Zelensky trova una quadra con Macron sugli accordi di Minsk (… ma solo per prendere benefit?)

  1. Dopo il lungo colloquio con Putin (durato più di cinque ore), in una conferenza stampa congiunta, Putin ha affermato di ritenere “possibile” prendere in considerazione “una serie di proposte e idee [di Macron]” per ridurre l’escalation della situazione intorno all’Ucraina, il che potrebbe “porre le basi per i nostri ulteriori passi.”

Quindi Macron è volato a Kiev per incontrare Zelensky. Questi alla fine si è detto d’accordo di risolvere le tensioni attuando l’accordo di Minsk.

Tuttavia, non appena Macron è ripartito, è giunta questo lancio dell’Agenzia di stampa RIA, che dice:

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha affermato che Kiev non si rifiuta di rispettare gli accordi di Minsk per risolvere il conflitto nel Donbass, ma non li rispetterà alle condizioni della Federazione Russa.
“La frase che gli accordi di Minsk devono essere attuati è come “Padre nostro”, lo ripetono tutti. La domanda è un’altra: gli accordi di Minsk verranno attuati in termini russi, nell’interpretazione russa, oppure verranno attuati così come sono, non distorto dalla Russia “Ecco perché diciamo che non attueremo gli accordi di Minsk alle condizioni russe, ma questo non significa che non attueremo gli accordi di Minsk in linea di principio”, ha detto Kuleba in un briefing mercoledì, trasmesso online .

Ha aggiunto che durante la visita del presidente francese Emmanuel Macron a Kiev, avvenuta dopo i negoziati con il presidente russo Vladimir Putin, il leader francese non ha convinto la dirigenza ucraina ad attuare gli accordi di Minsk alle condizioni di Mosca. In precedenza, Macron, a seguito dei risultati dei negoziati a Kiev, ha affermato che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha confermato il suo desiderio di attuare gli accordi di Minsk.

Questo è alquanto singolare. In realtà, non sono i ‘termini russi’ degli accordi che devono essere rispettati, ma gli accordi sostenuti e approvati dall’ONU. Tutti hanno firmato, compresi gli Stati Uniti.

Una reazione contrastante siffatta è piuttosto arrogante e non è un bel biglietto da visita…

Oppure, più prosaicamente, il significato è semplice e segue come al solito questo schema: 1) Ucraina “denota l’intenzione” di adempiere alla clausola degli accordi; 2) Germania e Francia, applaudendo, dichiarano “progressi senza precedenti”.

E’ proprio per questo comportamento che ci troviamo alla situazione attuale. In realtà, sembra che gli accordi di Minsk debbano essere ancora discussi. Non è vero! Devono essere semplicemente attuati.

Lo prevede la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU risoluzione del 17 febbraio 2015 n. S/RES/2202 (2015); è una risoluzione presa all’unanimità!

Quindi va rispettata la suddetta risoluzione, eppure si parla di aggressione russa occorre semplicemente stabilire semplicemente l’ordine delle Nazioni Unite.

Adozione all’unanimità della risoluzione 2202 (2015), il Consiglio di sicurezza chiede alle parti di attuare accordi volti a un insediamento pacifico nell’Ucraina orientale:

CONSIGLIO DI SICUREZZA

7384A RIUNIONE (PM)

Adottando all’unanimità la risoluzione 2202 (2015), il Consiglio di sicurezza chiede alle parti di attuare gli accordi volti a un insediamento pacifico nell’Ucraina orientale
Esprimendo la grave preoccupazione del Consiglio di sicurezza per i tragici eventi e le violenze nelle regioni orientali dell’Ucraina, l’organismo di 15 membri ha adottato oggi all’unanimità una risoluzione che approva l’accordo di cessate il fuoco della scorsa settimana.

Con la risoluzione 2202 (2015), il Consiglio ha invitato tutte le parti ad attuare integralmente il “pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk”, adottato il 12 febbraio 2015 a Minsk, in Bielorussia. Fermamente convinto che la soluzione della situazione nelle regioni orientali dell’Ucraina possa essere raggiunta solo attraverso una soluzione pacifica dell’attuale crisi, il Consiglio ha accolto con favore la dichiarazione dei capi di Stato della Federazione russa, dell’Ucraina, della Francia e della Germania a sostegno della “pacchetto di misure” e il loro continuo impegno ad attuare gli accordi.

