Wall Street Journal critico sulla gestione della Rete elettrica statunitense

Come sapete, oggi in un altro articolo, ho affrontato il problema energetico cinese, osservando che la transizione energetica dovrebbe avvenire con gradualità ed in un ambito ove tutte le risorse siano impiegate per questo e non una costante tensione internazionale che si alimenta costantemente.

Quello che segue è un articolo dell’autorevole Wall Street Journal, ripubblicato dal blog USA “Stop The Sittings”.

Esso osserva che “la gente vuole energia ogni volta che ne ha bisogno, non quando il vento soffia in maniera giusta o il sole è allo zenit in un cielo senza nuvole”.

Ovviamente è contro le rinnovabili. Io non lo sono, tuttavia i maggiori costi e le inefficienze non dovrebbero essere riversate sui cittadini e  come si vede sullo sfondo la de carbonizzazione non dovrebbe essere il pretesto per nuove guerre economiche planetarie..

Nello specifico WSJ  affronta è l’impennata di acquisto di generatori diesel domestici e aziendali per far fronte alle sempre più frequenti interruzioni corrente in Texas e California.

Tuttavia, secondo un’altra versione dei fatti – riportata tra l’altro in Wikipedia – i malfunzionamenti sarebbero causati dal fatto che  “il Texas avrebbe isolato la sua rete elettrica dalle due principali reti nazionali nel tentativo di ridurre i costi energetici nello stato e deregolamentare il suo settore energetico . Questa disconnessione ha reso difficile per lo stato importare elettricità da altri stati durante la crisi”.

Il WSJ critica l’agenda governativa che prevede di elettrificare tutto, giudicandola troppo onerosa per le fasce di cittadini più deboli.

Probabilmente la verità è nel mezzo. In tema di gestione di cose pubbliche, viene da pensare alla carente gestione dell’acqua in Italia affidata alle aziende private, nonostante il chiaro risultato del referendum del 2011.

Comunque, questo è l’articolo in questione:

Preparatevi per i blackout: la cattiva gestione e la spinta alle energie rinnovabili stanno degradando l’affidabilità della rete elettrica statunitense

Wall Street Journal
Robert Bryce – 7 settembre 2021

La Generac Power Systems, una società che produce generatori domestici e altre apparecchiature, ha annunciato a luglio vendite record di 920 milioni di dollari durante il secondo trimestre, un balzo del 68% rispetto allo scorso anno. Ma ciò che è bene per Generac è male per l’America.

Non è una smentita alla società con sede nel Wisconsin, che produce circa tre quarti dei generatori domestici di riserva venduti negli Stati Uniti. Invece, le vendite impennate di Generac sono la prova che la rete elettrica degli Stati Uniti sta diventando meno affidabile, il che renderà gli americani meno ricchi e meno sicuri. I consumatori stanno spendendo miliardi di dollari in generatori da avere a portata di mano quando si manca la corrente. E’ inutile dire che questo capitale sarebbe meglio speso per altre cose come l’istruzione o il miglioramento della casa.

I blackout sono mortali e creano costosi ostacoli all’economia. Cattive politiche e mancanza di supervisione hanno contribuito ai blackout di febbraio in Texas. Il conteggio finale: circa 200 miliardi di dollari di danni e circa 700 morti per ipotermia, avvelenamento da monossido di carbonio e altre cause. In California, uno stato che sta sanguinando i residenti, i blackout sono diventati un evento quasi quotidiano.

Generac afferma in una recente presentazione agli investitori che la gravità dell’interruzione di corrente sta “aumentando in modo significativo”. Tra il 2000 e il 2020, il numero di quelli che il Dipartimento per l’Energia chiama “gravi disturbi elettrici e eventi insoliti” è aumentato di 13 volte.

La rete è la Rete Madre per i sistemi critici: GPS, comunicazione, semafori, acqua e trattamento delle acque reflue. Il saggista Emmet Penney aveva ragione quando dichiarò all’American Conservative che “non esiste una società ricca con una rete elettrica debole”.

Tre cose stanno indebolendo la rete. Uno è la fretta di aggiungere fonti di energia rinnovabili come l’eolico e il solare, che dipendono dal clima favorevole per funzionare. In secondo luogo, negli ultimi anni sono state chiuse numerose centrali a carbone e nucleari che forniscono energia di base e aiutano a mantenere stabile la rete. In terzo luogo, le organizzazioni di trasmissione regionali come Ercot in Texas e Caiso in California stanno gestendo male il sistema. Non forniscono incentivi sufficienti per garantire l’affidabilità, ad esempio fornendo pagamenti ai generatori che dispongono di stoccaggio di carburante in loco.

I promotori delle energie rinnovabili non vogliono ammettere che l’eolico e il solare stanno minando la rete. Ma la North American Electric Reliability Corporation, un gruppo commerciale senza scopo di lucro, ha affermato in un rapporto il mese scorso che “cambiare il mix di risorse” è la sfida più urgente per l’affidabilità. Il gruppo afferma che la capacità di generazione elettrica americana “è sempre più caratterizzata come sensibile alle temperature estreme, diffuse e di lunga durata, nonché alla siccità eolica e solare”.

Il calo dell’affidabilità è particolarmente importante perché il presidente Biden ha affermato di voler “decarbonizzare” l’industria energetica entro il 2035, una mossa che probabilmente richiederà il ritiro di tutti i generatori a carbone e gas del paese. Inoltre, gli attivisti chiedono maggiore dipendenza dalle energie rinnovabili e “elettrificazione di tutto”, compresi l’industria e i trasporti. Eppure la rete è in difficoltà anche sotto i carichi esistenti.

Cercare di elettrificare tutto sarebbe un disastro, soprattutto per i consumatori a basso reddito. I poveri tendono a vivere in case che non sono efficienti o robuste come quelle occupate dai ricchi. È più probabile che soffrano, o addirittura muoiano, durante i blackout o le condizioni meteorologiche estreme. Non possono permettersi generatori o sistemi di batterie di riserva, che possono costare 10.000 dollari o più. I clienti di Generac hanno un reddito familiare medio di circa $ 130.000, più del doppio della media degli Stati Uniti.

I problemi sulla rete elettrica dovrebbero far scattare gli allarmi a Washington, DC e nelle capitali dello stato. I regolatori e i responsabili politici dovrebbero preservare le centrali nucleari e assicurarsi che ulteriori chiusure di centrali a carbone non danneggino la resilienza della rete.

Se l’America vuole rimanere un leader mondiale, deve avere una rete robusta che fornisca elettricità economica, abbondante e affidabile tutto il giorno, tutti i giorni dell’anno. Non possiamo fare affidamento su Generac per questo.

Wall Street Journal by  “Stop The Sittings”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.