo non accadrà ma gli ingredienti ci sono tutti..
Tutto ciò è illustrato in maniera impeccabile nell’articolo di  Counter Punch che rilancio qui di seguito.

@vietatoparlare

Dopo Evo, si riaccende la domanda al litio boliviano

di VIJAY PRASHAD – Counterpunch

Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato rovesciato in un colpo di stato militare il 10 novembre. Ora è in Messico. Prima di lasciare l’incarico, Morales era stato coinvolto in un lungo progetto per portare la democrazia economica e sociale nel suo paese a lungo sfruttato. È importante ricordare che la Bolivia ha subito una serie di colpi di stato, spesso condotti dai militari e dall’oligarchia per conto delle compagnie minerarie transnazionali. Inizialmente si trattava di aziende di latta, ma la latta non è più l’obiettivo principale in Bolivia. L’obiettivo principale sono i suoi enormi depositi di litio, cruciali per l’auto elettrica.

Negli ultimi 13 anni, Morales ha cercato di costruire una relazione diversa tra il suo paese e le sue risorse. Non ha voluto che le risorse andassero a beneficio delle compagnie minerarie transnazionali, ma piuttosto a beneficio della propria popolazione. Parte di questa promessa è stata mantenuta quando il tasso di povertà della Bolivia è diminuito e la popolazione della Bolivia è stata in grado di migliorare i suoi indicatori sociali. La nazionalizzazione delle risorse unita all’uso del proprio reddito per finanziare lo sviluppo sociale ha avuto un ruolo. L’atteggiamento del governo Morales verso le imprese transnazionali ha prodotto una dura risposta da parte loro, molti dei quali hanno portato la Bolivia in tribunale.

Nel corso degli ultimi anni, la Bolivia ha faticato a raccogliere investimenti per sviluppare le riserve di litio in modo da riportare la ricchezza nel paese per la sua gente. Il vicepresidente di Morales, Álvaro García Linera, ha affermato che il litio è il “carburante che alimenterà il mondo”. La Bolivia non è stata in grado di concludere accordi con le società transnazionali occidentali; ha deciso di collaborare con aziende cinesi. Ciò ha reso vulnerabile il governo Morales. Era entrato nella nuova guerra fredda tra Occidente e Cina. Il colpo di stato contro Morales non può essere compreso senza uno sguardo a questo scontro.

Scontro con le imprese transnazionali

Quando Evo Morales e il Movimento per il socialismo presero il potere nel 2006, il governo cercò immediatamente di annullare decenni di furto da parte delle società minerarie transnazionali. Il governo di Morales ha sequestrato molte delle operazioni minerarie delle aziende più potenti, come Glencore, Jindal Steel & Power, Anglo-Argentine Pan American Energy e South American Silver (ora TriMetals Mining). Mandò un messaggio che gli affari come al solito non sarebbero continuati.

Tuttavia, queste grandi aziende hanno continuato le loro operazioni – sulla base di contratti più vecchi – in alcune aree del paese. Ad esempio, la società transnazionale canadese South American Silver aveva creato una società nel 2003 – prima che Morales salisse al potere – per estrarre il Malku Khota per argento e indio (un metallo di terre rare usato nei televisori a schermo piatto). L’argento sudamericano ha quindi iniziato ad estendere la sua portata nelle sue concessioni. La terra che rivendicava era abitata da boliviani indigeni, i quali sostenevano che la compagnia stava distruggendo i suoi spazi sacri e promuovendo un’atmosfera di violenza.

Il 1 ° agosto 2012, il governo Morales – con il decreto supremo n. 1308 — annullò il contratto con la South American Silver (TriMetals Mining), che poi cercò un arbitrato e un risarcimento internazionali. Il governo canadese di Justin Trudeau, nell’ambito di una più ampia spinta da parte delle compagnie minerarie canadesi in Sud America, ha esercitato un’enorme pressione sulla Bolivia. Nell’agosto 2019, TriMetals ha siglato un accordo con il governo boliviano per $ 25,8 milioni, circa un decimo di quello che in precedenza aveva richiesto come compensazione.

Jindal Steel, una società transnazionale indiana, aveva un vecchio contratto per estrarre il minerale di ferro da El Mutún in Bolivia, un contratto che era stato sospeso dal governo Morales nel 2007. Nel luglio 2012, Jindal Steel ha risolto il contratto e ha chiesto arbitrato e risarcimento internazionali per il suo investimento. Nel 2014, ha vinto $ 22,5 milioni dalla Bolivia in una sentenza della Camera di commercio internazionale con sede a Parigi. Per un altro caso contro la Bolivia, Jindal Steel ha richiesto un risarcimento di $ 100 milioni.