Il “pacchetto di misure” di 13 commi, contenuto nell’allegato I della delibera, prevedeva una serie di azioni. Questi includevano un cessate il fuoco immediato e globale in alcune aree delle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk e la sua rigorosa attuazione a partire dal 15 febbraio 2015, nonché il ritiro di tutte le armi pesanti da entrambe le parti a pari distanze al fine di creare una zona di sicurezza. Le misure includevano anche il ritiro di tutte le formazioni armate straniere, dell’equipaggiamento militare e dei mercenari dal territorio dell’Ucraina sotto il monitoraggio dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), nonché il disarmo di tutti i gruppi illegali.

Inoltre, il pacchetto prevedeva l’attuazione della riforma in Ucraina con l’entrata in vigore di una nuova costituzione entro la fine del 2015. Tale documento doveva prevedere il decentramento, nonché l’adozione di una legislazione permanente sullo status speciale di alcune aree del Donetsk e Regioni di Luhansk in linea con otto misure fino alla fine del 2015.

Dopo l’adozione della risoluzione, alcuni oratori hanno espresso preoccupazione per gli intensi combattimenti in corso e hanno chiesto la fine della violenza. I relatori hanno anche sostenuto il ruolo del Consiglio nell’affrontare urgentemente una crisi umanitaria sempre più preoccupante che aveva visto più di 5.000 morti e 1,5 milioni di sfollati. I membri del consiglio avevano anche sottolineato che gli autori devono essere ritenuti responsabili per l’abbattimento nel 2014 dell’aereo di linea malese che ha ucciso 298 persone.

Facendo eco a un’opinione comune, il rappresentante della Francia ha affermato che era responsabilità collettiva del Consiglio “mettere a tacere le armi”. Il rappresentante della Germania ha affermato che la risoluzione è della massima importanza, poiché trasmette un messaggio severo a coloro che hanno violato il cessate il fuoco.

D’accordo, il rappresentante dell’Ucraina ha invitato i membri permanenti del Consiglio di sicurezza a prevenire le violazioni. Ha anche sottolineato che la Federazione Russa ha bisogno di proteggere i suoi confini con il suo paese e sollecitare i militanti a onorare gli Accordi.

Il rappresentante della Federazione Russa ha affermato che il suo Paese ha continuamente fatto tutto il possibile per garantire che si instaurasse un dialogo aperto tra le parti in conflitto. Sottolineando che l’attuale pacchetto di misure ha rappresentato un’opportunità per “voltare questa tragica pagina nella storia”, ha messo in guardia contro misure unilaterali che sarebbero in contraddizione con lo spirito degli accordi di Minsk.

Sono intervenuti anche rappresentanti di Regno Unito, Stati Uniti, Spagna, Cile, Malesia (parlando per Australia, Belgio, Canada, Indonesia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Filippine), Nuova Zelanda, Nigeria, Lituania, Ciad, Venezuela, Giordania e Cina.

L’incontro è iniziato alle 15:07 e si è concluso alle 16:28

VITALY CHURKIN ( Federazione Russa ) ha affermato che gli eventi accaduti in Ucraina negli ultimi mesi sono stati tragici. Migliaia di persone erano morte e oltre un milione di civili avevano lasciato la zona del conflitto, molti dei quali in cerca di rifugio in territorio russo. L’accordo del 12 febbraio a Minsk ha rappresentato un’autentica opportunità per “voltare questa tragica pagina nella storia”, ha affermato, mettendo in guardia contro misure unilaterali che sarebbero in contraddizione con lo spirito dell’accordo di Minsk. La Federazione Russa ha continuamente fatto tutto il possibile per garantire che si stabilisse un dialogo aperto tra le parti in conflitto, ha aggiunto.

MARK LYALL GRANT ( Regno Unito) ha affermato che il suo paese ha votato a favore della risoluzione, poiché ha riconosciuto l’importanza di sostenere all’unanimità i recenti accordi in seno al Consiglio di sicurezza. Le parti in conflitto devono impegnarsi per il recente cessate il fuoco e “questa volta dobbiamo vedere gli impegni tradotti in azione”, ha affermato. Ad oggi, il cessate il fuoco era in vigore da due giorni e mezzo e sembrava che fosse stato rispettato ad eccezione di un “flagrante” disprezzo nella città ucraina di Debaltseve. Era del tutto inaccettabile che i leader ribelli avessero rilasciato dichiarazioni secondo cui il cessate il fuoco non si applicava a Debaltseve. L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) deve avere accesso immediato a quella città. “Chiediamo alla Russia di usare la sua influenza sui separatisti” per sostenere il cessate il fuoco, ha detto, aggiungendo che si aspettava anche di vedere il ritiro delle armi pesanti da entrambe le parti entro le prossime due settimane. Il Consiglio deve svolgere pienamente il suo ruolo per garantire il completo rispetto del cessate il fuoco e per garantire la piena integrità territoriale dell’Ucraina.

