WhatsApp inizierà presto a condividere i tuoi dati con Facebook

Ed ecco un’altra cosa bellissima…
WhatApp ora trasferisce ufficialmente i dati personali degli utenti di Facebook.

WhatsApp inizierà presto a condividere i tuoi dati con Facebook come termini di utilizzo dell’app. Questo completa una svolta iniziata quando Facebook ha acquisito l’app nel 2014. All’epoca WhatsApp assicurava agli utenti che i loro dati sarebbero rimasti riservati e non sarebbero stati condivisi con Facebook.

Gli utenti di WhatsApp stanno ricevendo una notifica in-app dei nuovi termini e dell’informativa sulla privacy del servizio. La notifica, come puoi vedere nello screenshot allegato, parla di tre aggiornamenti chiave che influenzano il modo in cui WhatsApp elabora i tuoi dati, come le aziende possono utilizzare i servizi ospitati da Facebook per archiviare e gestire le loro chat WhatsApp e come WhatsApp diventerà presto un partner. Facebook ha bisogno di questo per offrire una più profonda integrazione con tutti i prodotti di quest’ultimo. È stato inoltre rivelato che queste modifiche entreranno in vigore l’8 febbraio e gli utenti non avranno altra scelta che accettare queste modifiche se scelgono di continuare a utilizzare WhatsApp.

Tra le altre cose, i tuoi dati verranno ora utilizzati per visualizzare annunci personalizzati. Le modifiche miglioreranno i loro servizi e la tua esperienza di utilizzo, ad esempio, saranno create offerte per te, saranno personalizzati funzionalità e contenuti, e sarai assistito per gli acquisti e le transazioni e visualizzerai offerte e pubblicità pertinenti dei prodotti Facebook.

WhatsApp will share your data with Facebook whether you like it or not

whats

WhatsApp indica che presto non avrai altra scelta che condividere i tuoi dati con la società madre Facebook se desideri continuare a utilizzare il servizio.
L’app di messaggistica ha pubblicato una nuova politica sulla privacy che entrerà in vigore l’8 febbraio. “Dopo questa data, sarà necessario accettare questi aggiornamenti per continuare a utilizzare WhatsApp”, ha informato gli utenti tramite una notifica in-app chiedendo loro di accettare la politica.
Se non sei d’accordo, nello stesso avviso ti verrà chiesto di eliminare il tuo account.

L’imminente cambiamento deluderà gli utenti di WhatsApp che vorrebbero ridurre al minimo la raccolta di dati da Facebook, una società che ha affrontato ripetutamente controversie sulla privacy. Già nel 2016, WhatsApp ti ha permesso di disattivare la condivisione dei dati quando si trattava di indirizzare gli annunci e le “esperienze di prodotto” per Facebook.
Tuttavia era prevista una condizione per il rifiuto: è necessario attivarlo entro i primi 30 giorni dall’iscrizione al servizio. (Ma anche se tu lo facessi, WhatsApp potrebbe comunque condividere le informazioni del tuo account con Facebook allo scopo di “gestire e fornire” il servizio di messaggistica.)

La nuova politica sulla privacy di WhatsApp non prevede questo opt-out. Inoltre, non è chiaro se WhatsApp intenda riprendere la condivisione dei dati per gli utenti che hanno precedentemente attivato l’opt-out. Abbiamo chiesto a Facebook un commento e aggiorneremo la storia se sentiremo una risposta.
Nel frattempo, la nuova politica chiarisce quali informazioni può raccogliere e anche condividere con Facebook e le sue controllate. Questi dati includono il numero di telefono del tuo account WhatsApp, il nome e la foto del tuo profilo e le transazioni finanziarie che hai effettuato tramite l’app.

“Condividiamo le tue informazioni per aiutarci a operare, fornire, migliorare, comprendere, personalizzare, mantenere e vendere i nostri servizi”, aggiunge WhatsApp alla politica sulla privacy. Ciò includerà l’invio di consigli sugli amici, la personalizzazione dei contenuti e la visualizzazione di offerte promozionali pertinenti su vari prodotti Facebook.

https://www.pcmag.com/news/whatsapp-to-require-users-to-share-data-with-facebook-via-new-privacy-policy

Facebook assicura che i messaggi privati ​​crittografati non saranno interessati.

Facebook nell’ultimo anno è passato al ruolo di un censore aperto, quindi puoi dimenticarti della segretezza della corrispondenza. Da qui la lotta ai messenger cinesi per preservare la posizione privilegiata dei social network affiliati ai servizi di intelligence americani. Dato che le informazioni sono state trasmesse prima, possiamo dire che questa è solo una delle fasi dell’integrazione finale di WhatsApp nel sistema di sorveglianza digitale globale.

fonte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.