Il governo Morales ha sequestrato tre strutture dalla società mineraria transnazionale svizzera Glencore; questi includevano una miniera di stagno e zinco e due fonderie. L’espropriazione della miniera ebbe luogo dopo che la filiale di Glencore si scontrò violentemente con i minatori.

Più aggressivamente, Pan American ha fatto causa al governo boliviano per $ 1,5 miliardi per l’espropriazione della partecipazione della società anglo-argentina nel produttore di gas naturale Chaco da parte dello stato. La Bolivia si è stabilita per $ 357 milioni nel 2014.

La scala di questi pagamenti è enorme. Nel 2014 è stato stimato che i pagamenti pubblici e privati ​​effettuati per la nazionalizzazione di questi settori chiave ammontano ad almeno $ 1,9 miliardi (il PIL della Bolivia era allora $ 28 miliardi).

Nel 2014, anche il Financial Times ha concordato che la strategia di Morales non era del tutto inappropriata. “La prova del successo del modello economico di Morales è che da quando è salito al potere ha triplicato le dimensioni dell’economia aumentando al contempo le riserve estere record.”

Litio

Le principali riserve della Bolivia sono al litio, che è essenziale per l’auto elettrica. La Bolivia afferma di avere il 70 percento delle riserve mondiali di litio, principalmente nelle saline di Salar de Uyuni. La complessità dell’estrazione e della lavorazione ha fatto sì che la Bolivia non sia stata in grado di sviluppare da sola l’industria del litio. Richiede capitale e richiede competenza.

La salina si trova a circa 3.600 metri sul livello del mare e riceve forti piogge. Ciò rende difficile utilizzare l’evaporazione basata sul sole. Soluzioni così più semplici sono disponibili nel deserto cileno di Atacama e nell’argentino Hombre Muerto. Sono necessarie più soluzioni tecniche per la Bolivia, il che significa che sono necessari maggiori investimenti.

La politica di nazionalizzazione del governo Morales e la complessità geografica di Salar de Uyuni hanno scacciato diverse società minerarie transnazionali. Eramet (Francia), FMC (Stati Uniti) e Posco (Corea del Sud) non sono riusciti a concludere accordi con la Bolivia, quindi ora operano in Argentina.

Morales ha chiarito che qualsiasi sviluppo del litio doveva essere fatto con il Comibol della Bolivia – la sua compagnia mineraria nazionale – e Yacimientos de Litio Bolivianos (YLB) – la sua compagnia nazionale di litio – come partner uguali.

L’anno scorso, i sistemi ACI tedeschi hanno concordato un accordo con la Bolivia. Dopo le proteste dei residenti nella regione di Salar de Uyuni, Morales ha annullato l’accordo il 4 novembre 2019.

Le aziende cinesi, come TBEA Group e China Machinery Engineering, hanno stretto un accordo con YLB. Si diceva che il gruppo cinese Tianqi Lithium, che opera in Argentina, avrebbe stretto un accordo con YLB. Sia gli investimenti cinesi che la società boliviana al litio stavano sperimentando nuovi modi sia per estrarre il litio sia per condividere i profitti del litio. L’idea che ci potesse essere un nuovo patto sociale per il litio era inaccettabile per le principali compagnie minerarie transnazionali.

Tesla (Stati Uniti) e Pure Energy Minerals (Canada) hanno entrambi mostrato grande interesse ad avere una partecipazione diretta nel litio boliviano. Ma non potevano fare un accordo che avrebbe preso in considerazione i parametri stabiliti dal governo Morales. Lo stesso Morales rappresentava un impedimento diretto all’acquisizione dei campi di litio da parte delle società transnazionali non cinesi. Doveva andare.

Dopo il colpo di stato, lo stock di Tesla è aumentato astronomicamente.

Questo articolo è stato prodotto da Globetrotter , un progetto dell’Independent Media Institute.

L’ ultimo libro di Vijay Prashad è No Free Left: The Futures of Indian Communism (Nuova Delhi: LeftWord Books, 2015).

source:https://www.counterpunch.org/2019/11/13/after-evo-the-lithium-question-looms-large-in-bolivia/?fbclid=IwAR0C227sOCWTTWtdz6yjff1E2Yv7RHT954fErDMmRjEPf7soCw03gXnC9NM