SAMANTHA POWER ( Stati Uniti) ha affermato che è ironico che la Federazione russa abbia convocato la riunione per adottare una risoluzione su un conflitto che aveva alimentato. Tra notizie contrastanti sulla caduta o meno di Debaltseve, il cessate il fuoco in vigore da domenica non è stato rispettato, con molti civili che hanno sopportato il terrore degli assalti in corso. Inoltre, le forze che la Federazione Russa aveva addestrato e armato erano ancora attive. Il suo governo, sin dall’inizio della crisi, ha sostenuto la sovranità dell’Ucraina, la fine delle violenze e, oggi, il “pacchetto di misure”, che era una tabella di marcia per l’adempimento degli accordi di Minsk stipulati nel settembre 2014. Tutte le parti devono attuare tutte impegni presi. Troppo spesso, i dibattiti del Consiglio si sono svolti in un vuoto che non considerava la realtà sul campo, ha detto,

FRANÇOIS DELATTRE ( Francia ) ha detto che l’emergenza in Ucraina ha richiesto un intervento. Data la preoccupante situazione umanitaria, era responsabilità collettiva del Consiglio “mettere a tacere le armi”. Il percorso verso la pace è imperniato sulla diplomazia e la risoluzione 2202 (2015) riflette l’azione del Consiglio nel tracciare tale percorso. Purtroppo, i combattimenti sono continuati, ha detto, chiedendo la fine immediata della violenza. L’istituzione di una zona cuscinetto ampliata e la rimozione di armi pesanti nelle prossime due settimane sono stati tra i passi da compiere verso la pace. Tutte le parti dovrebbero assumersi pienamente e durevolmente le proprie responsabilità per andare avanti sulla via della pace.

ROMÁN OYARZUN MARCHESI ( Spagna ) ha dichiarato di aver votato a favore della risoluzione 2202 (2015) perché il Consiglio deve agire con urgenza. Grato per i passi intrapresi da Francia e Germania, ha detto che era chiaro che un’opzione militare non avrebbe risolto la crisi. Il comunicato stampa del Consiglio di sicurezza recentemente rilasciato aveva riconosciuto che il cessate il fuoco non era stato rispettato. Il successo del pacchetto di misure è stato essenziale per la pace e la stabilità in Ucraina, nella regione e nel mondo, con l’Unione europea e l’OSCE che hanno svolto ruoli chiave e che hanno agito in modo responsabile e insieme per risolvere la crisi.

CRISTIÁN BARROS MELET ( Cile ) ha affermato che il cessate il fuoco porterebbe alla fine della crisi e che la risoluzione 2202 (2015) conteneva elementi importanti al riguardo. Ha detto che i 13 punti dell’accordo di Minsk andrebbero a beneficio del popolo ucraino. Al fine di porre fine alle violenze, ha invitato tutte le parti a rispettare il cessate il fuoco fino a quando non sarà trovata una soluzione per risolvere l’attuale crisi.

HUSSEIN HANIFF ( Malesia), parlando anche a nome di Australia, Belgio, Canada, Indonesia, Paesi Bassi e Filippine, ha affermato che il suo paese ritiene che la risoluzione appena adottata esprimesse il pieno sostegno del Consiglio agli accordi negoziati per il cessate il fuoco e la pace. Tuttavia, i recenti sviluppi nell’Ucraina orientale hanno dimostrato che la situazione era più urgente che mai. Il conflitto era durato troppo a lungo e aveva causato la morte di troppe persone innocenti, comprese quelle a bordo del volo MH17 che è stato tragicamente abbattuto nell’area del conflitto il 17 luglio 2014. Tutti gli Stati devono cooperare pienamente con gli sforzi per portare i responsabili per quella tragedia alla giustizia. La risoluzione adottata oggi non è ambigua al riguardo, ha affermato, ribadendo che gli standard internazionali in materia di responsabilità si applicano a tutti gli Stati membri.

