20 anni dalle storiche dimissioni di Oskar Lafontaine – le vere ragioni dietro una decisione che ha segnato la storia tedesca ed europea

Esattamente 20 anni fa Oskar Lafontaine si dimetteva da Ministro delle Finanze del governo Schröder e dalla carica di segretario della SPD. Sulle Nachdenkseiten Albrecht Müller, economista, pubblicista, ed ex deputato SPD al Bundestag ripercorre le vere ragioni dietro una decisione storica che ha segnato la storia della sinistra tedesca. Ne scrive l’ottimo Albrecht Müller sulle Nachdenkseiten 

Pubblicità
Esattamente 20 anni fa Oskar Lafontaine rassegnava le dimissioni da Ministro delle finanze e da presidente della SPD. L’opinione dei media e anche di una parte significativa del pubblico su quegli avvenimenti è un esempio davvero impressionante della possibilità di influenzare l’opinione pubblica e soprattutto i media – indipendentemente da come stessero realmente le cose e dalle ragioni delle sue dimissioni. Albrecht Müller.
Non ci sarebbe piu’ bisogno di scrivere su questo argomento se ancora oggi non avesse una certa rilevanza.
I commenti e le opinioni di Lafontaine ancora oggi risultano pungenti. Disturbano e mettono in discussione l’adattamento continuo della sinistra allo Zeitgeist neoliberista e militarista. Lafontaine si schiera contro l’interventismo militare. Lafontaine critica la linea politica ed economica europea che condanna l’Europa del sud. Infilza l’ideologia neoliberista nella maniera piu’ coerente possibile.
Lafontaine viene visto come un ostacolo al tentativo di estrarre dalla Linke anche i denti piu’ critici, e resta un elemento di rottura all’interno del corso politico di adattamento della SPD. La svalutazione e la diffamazione delle ragioni che 20 anni fa portarono alla sua uscita di scena restano uno strumento importante con il quale ancora oggi viene svalutata la sua condotta politica attuale. Ancora una volta cercheremo di giustificare la fermezza con cui esattamente 20 anni fa egli prendeva quella decisione.
Le ragioni del ritiro – una seria divergenza di opinioni con il Cancelliere e la consapevolezza che Schröder stava giocando di sponda, in gran parte attraverso i media, una partita contro il leader di partito Lafontaine.
Le tre grandi differenze:
1) Gerhard Schröder e Joschka Fischer, il cancelliere designato e il vice-cancelliere, nel mese di ottobre del 1998 durante la loro visita a Washington, avevano già concordato con il governo degli Stati Uniti di partecipare ad una guerra contro la Jugoslavia, che in seguito sarebbe diventata la guerra del Kosovo. Si trattava del primo intervento militare all’estero al di fuori del territorio della NATO e una vera rottura nella politica tedesca. Ciò non era stato discusso con il leader di partito Lafontaine e si trattava di una prima vera violazione del rapporto di fiducia.
2) Come Ministro delle Finanze federale Lafontaine voleva imporre la regolamentazione dei mercati finanziari e in particolare si batteva contro l’invenzione e la diffusione di nuovi prodotti finanziari. Questo non era nello spirito di Gerhard Schröder e dei suoi evidenti legami con la finanza internazionale.
3) Lafontaine rappresentava un ostacolo contro i tagli al welfare e i tagli fiscali a favore delle grandi aziende e dei redditi piu’ alti. A partire dal dicembre 1998 nella Cancelleria federale si era formata la cosiddetta alleanza per il lavoro. Questo raggruppamento, allineato e sostenuto dalla Fondazione Bertelsmann, è servito a preparare l’agenda 2010. Lafontaine durante l’inverno e la primavera del 1999 era già a conoscenza di quali fossero i progetti di Schröder e da chi era guidato.
Tra Schröder, il Cancelliere federale e Lafontaine, il Presidente della SPD, c’era già stato probabilmente un accordo secondo il quale i principali cambiamenti nella linea politica dovevano essere risolti di comune accordo. Gerhard Schröder non vi si era attenuto fin dall’inizio.
Come dichiarato da Lafontaine, la Bild-Zeitung aveva già pubblicato una dichiarazione di Schröder secondo la quale egli non intendeva sostenere la politica economica di Lafontaine. Si trattava probabilmente della goccia che ha fatto traboccare il vaso.
C’era almeno una possibilità di rimanere in carica e di sopravvivere politicamente? Come Ministro delle finanze? Come leader di partito? Dal mio punto di vista, in entrambi i casi: No!
Al più tardi nel marzo del 1999 a Lafontaine doveva essere ormai chiaro che la differenza di opinioni con il Cancelliere Schröder non poteva essere piu’ profonda, e gli era ugualmente chiaro che stavano cercando di metterlo in minoranza con tutti i mezzi possibili. Per me all’epoca non si trattava affatto di una nuova esperienza, avevo sperimentato lo stesso gioco nell’aprile e nel maggio del 1974 quando Willy Brandt si dimise da Cancelliere federale. A quel tempo ero a capo del dipartimento di pianificazione della Cancelleria federale e osservavo da vicino gli accadimenti. A quel tempo c’era lo stesso gioco di sponda fra gli oppositori politici degli altri partiti e alcune persone appartenenti alle loro stesse fila, e l’intera faccenda era sostenuta e rilanciata dai principali media. Willy Brandt, ad esempio, era accusato di avere delle storie con delle donne. (…)
Nel caso di Lafontaine la campagna mediatica veniva condotta anche sui media stranieri. Sul tabloid britannico Sun, ad esempio, era apparso un articolo secondo il quale Lafontaine sarebbe stato l’uomo più pericoloso d’Europa. All’allora presidente della SPD Lafontaine doveva essere già chiaro che contro la forza dei media vicini all’ambiente di Gerhard Schröder non ce l’avrebbe mai fatta. Schröder aveva a bordo con sé persone come Bodo Hombach, Wolfgang Clement e Uwe Karsten Heye che potevano gestire il gioco dei media in maniera estremamente professionale. La battaglia contro la forza di questi media sarebbe stata molto difficile, soprattutto perché la posizione del Cancelliere federale sul fronte mediatico è molto più interessante e forte rispetto a quella di un Ministro delle finanze e presidente della SPD.
Oskar Lafontaine ora ipotizza che sarebbe stato meglio restare in carica almeno come leader di partito. Io lo considero un errore. Il modello di una campagna contro un leader di partito, in carica parallelamente ad un Cancelliere dello stesso partito, lo conosciamo dal passato: quando Willy Brandt si dimise da Cancelliere federale, rimanendo tuttavia leader di partito e svolgendo un ruolo molto positivo nella politica e in particolare nelle campagne elettorali. (…)
Anche Lafontaine ha commesso degli errori
Soprattutto dopo le dimissioni, senza dubbio. Avrebbe dovuto lavorare di piu’ sui media. Avrebbe dovuto persino presentarsi ai congressi di partito. Avrebbe dovuto spiegare la sua mossa. Bene, è facile dirlo oggi. Ovviamente c’è anche la psiche di un essere umano. Ma in politica purtroppo quando si resta in silenzio senza spiegare in maniera sufficientemente completa e chiara le proprie decisioni piu’ importanti, bisogna anche prendere in considerazione il rischio di finire sotto le ruote del carro.

Source link

Facebook Comments