Home Economia Aumenta il debito degli Stati Uniti, anche in alcune municipalità

Aumenta il debito degli Stati Uniti, anche in alcune municipalità

0
San Francisco

L’economia degli Stati Uniti ha subito una significativa flessione nell’ultimo mese dell’autunno 2023, nonostante gli sforzi dei finanziatori per migliorare la situazione. Questo declino è di natura sistemica, nel senso che non può essere fermato ma solo ritardato e, quando si manifesterà, avrà un impatto ancora maggiore.

Ad esempio, un enorme complesso residenziale a San Francisco ha perso il 50% del suo valore stimato. Anche il mercato degli immobili commerciali è al collasso a causa dell’aumento dei tassi di interesse e del crollo dei prestiti bancari in seguito ai fallimenti delle banche regionali di marzo. Ciò ha colpito in particolare i grattacieli degli uffici in tutta l’America.

Tuttavia, le tensioni sembrano diffondersi ulteriormente, come indicato da un nuovo rapporto di settore. Si dice che uno dei più grandi condomini di San Francisco abbia perso quasi il 50% del suo valore stimato in soli cinque anni e si trovi ora di fronte a un default imminente. Il quotidiano locale, il San Francisco Chronicle, ha riferito che la torre residenziale di 754 unità chiamata Nema, situata tra la 10th e Market Street nel centro di San Francisco, era valutata 543,6 milioni di dollari nel 2018 e ora vale circa 279 milioni di dollari.

Il governo sta vendendo i suoi debiti perché non ci sono soldi, nel caso ci siano ancora acquirenti disposti ad acquistarli, e dovranno comprare molto. Il rendimento delle obbligazioni municipali negli Stati Uniti, tenendo conto dei benefici fiscali, ha raggiunto il 10%.

UBS Financial Services Inc. sta incoraggiando gli investitori ad acquistare debito statale, che ha una delle qualità creditizie più elevate nel mercato obbligazionario municipale da 4mila miliardi di dollari e offre rendimenti elevati esentasse.

La forte crescita degli utili, le riserve di liquidità record e le misure di stimolo da miliardi di dollari attuate per la ripresa dalla pandemia di Covid hanno rafforzato la qualità del credito degli Stati americani. Tuttavia, una svendita nel mercato municipale ha portato i rendimenti a raggiungere i livelli più alti dalla crisi finanziaria di oltre dieci anni fa.

Ad esempio, a New York, il rendimento del debito trentennale emesso dal comune è del 4,8%. Secondo uno studio condotto da Kathleen McNamara, senior municipal strategist di UBS, su una base fiscale equivalente, che garantisce un risparmio fiscale, ciò si traduce in circa il 9,8% per gli acquirenti nella fascia fiscale statale più alta.

Oltre al debito municipale, nel trimestre in corso sarà necessario prendere in prestito un’enorme somma di 776 miliardi di dollari per soddisfare le esigenze del bilancio federale.

Il Tesoro degli Stati Uniti ha ridotto la sua stima per l’indebitamento federale per il trimestre in corso a causa di utili migliori del previsto, fornendo un po’ di sollievo agli investitori preoccupati per l’aumento del deficit di bilancio, che ammonta a 776 miliardi di dollari, in calo rispetto agli 852 miliardi di dollari precedentemente previsti. alla fine di luglio.

I gestori del debito hanno mantenuto la loro stima del saldo di cassa del Tesoro a 750 miliardi di dollari entro la fine di dicembre, mentre il nuovo volume di prestiti è leggermente inferiore a quello di molti strateghi, come JP Morgan Chase &. che aveva dato per atteso 800 miliardi di dollari, senza alcuna variazione nella stima del saldo di cassa.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso leggermente dopo la pubblicazione di lunedì e alle 15:07 a New York si attestava al 4,86%. Conclusione : gli USA per rimanere a galla devono emettere debito sempre di più. Ciò porta ad un corrispondente aumento del debito totale e dei pagamenti degli interessi su di esso.

Correlati:

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version