JIM MCLAY ( Nuova Zelanda) ha affermato che non è un segreto che il Consiglio abbia faticato a negoziare un testo reciprocamente accettabile per la risoluzione adottata oggi. Tuttavia, ciò non dovrebbe oscurare la semplice verità: l’obiettivo generale deve essere quello di vedere salvate vite umane, rispettare la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina e porre fine al sostegno esterno ai separatisti. Il cessate il fuoco non è sempre stato coerente e in ogni luogo, ma oggi il Consiglio ha inviato un forte segnale di sostegno adottando all’unanimità la risoluzione. Inoltre, le precedenti decisioni del Consiglio sull’aereo abbattuto, l’MH17, erano chiare. Le vittime di quella tragedia non devono essere dimenticate e i responsabili devono essere ritenuti responsabili. Pertanto, l’amnistia offerta dalla delibera adottata oggi non dovrebbe applicarsi ai responsabili di quel reato.

KAYODE LARO ( Nigeria ) ha affermato che è importante che il Consiglio invii un messaggio sull’importanza di trovare una soluzione duratura alla crisi in Ucraina. Non ci sarebbe una soluzione militare al conflitto, ha affermato, osservando che tutte le parti dovrebbero perseguire una soluzione alla situazione attraverso un dialogo che non influisca sull’integrità territoriale dell’Ucraina.

RAIMONDA MURMOKAITĖ ( Lituania) ha affermato che la crisi umanitaria, con oltre 5.000 morti e 1,5 milioni di sfollati, è stata esacerbata da un afflusso di armi russe. Anche mentre il “pacchetto di misure” veniva redatto, i carri armati stranieri erano entrati in Ucraina e criminali pesantemente armati avevano continuato il loro assalto contro Debaltseve, con la minaccia di continuare la loro “marcia mortale” fino a Kharkiv e oltre. Il cessate il fuoco, compreso il più recente, era stato violato, con i militanti che hanno intrapreso una guerra con l’aiuto della Federazione Russa. La pace sarebbe stata possibile senza il sostegno di quel Paese ai militanti. Sebbene il pacchetto fosse imperfetto, i suoi elementi devono essere rispettati e gli accordi di Minsk devono essere attuati. “Sappiamo bene cosa deve essere fatto”, ha detto, sottolineando la necessità di monitoraggio e che la Federazione Russa interrompa il suo sostegno ai militanti.

BANTE MANGARAL ( Ciad ) ha affermato che il suo paese ha fortemente sostenuto la risoluzione per il suo contributo nell’affrontare la situazione. Ha inoltre esortato tutti gli attori ad attuare ogni elemento della risoluzione 2202 (2015) per contribuire a porre fine alla crisi in Ucraina.

RAFAEL DARÍO RAMÍREZ CARREÑO ( Venezuela ) ha affermato che il suo paese ha sostenuto la risoluzione poiché i mezzi diplomatici sono l’unica soluzione al conflitto. La risoluzione e gli accordi di Minsk dovevano avere il pieno sostegno politico per la loro piena attuazione, ha affermato, aggiungendo che confidava che le parti si sarebbero impegnate in tali sforzi. Inoltre, deve essere intrapresa un’indagine internazionale trasparente in merito all’abbattimento dell’aereo passeggeri della Malaysian Airlines. Non era il momento di diffondere odio, ma di promuovere la pace, il dialogo e la diplomazia.

MAHMOUD DAIFALLAH MAHMOUD HMOUD ( Giordania ) ha affermato che una soluzione politica è il modo giusto per aiutare l’Ucraina a ritrovare la sua stabilità. Le parti in conflitto dovrebbero attuare pienamente gli accordi di pace del settembre 2014 in linea con il calendario concordato. È importante notare che il pacchetto di misure adottato non ha modificato in alcun modo il contenuto o le disposizioni degli accordi di Minsk, che dovrebbero essere attuati da tutti i paesi. Ha anche espresso preoccupazione per il mancato rispetto del cessate il fuoco a Debaltseve e ha chiesto ai secessionisti di porre fine immediatamente alle violenze lì.

LIU JIEYI, parlando in qualità di rappresentante della Cina , ha accolto con favore l’accordo di Minsk raggiunto dai leader della Federazione Russa, Ucraina, Germania e Francia, che ha affermato essere parte integrante del processo di pace. Tale accordo dovrebbe essere pienamente rispettato da tutte le parti. Il Consiglio di sicurezza, da parte sua, dovrebbe aumentare il suo sostegno, al fine di allentare le tensioni nell’Ucraina orientale. La risoluzione adottata oggi è stata una dimostrazione del sostegno della comunità internazionale all’accordo dei quattro paesi. “Dobbiamo rimanere sulla strada di una soluzione politica”, ha affermato, aggiungendo che qualsiasi soluzione a lungo termine deve essere equilibrata, affrontare le legittime preoccupazioni di tutte le parti e rispettare le realtà di lunga data della regione.

