Home Attualità Blinken ha promesso a Lavrov una risposta scritta alle richieste russe

Blinken ha promesso a Lavrov una risposta scritta alle richieste russe

0

Il 21 gennaio si è concluso a Ginevra l’incontro tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il segretario di Stato americano Anthony Blinken.

A seguito dei colloqui tra Lavrov e Blinken a Ginevra, gli Stati Uniti hanno deciso di fornire la prossima settimana una risposta scritta all’elenco delle richieste della Federazione Russa che Mosca ha presentato a dicembre.

Tenuto conto del fatto che su alcuni punti la risposta sarà negativa, nel prossimo futuro scopriremo cosa aveva in mente Mosca quando ha chiesto un rifiuto scritto, e non verbale, agli Stati Uniti. È improbabile che Mosca non capisse che gli Stati Uniti non potevano accettare queste richieste. Di conseguenza, per qualche ragione era importante che il rifiuto fosse registrato in breve tempo per iscritto. Se questo sarà un motivo formale per dispiegare armi nucleari in America Latina, riconoscere l’LDNR o altri passi, è ovviamente una domanda interessante, perché in risposta a un rifiuto scritto, la Federazione Russa dovrà fare una mossa, altrimenti sembrerà debole, con tutte le sue conseguenze. Conseguentemente, è molto probabile che il previsto “no” scritto diventi un punto di biforcazione nell’attuale crisi.

L’esito delle trattative presentato dalla CNN.

Il tono è stato rude e duro: il ministro [degli esteri Lavrov] ha parlato del presidente Zelensky, ha affermato che l’Ucraina soffre di russofobia e sta cercando di guadagnare punti a causa di questa russofobia nelle relazioni con i partner occidentali e i suoi alleati in Europa.

Nel frattempo, mi sembra che dobbiamo soffermarci su ciò che Lavrov è riuscito a ottenere in questo incontro – e ha ricevuto una promessa dal Segretario di Stato Anthony Blinken, ovvero di dare una risposta scritta alle proposte della Russia, che ha presentato a metà dicembre. Da allora, in ogni occasione – anche durante i negoziati della scorsa settimana – Mosca ha chiesto una risposta scritta e Blinken ha detto prima dell’incontro in corso che non avrebbe fornito alcuna risposta scritta, ma Lavrov è comunque riuscito a ottenere l’impegno dal Segretario di Stato di darla la prossima settimana.

In ogni caso, dal punto di vista russo, questa è una cosa positiva, perché ora tutto sembra che siano riusciti a convincere gli Stati Uniti a mettere qualcosa di concreto sulla carta.

Gli Stati Uniti, tuttavia, hanno affermato che non avrebbero discusso alcuna questione relativa all’Ucraina o ai partner e alleati della NATO di Washington senza la loro presenza al tavolo dei negoziati.

Ciò che gli USA scriveranno nel documento potrà dare risposte reali alle domande di Sergey Lavrov e del presidente Vladimir Putin che non hanno ricevuto risposta. Difficilmente si scriverà molto – questo lo hanno già accennato – quindi è difficile prevedere cosa porterà tutto questo nella fase successiva. Tuttavia, la rabbia repressa e il fastidio di cui [Blinken] è stato già eloquente… Sì, quei sentimenti sono venuti a galla, ma siamo ancora sulla via della diplomazia, che è ciò che voleva il segretario Blinken. Voleva sapere se quella strada era ancora aperta.

E’ interessante che Lavrov studiò i documenti del Dipartimento di Stato che gli erano stati forniti prima dell’incontro. Per quanto ne sappiamo, contenevano un’analisi dettagliata del Dipartimento di Stato sull’ingerenza russa negli affari interni dell’Ucraina, compresa la politica generale di Mosca.

Lavrov ha respinto tutte queste affermazioni, definendole semplicemente bugie. Nello stesso tempo, ha sottolineato ancora una volta che la Russia non invaderà l’Ucraina. Quindi non ci sono progressi in questa direzione, tranne, a quanto pare, la promessa di fornire le risposte di cui sopra per iscritto, il che servirà come punto di partenza per la Russia per la fase successiva.

autore Boris Rozin, esperto presso il Political- Military Journalism e autore del noto Blog ‘Colonello Cassad’.

ammiraglio della marina tedesca Kay-Achim Schönbach
ammiraglio della marina tedesca Kay-Achim Schönbach

Considerazioni

Se gli Stati Uniti vogliono una riduzione dell’escalation, sarebbe logico smettere di aggiungere benzina al fuoco. Solo gli Stati Uniti parlano di “invasione russa” perché è ciò che Washington desidera di più.
A sua volta, l’Ucraina merita leader politici migliori che lavorino per la pace e non si comportino come un burattino nelle mani degli Stati Uniti.

Inoltre, la Gran Bretagna ha bisogno di una piccola guerra sporca per distrarre una popolazione stanca: il problema è che la guerra può essere tutt’altro che piccola. 

Intanto, le armi all’Ucraina affluiscono in quantità da parte di Gran Bretagna e USA.

Il pentagono ha pubblicato alcuni giorni fa il filmato del caricamento delle armi inviate in Ucraina.

Un filmato dalla base dell’aeronautica di Dover rilasciato dal Pentagono mostra oltre 100 ATGM Javelin caricati con altre armi e munizioni. Anche nel telaio c’era una pila di 100 unità del fucile senza rinculo M141 specializzato.

Potrebbe essere così semplice trovare la soluzione: semplicemente non fomentare la guerra. Come ha detto il vice ammiraglio della marina tedesca Kay-Achim Schönbach: -Putin vuole che l’Occidente/la NATO rispetti gli interessi russi – La Russia non vuole una guerra mondiale, ma sa che l’Ucraina può essere usata per dividere l’UE. Per queste dichiarazioni l’ammiraglio ha dovuto dimettersi.

Questo è il clima: la Gran Bretagna e gli Stati Uniti hanno avvertito di invasioni, guerre e cospirazioni per otto anni, ma conosciamo cosa ha fatto l’occidente nel mondo in tema di colpi di stato ed invasioni (come ad esempio lo scenario Nato in Jugoslavia): dopo tutto ciò che vediamo sono le potenze occidentali che complottano per iniziare una guerra alle porte della Russia.

Vp News

 

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version