YURIY SERGEYEV ( Ucraina ) ha affermato che il suo paese ha accolto favorevolmente il sostegno ai recenti accordi raggiunti la scorsa settimana. Mentre la parte russa si era posizionata come un devoto sostenitore della pace e aveva persino suggerito la risoluzione che era stata appena adottata, quello che è successo in realtà è stato diverso. Purtroppo, nonostante la speranza di tutte le parti sull’adempimento di tutti gli impegni, il mancato rispetto degli accordi ha rovinato la prospettiva della pace, ha affermato.

I militanti avevano violato gli accordi precedenti, così come l’intero pacchetto degli accordi di Minsk, ha affermato, aggiungendo che gli obiettivi ucraini hanno ceduto a più di 160 bombardamenti e armi in arrivo in Ucraina dopo la scadenza del cessate il fuoco. Nel frattempo, l’esercito ucraino era rimasto in silenzio, rispettando l’accordo. La situazione a Debaltseve era incredibilmente tesa, con i militanti che andavano avanti, minando l’essenza del processo di pace. Ha invitato i membri permanenti del Consiglio di sicurezza a prevenire le violazioni e ha sottolineato che la Federazione Russa deve proteggere i confini e sollecitare i militanti a onorare gli accordi.

HARALD BRAUN ( Germania ) ha affermato che il cessate il fuoco è stato in gran parte valido, con la deplorevole eccezione di Debaltseve. I continui attacchi non solo hanno minacciato il cessate il fuoco, ma hanno minato il processo di soluzione politica concordato nel quadro del gruppo di contatto trilaterale e approvato dai capi di Stato e di governo della Normandia a Minsk. La risoluzione del Consiglio era della massima importanza, ha affermato, poiché trasmetteva un messaggio severo a coloro che hanno violato il cessate il fuoco.

Prendendo la parola per la seconda volta, il Sig. CHURKIN ( Federazione Russa)ha espresso la sua delusione per l’esito del dibattito. La risoluzione adottata doveva gettare solide basi per il lavoro del Consiglio di sicurezza. Tuttavia, “le nostre speranze sono state soddisfatte solo in parte”, ha affermato, aggiungendo che alcuni membri del Consiglio si sono impegnati nella loro solita retorica. Chiede la corretta attuazione della delibera appena adottata. Rispondendo al suo omologo statunitense, che aveva parlato di un “mondo alla rovescia”, ha detto di essersi rammaricato che il suo Paese fosse stato accusato di aver innescato la crisi in Ucraina. “Ma siamo noi che abbiamo rovesciato un presidente? Cos’è che ha innescato il conflitto?” chiese. Era stata una decisione delle autorità di Kiev lanciare un’operazione militare nell’Ucraina orientale. Avrebbero potuto agire in modo più nobile, prevenendo la morte dei loro soldati, ha affermato.

Riconoscendo il destino della popolazione civile a Debaltseve, ha chiesto perché i paesi occidentali non hanno sollevato preoccupazioni per le popolazioni di Donetsk e Lugansk. Ha assicurato ai membri del Consiglio che la Federazione Russa aveva cercato di organizzarsi collettivamente per i convogli umanitari. Purtroppo, l’Ucraina si era rifiutata di ispezionare i loro carichi. Infine, rivolgendosi alle due delegazioni che avevano parlato della Crimea, ha affermato che, secondo un sondaggio, il 93 per cento degli abitanti della Crimea sostiene la riunificazione con la Federazione Russa. Per quanto riguarda l’integrità territoriale dell’Ucraina, ha ricordato che il Consiglio aveva adottato una risoluzione al riguardo nel febbraio 2013.

Prendendo la parola anche per la seconda volta, la signora POWER ( Stati Uniti ) ha accolto favorevolmente l’accordo, affermando: “Faremo tutto il possibile per sostenerlo”. Tuttavia, ha chiesto alla Federazione Russa di fermare i separatisti e di interrompere l’invio di armi pesanti attraverso il confine. “Smettila di fingere di fare ciò che non fai”, ha sottolineato, chiedendo a quel paese di adempiere ai propri obblighi.

Prendendo nuovamente la parola, il sig. CHURKIN ( Federazione Russa ) ha affermato che il suo paese non stava fingendo e ha espresso la speranza che gli accordi vengano pienamente attuati.

Prendendo la parola per la seconda volta, SERGEYEV ( Ucraina ) ha affermato che ciò che la Federazione Russa ha chiamato “riunificazione della Crimea” era in realtà “un’occupazione, un’annessione a seguito di un’aggressione”. La Federazione Russa aveva calpestato il diritto internazionale e stava interferendo negli affari interni dell’Ucraina. “Decideremo noi stessi come organizzare le nostre vite e interagire con la nostra gente”, ha insistito.

Il sig. CHURKIN ( Federazione Russa ) ha risposto che per organizzare i suoi affari, Kiev deve stabilire un dialogo con gli abitanti della sua regione orientale.

La sig.ra MURMOKAITĖ ( Lituania ), prendendo la parola per la seconda volta, ha sottolineato che non è stato facile lavorare su una bozza di costituzione “con una pistola puntata alla testa”. Ha detto di aver anche notato che gli attivisti in Ucraina, i “criminali”, erano meglio armati di alcuni eserciti europei, come quello del suo paese. Tali armi potevano provenire solo dall’altra parte del confine. Inoltre, ha notato la sua sorpresa per il fatto che la Federazione Russa dovrebbe chiedere a Kiev di chiedere ai propri soldati di arrendersi. Quanti paesi accetterebbero semplicemente che le loro città sono circondate da criminali? Qualsiasi paese del Consiglio difenderebbe il proprio territorio fino alla fine, ha affermato.

Il sig. CHURKIN ( Federazione Russa ) ha invitato i membri del Consiglio a leggere gli accordi di Minsk, in cui, a suo dire, hanno discusso del ripristino dell’Ucraina. Si è offeso per il fatto che i soldati ucraini avessero sparato in prima linea. Rispondendo alla sua controparte lituana, ha affermato che il suo paese era l’unico Stato ad aver ammesso di aver fornito armi alle forze ucraine.

Rispondendo, la sig.ra MURMOKAITĖ ( Lituania ) ha affermato che non era corretto affermare che il suo paese forniva armi all’Ucraina. Sebbene la Lituania avesse preso cittadini ucraini per cure mediche, anche se il suo paese avesse fornito armamenti, sarebbe stata una “goccia nell’oceano” e non avrebbe fatto la differenza, ha affermato.

Prendendo nuovamente la parola, SERGEYEV ( Ucraina ) ha affermato che mentre i leader si sono incontrati a Minsk e hanno rilasciato dichiarazioni molto chiare, la sua delegazione non può essere d’accordo con l’interpretazione appena ascoltata dal delegato della Federazione Russa. “Non siamo qui per creare Minsk III”, ha detto.

Il sig. CHURKIN ( Federazione Russa ), riprendendo la parola, ha affermato che l’accordo di Minsk dovrebbe essere letto, interpretato e attuato parola per parola.

Risoluzione

Il testo integrale della risoluzione 2202 (2015) recita quanto segue:

“ Il Consiglio di Sicurezza ,

“ Ricordando le finalità e i principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite e riaffermando il suo pieno rispetto per la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina,

“ Esprimendo grave preoccupazione per i tragici eventi e le violenze nelle regioni orientali dell’Ucraina,

“ Riaffermando la sua risoluzione 2166 (2014),

“ Fermamente convinti che la soluzione della situazione nelle regioni orientali dell’Ucraina può essere raggiunta solo attraverso una soluzione pacifica dell’attuale crisi,

“1. approva il “pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk”, adottato e firmato a Minsk il 12 febbraio 2015 (allegato I);

“2. accoglie con favore la dichiarazione del Presidente della Federazione Russa, del Presidente dell’Ucraina, del Presidente della Repubblica francese e del Cancelliere della Repubblica federale di Germania a sostegno del “Pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk”, adottata il il 12 febbraio 2015 a Minsk (allegato II) e il loro continuo impegno nell’attuazione degli accordi di Minsk;

“3. invita tutte le parti ad attuare pienamente il “pacchetto di misure”, compreso un cessate il fuoco globale come ivi previsto;

“4. Decide di restare sequestrato.

“ Allegato I [alla risoluzione]

“ Pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk

Minsk, 12 febbraio 2015

“1. Cessate il fuoco immediato e completo in alcune aree delle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk e la sua rigorosa attuazione a partire dal 15 febbraio 2015, 00:00 ora locale.

“2. Ritiro di tutte le armi pesanti da entrambe le parti a distanze uguali al fine di creare una zona di sicurezza di almeno 50 km di larghezza l’una dall’altra per i sistemi di artiglieria di calibro 100 e più, una zona di sicurezza di 70 km di larghezza per MLRS e 140 km wide per MLRS “Tornado-S”, Uragan, Smerch e sistemi missilistici tattici (Tochka, Tochka U):

-per le truppe ucraine: dalla linea di contatto di fatto;

-per le formazioni armate di alcune aree delle regioni ucraine di Donetsk e Luhansk: dalla linea di contatto secondo il Memorandum di Minsk del 19 settembre 2014;

“Il ritiro delle armi pesanti come sopra specificato deve iniziare al più tardi il giorno 2 del cessate il fuoco e concludersi entro 14 giorni.

“Il processo sarà facilitato dall’OSCE e sostenuto dal Gruppo di contatto trilaterale.

“3. Garantire un monitoraggio e una verifica efficaci del regime di cessate il fuoco e del ritiro delle armi pesanti da parte dell’OSCE dal primo giorno del ritiro, utilizzando tutte le apparecchiature tecniche necessarie, inclusi satelliti, droni, apparecchiature radar, ecc.

“4. Avviare un dialogo, il giorno 1 del ritiro, sulle modalità delle elezioni locali in conformità con la legislazione ucraina e la legge ucraina “Sull’ordine provvisorio di autogoverno locale in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk”, nonché sul futuro regime di queste aree in base a questa legge.

“Adottare tempestivamente, entro e non oltre 30 giorni dalla data di firma del presente documento, una risoluzione del Parlamento ucraino che specifichi l’area che gode di un regime speciale, ai sensi della legge ucraina “Sull’ordine provvisorio di autogoverno in alcune aree del regioni di Donetsk e Luhansk”, sulla base della linea del Memorandum di Minsk del 19 settembre 2014.

“5. Garantire la grazia e l’amnistia emanando la legge che vieta il perseguimento e la punizione delle persone in relazione agli eventi che hanno avuto luogo in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk in Ucraina.

“6. Garantire il rilascio e lo scambio di tutti gli ostaggi e delle persone detenute illegalmente, sulla base del principio “tutti per tutti”. Questo processo deve essere terminato al più tardi il giorno 5 dopo il ritiro.

“7. Garantire l’accesso, la consegna, lo stoccaggio e la distribuzione sicuri dell’assistenza umanitaria a chi ne ha bisogno, sulla base di un meccanismo internazionale.

“8. Definizione delle modalità di piena ripresa dei legami socioeconomici, compresi i trasferimenti sociali come i pagamenti delle pensioni e altri pagamenti (entrate e entrate, pagamenti puntuali di tutte le bollette, ripristino della tassazione nel quadro giuridico dell’Ucraina).

“A tal fine, l’Ucraina ripristinerà il controllo del segmento del suo sistema bancario nelle aree colpite dal conflitto e sarà eventualmente istituito un meccanismo internazionale per facilitare tali trasferimenti.

“9. Ripristino del pieno controllo del confine di stato da parte del governo ucraino in tutta l’area di conflitto, a partire dal giorno 1 dopo le elezioni locali e termina dopo la soluzione politica globale (elezioni locali in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk sulla base del Legge dell’Ucraina e riforma costituzionale) da finalizzare entro la fine del 2015, a condizione che il paragrafo 11 sia stato attuato in consultazione e previo accordo da rappresentanti di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk nel quadro del gruppo di contatto trilaterale.

“10. Ritiro di tutte le formazioni armate straniere, dell’equipaggiamento militare e dei mercenari dal territorio dell’Ucraina sotto il controllo dell’OSCE. Disarmo di tutti i gruppi illegali.

“11. Realizzazione della riforma costituzionale in Ucraina con una nuova costituzione in vigore entro la fine del 2015 che prevede il decentramento come elemento chiave (compreso un riferimento alle specificità di alcune aree nelle regioni di Donetsk e Luhansk, concordato con i rappresentanti di queste aree) , nonché l’adozione di una legislazione permanente sullo status speciale di alcune zone delle regioni di Donetsk e Luhansk in linea con le misure indicate nella nota a piè di pagina fino alla fine del 2015. [Nota]

“12. Sulla base della legge ucraina “Sull’ordine provvisorio dell’autogoverno locale in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk”, le questioni relative alle elezioni locali saranno discusse e concordate con i rappresentanti di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk nel quadro del Gruppo di contatto trilaterale. Le elezioni si terranno in conformità con gli standard OSCE pertinenti e saranno monitorate dall’OSCE/ODIHR.

“13. Intensificare il lavoro del gruppo di contatto trilaterale anche attraverso l’istituzione di gruppi di lavoro sull’attuazione degli aspetti pertinenti degli accordi di Minsk. Rifletteranno la composizione del gruppo di contatto trilaterale.

“ Nota

” Tali misure sono, secondo la legge sull’ordine speciale per l’autogoverno locale in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk:

-Esenzione da punizioni, procedimenti giudiziari e discriminazioni per le persone coinvolte negli eventi che hanno avuto luogo in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk;

-Diritto all’autodeterminazione linguistica;

-Partecipazione degli organi dell’autogoverno locale alla nomina di capi di pubblici ministeri e tribunali in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk;

-Possibilità per le autorità governative centrali di avviare accordi con organi di autogoverno locale in merito allo sviluppo economico, sociale e culturale di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk;

“-Lo Stato sostiene lo sviluppo sociale ed economico di alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk;

-Sostegno delle autorità del governo centrale alla cooperazione transfrontaliera in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk con i distretti della Federazione Russa;

-Creazione di unità di polizia popolare su decisione dei consigli locali per il mantenimento dell’ordine pubblico in alcune aree delle regioni di Donetsk e Luhansk;

-I poteri dei deputati dei consigli locali e dei funzionari, eletti alle elezioni anticipate, nominati dalla Verkhovna Rada dell’Ucraina con questa legge, non possono essere revocati anticipatamente.

“Partecipanti del Gruppo di contatto trilaterale:

Ambasciatore Heidi Tagliavini

Secondo presidente dell’Ucraina, LD Kuchma

Ambasciatore della Federazione Russa in Ucraina, M. Yu. Zurabov

AW Zakharchenko

IW Plotnitski

“ Allegato II [alla risoluzione]

“Dichiarazione del Presidente della Federazione Russa, del Presidente dell’Ucraina, del Presidente della Repubblica francese e del Cancelliere della Repubblica federale di Germania a sostegno del ‘Pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk’, adottata il 12 Febbraio 2015 a Minsk

Il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, il Presidente dell’Ucraina, Petro Poroshenko, il Presidente della Repubblica francese, François Hollande, e il Cancelliere della Repubblica Federale di Germania, Dr. Angela Merkel, riaffermano il loro pieno rispetto per la sovranità e integrità territoriale dell’Ucraina. Credono fermamente che non ci sia alternativa a un accordo esclusivamente pacifico. Si impegnano pienamente a intraprendere tutte le misure individuali e congiunte possibili a tal fine.

“In questo contesto, i leader approvano il pacchetto di misure per l’attuazione degli accordi di Minsk adottato e firmato il 12 febbraio 2015 da tutti i firmatari che hanno anche firmato il protocollo di Minsk del 5 settembre 2014 e il memorandum di Minsk del 19 settembre 2014. contribuiscono a questo processo e utilizzeranno la loro influenza sulle parti interessate per facilitare l’attuazione di quel pacchetto di misure.

“La Germania e la Francia forniranno competenze tecniche per il ripristino del segmento del sistema bancario nelle aree colpite dal conflitto, possibilmente attraverso l’istituzione di un meccanismo internazionale per facilitare i trasferimenti sociali.

“I leader condividono la convinzione che una migliore cooperazione tra UE, Ucraina e Russia favorirà la soluzione della crisi. A tal fine, approvano il proseguimento dei colloqui trilaterali tra l’UE, l’Ucraina e la Russia sulle questioni energetiche al fine di realizzare fasi di follow-up del pacchetto invernale sul gas.

“Sostengono inoltre i colloqui trilaterali tra UE, Ucraina e Russia al fine di ottenere soluzioni pratiche alle preoccupazioni sollevate dalla Russia in merito all’attuazione dell’accordo di libero scambio globale e approfondito tra l’Ucraina e l’UE.

“I leader restano impegnati nella visione di uno spazio umanitario ed economico congiunto dall’Atlantico al Pacifico basato sul pieno rispetto del diritto internazionale e dei principi dell’OSCE.

“I leader rimarranno impegnati nell’attuazione degli accordi di Minsk. A tal fine, concordano di istituire un meccanismo di supervisione nel formato Normandia che si riunirà a intervalli regolari, in linea di principio a livello di alti funzionari dei ministeri degli esteri”.

fine citazione –

Qui la versione in inglese in originale: https://www.un.org/press/en/2015/sc11785.doc.htm

Vp News

Exit mobile version